La criptovaluta-scherzo che ho creato ora vale 2 miliardi di dollari

L'inventore di Dogecoin ci spiega perché si è tirato fuori dal progetto proprio quando stava iniziando a fruttare.
Immagine: Flickr/Aranami. Composition: Jordan Pearson

Jackson Palmer è un imprenditore australiano e un tecnologo, conosciuto per aver creato la moneta-scherzo Dogecoin. Oggi Jackson vive a San Francisco, dove lavora come product manager ma è ancora attivo nella community delle criptovalute. Jackson ha investito in diverse criptovalute, per esempio ha meno di 50 dollari in Dogecoin. lo puoi seguire su Twitter e YouTube.

Quando ho twittato per scherzo sull'"investire in Dogecoin" nel lontano 2013, non avrei mai immaginato che la criptovaluta che avevo appena messo al mondo sarebbe sopravvissuta fino al 2018, e che avrebbe raggiunto un valore di mercato da $2 miliardi come è successo questo finesettimana.

Pubblicità

L'anno scorso ho visto un'esplosione di interesse e investimenti in criptovalute, quindi molti hanno pensato il 2017 come l'anno migliore per questo mercato. Ma ho la sensazione che questa crescita esplosiva sia ben lontana dall'essere sostenibile — infatti, credo che il 2017 sia anche l'anno peggiore per le criptovalute. Per capire perchè, vi parlerò della mia esperienza con la criptovaluta che ho creato per gioco.

Dogecoin è iniziata come una parodia della moltitudine di monete alternative, anche dette “altcoin,” che stanno invadendo l'attuale mercato. Non appena l'interesse nel Dogecoin si è diffuso attraverso i social media e una community molto attiva su reddit, è diventato, grazie al suo basso prezzo e alla sua community calorosa, un veicolo d'accesso educativo per chi stava entrando per la prima volta nel mondo delle criptovalute.

Nel 2013, il futuro delle criptovalute sembrava relativamente chiaro: un'alternativa peer-to-peer alla moneta corrente che, attraverso la decentralizzazione, colmasse la mancanza di fiducia nelle istituzioni finanziarie. La crisi del 2008, infatti, aveva posto in rilievo la loro tendenza alla corruzione. Bitcoin, che ha infiammato il movimento criptovalute nel 2009, ha apportato delle vere e proprie innovazioni tecniche per dare un senso a questa visione. All'epoca, speravo che il potere della community, per un progetto come Dogecoin, potesse accelerare il valore innovativo e il processo di consapevolezza attorno .a questa tecnologia.

Pubblicità

Comunque, come ho rapidamente imparato, una community appassionata di persone che buttano soldi è come il sangue nell'acqua per gli squali-speculatori che, nel 2014, sono entrati nella community di Dogecoin e hanno spennato i suoi membri per milioni di dollari. Dal 2015 in poi, quindi, l'energia nella community è cambiata — coloro che erano stati fregati dai truffatori sono spariti e l'interesse degli originari nei confronti di Dogecoin è sceso, insieme al prezzo del dollaro statunitense.

Alla luce di tutto questo, in quell'anno ho deciso di tirarmi fuori da ogni coinvolgimento in Dogecoin e dalle criptovalute in generale. Ho lasciato la direzione del progetto ai membri della community di cui mi fidavo. Ogni Dogecoin che avevo — la piccola parte che tuttora possiedo proviene dalle persone che me li hanno lasciati come mancia quando ho mollato — è stata investita in beneficienza. Quindi dal mio coinvolgimento nel progetto ho tratto zero profitti.

Ho visto l'invasione degli opportunisti intenzionati a fare soldi, piuttosto che di persone davvero interessate a un coinvolgimento nella tecnologia (la quale, già all'epoca, sapevamo essere piena di problemi). Nel corso dei due anni seguenti, ho monitorato il tutto a distanza. Quello che ho notato è stato un cambiamento nell'approccio: se prima l'intenzione era sviluppare la tecnologia alla base delle criptovalute, in seguito tutti si sono concentrati su nuovi progetti che forzavano la "blockchain" il più possibile.

Pubblicità

C'è un detto popolare nei mercati finanziari: "quando il tuo tassista ti parla di comprare delle azioni, allora è giunto il momento di venderle." Di base, quando un estraneo con (probabilmente) poca esperienza del mercato azionario ti dà dei consigli, è un segno che il mercato è diventato troppo popolare. Essendomi chiamato fuori dalle criptovalute da due anni, all'inizio del 2017, quando il mio driver Uber mi ha parlato di Ethereum, ho capito che stavamo entrando in un periodo di criptomania speculativa.

