Afbeelding: Flickr/Ruth Hartnup. Bewerking door de auteur.

È successo: ora ci sono due versioni di Bitcoin

La criptovaluta ha appena fatto la prima "hard fork" della sua storia.

|
02 agosto 2017, 9:08am

Afbeelding: Flickr/Ruth Hartnup. Bewerking door de auteur.

Il Bitcoin, una valuta digitale che vale 43 miliardi di dollari, si trova ora in una fase inesplorata e piuttosto rischiosa dopo che lo scorso martedì ne sono state generate due versioni: il bitcoin originale, in circolazione dal 2008, e il nuovo Bitcoin Cash, che vuole essere un'alternativa più popolare al primo.

Lo split nel network è stato attivato martedì pomeriggio quando un gruppo di utenti bitcoin ha premuto il pulsante della "hard fork" — un evento mai consumatosi prima nella storia di bitcoin e che la maggior parte della community ha fatto il possibile per evitare nei due anni precedenti. Infatti, appena una settimana fa, sembrava che le chance che questo split succedesse davvero fossero decisamente basse.

La fork era programmata per martedì mattina, e i bitcoiner hanno atteso lo split con grande ansia. A causa di alcune particolarità di bitcoin, l'evento si è di fatto consumato sei ore dopo l'orario programmato. La hard fork è scattata alle 2:20 PM EST con la creazione di un "blocco" inaugurale di dati di transazione per Bitcoin Cash: questo blocco pesava circa due megabyte. I blocchi Bitcoin hanno un limite di un megabyte cadauno, mentre Bitcoin Cash supporta blocchi grossi fino a otto megabyte. La maggiore grandezza dei blocchi è la principale differenza tra le due valute virtuali, ed è stata per altro il traino più importante di questo split. Poco dopo è stato aggiunto un altro blocco fantoccio alla chain: conteneva la frase "Hello world."

Ora esistono due versioni quasi identiche di bitcoin, ognuna con il proprio set di regole e di supporter irriducibili. Chiunque possedesse dei bitcoin ha automaticamente ricevuto la stessa somma in Bitcoin Cash, e questa nuova valuta ora dovrà lottare per sopravvivere.

Il valore di Bitcoin è sceso di 200 dollari fino ad arrivare a 2.700 dollari per moneta poco prima dello split, ma mentre stiamo scrivendo il valore sta risalendo. Bitcoin Cash, dall'altro lato, è estremamente volatile ma mostra dei segni di vita. Prima che Bitcoin Cash venisse creato con il blocco inaugurale, il popolare exchange di criptovalute Kraken ha accreditato ai suoi clienti la valuta e ha aperto il mercato; in pratica, hanno fornito della cambiali. In circa 10 minuti di mercati aperti, il prezzo immaginario di Bitcoin Cash è crollato da 400 dollari a 140 dollari. Sembrava un disastro, ma subito dopo il fork il valore è risalito a 200 dollari.

Bitcoin Cash è in gran parte nelle mani degli stessi "miner," che gestiscono le server farm che creano i blocchi e che sostengono l'infrastruttura del bitcoin network. Al momento non è chiaro quanti siano i miner di bitcoin che sono passati a Bitcoin Cash, ma sembra che si tratti solamente di una frazione. Nel lasso di tempo che è servito ai miner di Bitcoin Cash per creare un singolo blocco di dati di transazione per il loro ledger pubblico, bitcoin ne aveva creati a dozzine, sintomo del fatto che Bitcoin Cash non abbiamo ancora la potenza computazionale per competere con bitcoin.

Lo split è un colpo di scena dell'ultimo minuto in un dibattito che dura da due anni e che ha trasformato la comunità di bitcoin in un campo minato. La "guerra civile," come è stata definita da alcuni, è stata combattuta per capire in che modo far mutare Bitcoin così da permettergli di gestire più persone senza che venisse rallentato.

