L'adunata della Lega Nord a Bologna è stata l'ospizio della destra italiana

Ieri in piazza a Bologna si è ritrovato ciò che resta del centrodestra italiano, accerchiato da contromanifestazioni anti-Lega e scontri con la polizia.

|
nov 9 2015, 11:10am

Foto di Michele Lapini/VICE News

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato

Lo scorso agosto Matteo Salvini aveva promesso il "blocco totale" dell'Italia nella prima settimana di novembre per dare "una spallata" al governo di Matteo Renzi—una specie di mobilitazione modellata su quella dei "Forconi" di due anni fa, che avrebbe dovuto culminare nell'"invasione" pacifica di piazza Maggiore a Bologna.

Il "blocco" alla fine non c'è mai stato, mentre la manifestazione leghista – battezzata "#Liberiamoci" dal segretario – si è tenuta ieri in una città completamente blindata da più di mille agenti di polizia.

La vigilia è stata contrassegnata dalle polemiche e da una ridefinizione delle alleanze interne alla destra italiana. Gli estremisti di destra di CasaPound, ad esempio, avevano tolto il loro appoggio all'evento. "I presupposti non sembrano quelli identitari e sovranisti del nuovo corso 'salviniano'," ha spiegato il vicepresidente di Cpi Simone Di Stefano, ma assomigliano piuttosto a un "ritorno al passato."

Il riferimento era alla presenza di Fratelli d'Italia e – soprattutto – di Forza Italia e Silvio Berlusconi, che dopo diversi tentennamenti ha annunciato la sua partecipazione dicendosi "lieto di accettare l'invito del segretario della Lega," poiché "non potevamo restare indifferenti dinanzi alle pressioni dei nostri elettori che in questi giorni hanno insistentemente chiesto una forte dimostrazione di unità del centro-destra."

Dall'altro lato, la calata leghista su Bologna ha incontrato sin da subito l'opposizione dei movimenti di sinistra. Per l'8 novembre, infatti, le realtà sociali cittadine hanno organizzato diverse iniziative e cortei. In vista delle proteste, Matteo Salvini aveva sprezzantemente detto che "non sarà qualche zecca rossa" a impedire "una grande festa democratica di popolo."

A ogni modo, piazza Maggiore ha cominciato a riempirsi di leghisti e forzisti - carichi di bandiere, ruspe e striscioni inneggianti ai marò - intorno a metà mattinata. A qualche chilometro di distanza, abbastanza lontano dalla zona rossa allestita dalle forze dell'ordine, il concentramento della piattaforma "Difendere Bologna dall'invasione leghista" iniziava a ingrossarsi sul ponte di via Stalingrado.

(Manifestanti sul Ponte di via Stalingrado. Foto di Michele Lapini/VICE News)

Quello della rete "Mai con Salvini – Bologna non si Lega" – che partiva da piazza XX Settembre – riceveva invece la visita provocatoria dell'eurodeputato Gianluca Buonanno, che su Facebook ha parlato di "merde di sinistra" e "centri sociali pieni di 'figli di ....." (politicamente parlando)!!!"

Il corteo di "Difendere Bologna" ha iniziato a muoversi verso le undici e mezza, ma è stato bloccato quasi subito dalle forze dell'ordine. È in questo momento che sono iniziate le tensioni e i manifestanti sono entrati in contatto con gli agenti in assetto antisommossa, che non hanno esitato a caricare a più riprese.

Le cariche hanno colpito anche i manifestanti della rete "Mai con Salvini," che nel frattempo erano confluiti nella vicina porta Mascarella. Intorno a mezzogiorno e mezzo, sul ponte di via Stalingrado – al culmine di un lungo fronteggiamento e di un breve lancio di oggetti da parte dei manifestanti – la polizia ha caricato frontalmente il corteo, travolgendolo. Come documentato da vari video, un agente è stato colpito da una bomba carta ed è rimasto a terra prima di essere portato via da una camionetta.

Subito dopo quest'ultima carica, le forze dell'ordine hanno allontanato i giornalisti manganelli alla mano. Secondo le testimonianze sul campo, un agente avrebbe addirittura detto che "è sospesa la libertà d'informazione."

Dall'enorme palco allestito in piazza Maggiore, intanto, si alternavano gli interventi dei vari invitati. Dopo Giorgia Meloni è stato il turno di Silvio Berlusconi il quale – in tenuta vagamente nordcoreana – ha rispolverato il vecchio repertorio di complotti orditi ai suoi danni, attacchi alla magistratura che cerca di instaurare il socialismo per "via giudiziaria" e frasi altisonanti come "il senso dello Stato mi impone di essere ancora oggi in campo per salvare l'Italia."