Niente spiega meglio questa situazione degli "ICO", o Initial Coin Offering. Nel 2017 migliaia di aziende appena nate hanno investito miliardi di dollari (una ICO da sola ha raccolto 700 milioni a dicembre) in cambio di "token" virtuali che gli acquirenti non potevano reinvestire immediatamente su un mercato secondario — spesso con grossi profitti. Ho ripensato all'esperienza Dogecoin. Per esempio, un token di nome PlexCoin ha investito 15 milioni di dollari in una ICO che è stata poi congelata dai provvedimenti del governo canadese e USA, e il cui fondatore è stato poi mandato in galera.

Queste preoccupazioni mi hanno riportato nel mondo delle criptovalute per mettere in guardia colleghi, amici e famigliari che mi chiedevano chiarimenti su questo mercato. Spero di far loro comprendere fino in fondo il potenziale di fallimento che c'è dietro.

Gli anni scorsi ho visto il mercato collettivo delle criptovalute gonfiarsi fino a superare i 700 miliardi di dollari, soprattutto per via del trading speculativo. Ogni giorno escono articoli su un ventenne che è diventato milionario grazie ai Bitcoin. O nel caso della mia stessa creazione —Dogecoin — su una valuta che non aggiorna il suo software dal 2015 e ha superato i 2 miliardi sul mercato (mentre scrivo siamo a 1,5 miliardi).

Pubblicità

Il valore di Dogecoin è il risultato di una mania che ha visto investitori senza esperienza comprare degli asset a poco prezzo per capriccio, sperando che seguissero l'ascesa dei Bitcoin. Questo entusiasmo irrazionale, unito al fatto che molti player hanno manipolato dei mercati non regolati, ha generato un ciclo settimanale di picchi e discese di praticamente ogni criptovaluta. Mentre la community Dogecoin su reddit ha visto un incremento di partecipazione, quasi tutte le nuove discussioni sembrano fissate sul prezzo del dollaro e sulla speculazione.

Bello vedere lo stato di eccitazione generale sulle criptovalute, peccato che si concentri soltanto sul prezzo e sul potenziale di arricchimento veloce. Inizialmente, invece, il proposito di progetti come Bitcoin era profondamente diverso. Inoltre, ancora più importante, la tecnologia che sottende sta ancora affrontando problemi tecnici che devono assolutamente essere risolti. Mentre scrivo, ci vogliono 30 dollari per inviare dei soldi usando il network di Bitcoin. Allo stesso tempo, un token che si autodefinisce "la blockchain per l'industria dei denti" ha appena superato il milione. C'è qualcosa che non va.

Mentre i più inesperti, guidati dalla FOMO, investono nella nuova ICO "blockchain per x" sperando in un ritorno del 100 percento, l'investimento in Bitcoin sta diminuendo raggiungendo il suo picco minimo dopo anni. Recentemente, grossi player come Microsoft e Steam hanno tolto dai loro siti la possibilità di pagare in Bitcoin.

Allo stesso tempo, sembra che i principi originali di anti-establishment di Bitcoin stiano svanendo sempre di più. Il denaro riversato nell'industria dai trader internazionali e i contratti futures di Bitcoin — che fondamentalmente scommettono sull'andamento dei prezzi — hanno iniziato a essere venduti a Wall Street. Il che mi fa chiedere: cosa ha portato tutti a dimenticare il fatto che le istituzioni sono potenzialmente corrotte?

Dato il grande incremento dei prezzi e l'hype dei media, c'è una tendenza a vedere il 2017 come l'anno migliore per le criptovalute, ma io direi esattamente il contrario. Per molte ragioni, il 2017 è stato l'anno in cui le criptovalute hanno smesso di essere delle innovazioni tecnologiche per quanto riguarda il denaro e sono diventate un nuovo mercato azionario. Il 2017 è stato solo l'anno in cui le istituzioni originariamente alla base di Bitcoin hanno ceduto il passo al profitto.

Comunque, non posso pensare che sia finita qui per le criptovalute. Non è facile predire quanto l'attuale bolla si sgonfierà o quando scoppierà (non 'se'). La questione scottante per me è questa: quando la bolla delle criptovalute scoppierà e porterà con sé tutto il suo hype, la community riuscirà a reagire per ricostruire di nuovo una reale tecnologia innovativa?