A fine 2016, i "blocchi" di transazioni che sono incatenati tra di loro e formato il ledger pubblico di bitcoin, chiamato blockchain, erano pieni. A causa di questa situazione, le transazioni dovevano aspettare ore o addirittura giorni per essere effettivamente processate in un blocco. Pensate a quanto tempo ci mette ad essere approvata una transazione con il POS in un posto qualsiasi — già così sembra tanto, ma nei giorni peggiori bitcoin può essere davvero molto peggio.

Tuttavia c'era un rimedio per chi poteva permetterselo: aggiungere a una determinata transazione bitcoin una "ricompensa" più sostanziosa, in modo da invogliare i miner ad includerla nel blocco successivo — una soluzione fattibile per una qualsiasi delle potenti istituzioni finanziarie che guardano al bitcoin come a un modo per razionalizzare parte del loro business. Questi istituti possono permettersi di pagare delle ricompense elevate, al contrario di tutti gli altri che vogliono usare bitcoin per pagare dei beni di consumo di tutti i i giorni come un deodorante o un panino.

Dopo un lungo dibattito, Pieter Wuille, uno sviluppatore di bitcoin, ha proposto il "Segregated Witness" (o segwit), una nuova regola che libererebbe un po' di spazio nei blocchi da un megabyte di bitcoin — ma non poi così tanto spazio. Tuttavia, la comunità sembrava avere accolto bene l'idea.

Dopo che, a luglio, una campagna partita dagli utenti per convincere i miner più critici ad accogliere il segwit si è rivelata di successo, la rete si era accordata perché il 1 agosto un "soft fork" mettesse in atto la modifica. Un soft fork è un modo per modificare le regole di bitcoin senza dividerlo in due, ma tutti devono essere d'accordo. All'epoca, i miner non avevano sostenuto unanimemente il segwit e, così, la grande azienda cinese di bitcoin Bitmain ha codificato un hard fork come piano di emergenza.


Il piano del hard fork, inizialmente solo ipotetico, ha effettivamente creato due versioni di bitcoin martedì pomeriggio.


Inaspettatamente, l'hard fork è passato dall'essere un piano d'emergenza a diventare il piano A denominato "Bitcoin Cash" da parte di un gruppo di utenti e sviluppatori convinti che il Segregated Witness non potesse portare all'aumento delle dimensioni dei blocchi di bitcoin. La parola "Cash" contenuta nel nome di questo nuovo rivale di bitcoin vuole sottolineare come questa versione sia destinata a chiunque, non solo alle istituzioni finanziarie o alle grandi aziende. Al momento, le differenze principali tra Bitcoin Cash e il bitcoin originale sono: nessun segwit e un massimo di otto megabyte di blocchi al posto di uno.


Certo si potrebbe pensare che Bitcoin Cash e l'hard fork siano della anomalie, ma in fin dei conti sono espressioni di un impulso che fa parte del DNA di Bitcoin da tempo.


Quello che tiene insieme il bitcoin non è tanto il codice o i soldi: quanto un'idea. Quando il protocollo bitcoin venne rilasciato da una persona o da un gruppo di anonimi denominati Satoshi Nakamoto quasi un decennio fa, la sua natura era fortemente anti-establishment. Bitcoin ha sfidato le banche e le autorità di controllo e li ha battuti al loro gioco con una valuta che è diventata tanto "reale" quanto i dollari o gli euro, anche se si tratta solo di un'astrazione creata con la matematica e i computer. Si tratta di un bello scherzo che trasmette messaggi libertari destinati ad attirare chi crede veramente in questa causa.


In fondo, è stato lo stesso impulso anti-autoritario a motivare l'hard fork di Bitcoin Cash. Quello e un istinto per l'azzardo che spinge le persone ad investire miliardi di dollari in una valuta appena nata. Quando tutti vogliono obbligarti ad adeguarti, come è successo nel corso degli anni con il dibattito sullo scaling, la cosa più "bitcoin" che puoi fare in merito è dire loro di tacere.


Probabilmente passeranno molte settimane se non mesi prima che l'impatto reale di Bitcoin Cash diventi verificabile ma, al di là di tutto, si tratta di una giornata storica.