FYI.

This story is over 5 years old.

medio oriente

I curdi in Siria hanno quasi triplicato i territori sotto il loro controllo

Nel caos che ancora infuria in Siria, i curdi che vivono nel paese sono riusciti a resistere all'avanzata dello Stato Islamico e a ritagliarsi una zona di autonomia nei loro territori.
23.12.15
Foto di Sedat Suna/EPA

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato

Mentre in Siria infuria ancora il caos, i curdi che vivono nel paese sono riusciti a resistere all'avanzata dello Stato Islamico e a ritagliarsi una zona di autonomia nei loro territori.

Nel corso dell'ultimo anno, la milizia curda YPG ha ricacciato indietro lo Stato Islamico (IS) e ha quasi triplicato i territori sotto il controllo curdo nel nord della Siria, e nel frattempo ha contribuito a ridurre le dimensioni del califfato di IS del 14 per cento circa.

Pubblicità

Questi dati sono stati raccolti da un nuovo rapporto di IHS Jane's, una compagnia privata di intelligence che si occupa di analizzare la sicurezza internazionale, e che sta monitorando la guerra di terra in Siria.

I curdi detengono essenzialmente il controllo di un loro mini-stato - che chiamano Rojava - che si estende a cavallo del confine tra Turchia e Siria. Il governo del Rojava, amministrato dal Partito dell'Unione Democratica (PYD), il braccio politico dell'YPG, ha raggiunto un'intesa col regime di Assad che permette ai curdi di governare il proprio territorio mentre respinge IS ai confini.

"I curdi si sono ritrovati con un certo livello di autonomia," ha spiegato Michael Gunter, professore di scienze politiche alla Tennessee Tech University, e autore di Out of Nowhere: The Kurds of Syria in Peace and War, un recente studio sulla politica curda in Siria. "Non accetteranno mai di tornare a una condizione subalterna in cui non controllano i loro territori."

Per molto tempo il Presidente siriano Bashar al-Assad e suo padre Hafez hanno negato l'autodeterminazione ai curdi siriani, spesso scoraggiando l'espressione dell'identità curda—Hafez proibì addirittura l'uso della lingua curda nelle loro scuole. Ma la guerra civile siriana ha costretto Assad a concentrare le sue energie altrove. E quando, a partire dal 2012, l'esercito siriano è stato spostato dai territori curdi in altre zone del paese, i curdi hanno colto la palla al balzo: hanno mobilitato le milizie e preso il controllo dei loro territori con la tacita approvazione del regime di Assad, che al momento è più impegnato a proteggere le sue città che a scontrarsi con loro.

Pubblicità

Ora Assad e i curdi amministrano congiuntamente la città di Qamishli, e condividono il controllo della regione di Hasakah, ricca di petrolio. Questa precaria alleanza è resa possibile da un nemico comune: lo Stato Islamico. Da quando IS ha conquistato Raqqa - la città che ha proclamato sua capitale - nel 2013, i curdi confinano con il gruppo in gran parte del nord della Siria. Nell'ultimo anno, i curdi hanno combattuto - e vinto - due battaglie cruciali contro IS, consolidando il proprio territorio e impedendo al gruppo di accedere a gran parte del confine turco.

Leggi anche: Abbiamo incontrato uno degli europei andati a combattere IS insieme ai curdi

A partire dall'autunno del 2014, lo Stato Islamico ha messo sotto assedio Kobane, una città curda ai confini del Rojava. I combattenti curdi, sostenuti dagli attacchi aerei statunitensi, hanno vinto l'assedio e respinto IS, liberando effettivamente la zona alla fine di gennaio 2015. Nei mesi seguenti, mentre IS concentrava le energie sulle più importanti città in Iraq e in Siria, i curdi sono riusciti a catturare i villaggi e le campagne fuori dalla città, sferrando un importante colpo ai territori sotto il controllo del gruppo terroristico.

Il rapporto di IHS Jane's spiega che i curdi sono riusciti a guadagnare così tanto territorio perché IS non aveva le forze per combattere su tutti i fronti aperti.

"Le analisi geospaziali contenute nel nostro studio mostrano che l'attività dello Stato Islamico fuori dalle zone sotto il suo controllo si è concentrata su Baghdad e Damasco, mentre molta meno attenzione è stata prestata al territorio curdo," ha detto Columb Strack, analista di IHS sul Medio Oriente, e leader del Conflict Monitor di IHS. "Questo indica che le forze di IS erano al massimo delle loro capacità."

Pubblicità

IS continua a combattere contro un numero vertiginoso di nemici - al Qaeda, l'Esercito Siriano Libero, il regime di Assad e i suoi alleati -, i curdi continuano a cogliere l'opportunità.

Nella primavera del 2015, l'YPG ha lanciato un'offensiva per conquistare l'avamposto di confine Tal Abyad sotto il controllo di IS, una città strategica situata tra Kobane a ovest e gran parte del territorio curdo a est. I combattimenti tra IS e i curdi - sostenuti dai mezzi aerei americani - hanno causato 16.000 sfollati.

Lo scorso ottobre, Tal Abyad è stata ufficialmente liberata dei combattenti di IS e integrata nel Rojava. Secondo Strack, i curdi sono riusciti a vincere perché IS aveva spostato le sue truppe in zone remote della Siria occidentale e in Iraq. "Le forze rimaste a Tal Abyad erano così scarse che hanno dovuto ricevere i rinforzi… delle unità di polizia religiosa provenienti da Raqqa," ha spiegato Strack.

Leggi anche: In foto: Ecco come appare una città appena liberata dallo Stato Islamico

Per i curdi che vivono in Siria, la battaglia contro IS è esistenziale. "È una lotta per le loro stesse vite," ha detto Gunter.

Ma è stata anche un'opportunità per forgiare una cultura politica completamente nuova nelle fiorenti terre sotto il loro controllo. Il Rojava è governato da due co-presidenti, Asya Abdullah e Salih Muslim Muhammad, che sostengono principi laici, di sinistra e palesemente femministi, derivanti dagli scritti del nazionalista curdo Abdullah Ocalan, rinchiuso in una prigione turca.

Pubblicità

"Si vedono come un progetto utopico, qualcosa che supera l'idea di stato," ha spiegato Gunter.

Ma finora, la costruzione di uno stato che confina con IS, Assad e la Turchia non ha nulla di utopico. IS continua a compiere sanguinosi attacchi suicidi nel territorio curdo, e la Turchia ha bombardato più di una volta le postazioni YPG sul confine siriano per punire i legami del Rojava con il gruppo militante curdo in Turchia, il PKK.

La guerra civile siriana non accenna a finire, e i curdi stanno tenendo un basso profilo. "Vivono circondati da paesi ormai devastati," ha concluso Gunter. "Non c'è modo di sapere cosa succederà in futuro."


Segui VICE News Italia su Twitter e su Facebook