Nel corso del suo comizio, tra le altre cose, Berlusconi ha definito Matteo Renzi un "duce" e Beppe Grillo "Hitler," e ha concluso dicendo che "con Matteo, Giorgia e il ritorno di Silvio non ce n'è per nessuno." Non tutti, però, hanno gradito l'intervento del leader di Forza Italia, che infatti è stato fischiato più volte prima di lasciare il palco.

Matteo Salvini, osannato dai suoi militanti, ha rassicurato subito sul fatto che "questa non è la piazza del rancore e dell'odio," salvo poi lanciarsi in una serie di attacchi e impropreri contro Matteo Renzi (un "parassita"), il ministro dell'interno Angelino Alfano (un "cretino"), i centri sociali ("delinquenti" che "sgombereremo uno per uno") e così via.

Il segretario leghista ha anche dato i numeri della manifestazione – 100mila persone, una cifra del tutto fantascientifica se si considera l'effettiva capienza della piazza – e promesso che "qui comincia qualcosa di nuovo guidato dalla Lega, non è un nuovo 1994. Il passato non ritorna." La kermesse leghista è poi terminata verso le due di pomeriggio, giusto in tempo perché sui maxischermi fosse proiettata l'ultima gara della stagione di MotoGP.

Le contromanifestazioni, invece, sono continuate per tutto il pomeriggio. Dopo gli scontri sul Ponte di via Stalingrado e a Porta Mascarella, i vari spezzoni si sono diretti verso la zona universitaria – dove c'è stato un altro fronteggiamento con la polizia – e il centro. In viale Berti Pichat, circa duecento manifestanti sono rimasti "imprigionati" per più di tre ore—le forze dell'ordine non facevano passare nemmeno i giornalisti.

Le contestazioni alla Lega sono andate avanti anche in piazza Maggiore, dove un gruppo di manifestanti ha improvvisato un sit-in e si è scontrato (verbalmente) con i leghisti. Alcuni di questi hanno risposto con saluti romani e canti fascisti. Sempre in piazza Maggiore, l'eurodeputato Gianluca Buonanno per un attimo ha creduto di essere in un pub e si è lanciato contro i manifestanti che lo dileggiavano.

(Manifestanti in via Zamboni a Bologna. Foto di Michele Lapini/VICE News)

Al termine della lunga giornata – durante la quale sono stati fermati due attivisti e feriti alcuni agenti – Matteo Salvini ha parlato di "straordinario successo della Lega" alla faccia "dei sinistri e di quei 4 delinquenti figli di papà dei centri a-sociali."

A ben vedere, però, il "successo" dell'iniziativa leghista è tutto da dimostrare. Al di là dei numeri irrealistici sparati da Salvini, la manifestazione in piazza Maggiore è apparsa decisamente più scarica rispetto agli altri grandi raduni – quello a Milano nell'ottobre del 2014, e a Roma nel febbraio del 2015 – che avevano contrassegnato l'avanzata del progetto politico salviniano.

Stando agli ultimi sondaggi, infatti, la Lega Nord è bloccata intorno al 14 percento e la spinta propulsiva sembra essersi esaurita. In più, l'esperimento delle liste "Noi con Salvini" – lo strumento con il quale la Lega dovrebbe sfondare nel Sud Italia – non sta dando i frutti sperati. Infine, come hanno mostrato i vari comizi a Bologna, questo centrodestra a trazione leghista non ha davvero uno straccio di programma credibile.

Insomma, l'adunata leghista a Bologna – vuoi per l'atmosfera generale, vuoi per la presenza di Silvio Berlusconi – è sembrata veramente un tuffo nel passato. Ma appena tre anni fa, del resto, qualcuno si era mostrato fortemente critico verso una possibile alleanza tra l'ex Cavaliere e la Lega Nord.

"La nostra gente non ne vuole sapere di un ritorno in campo di Silvio Berlusconi," si poteva leggere in un post pubblicato su Facebook. "Basta, basta per sempre. [...] Sono sicuro che non c'è un solo elettore e un solo militante della Lega disposto a riscommettere su un'alleanza con Berlusconi. Ci abbiamo provato e ci ha portato solo risultati deludenti."

Ecco: a scrivere queste frasi perentorie è stato proprio Matteo Salvini—lo stesso che ha definito la manifestazione in piazza Maggiore di ieri come l'inizio di una "RIVOLUZIONE."


Segui VICE News Italia su su Twitter e su Facebook
Segui Leonardo su Twitter: @captblicero

Foto di Michele Lapini, thumbnail per i social network via Fratelli d'Italia

Altro da VICE
Vice Channels