Salvini ha deciso che Elsa di Frozen non può diventare lesbica

Qualcuno lo dica alla Disney.

|
02 marzo 2018, 1:37pm

Qualche giorno fa l'autrice e co-regista di Frozen Jennifer Lee ha dichiarato che nel prossimo episodio della serie Elsa potrebbe avere una fidanzata, dando seguito alle speranze dei fan che hanno colto nel cartone animato (e nella sua colonna sonora) delle forti allusioni all'orientamento sessuale della protagonista. Per ora Lee e la produzione ne starebbero "parlando", ma la notizia ha già fatto il giro del mondo.

Ma ahimè!, sembra che alla Disney abbia fatto i conti senza l'oste, perché Matteo Salvini "[è] preoccupato e [vuole] intervenire"—prima che questo succeda e prima "[che] il mondo sia arrivato da un'altra parte."

Esatto, Salvini, impegnato nella chiusura della campagna elettorale della Lega, ha deciso di dedicare parte del suo comizio romano di ieri alle future scelte della Disney, inserendole in un più ampio filone che tocca (indovina) "le scuole dove insegnano che non ci sono differenze tra maschietto e femminuccia" e il "mondo al contrario dove ha più diritto l'immigrato rispetto all'italiano" (?) per arrivare alla conclusione "ma il buon Dio ci ha fatto diversi gli uni dagli altri, non possiamo far finta che siamo tutti uguali."

Pare che il leader della Lega abbia ormai completato la sua trasformazione nel baluardo italico dei valori cattolici e tradizionali e sia diventato un blob da cui ogni tanto emerge il fagocitato Mario Adinolfi con gli echi della polemica contro Kung Fu Panda: durante questa campagna elettorale l'abbiamo visto sventagliare un rosario (bello anche il dissing con Casini che ne è seguito), giurare sul Vangelo e la Costituzione, e non c'è bisogno di dirlo, prendersela con il gender.

.

Detto ciò, l'intera filmografia della Disney è piena di personaggi più o meno velatamente queer, e il colosso dell'intrattenimento per bambini pare non avere più intenzione di nasconderlo: solo un anno fa ha fatto molto discutere la rappresentazione non del tutto riuscita di Le Tont, gay, ne La Bella e la Bestia.

Attendiamo dunque di sapere come Salvini vorrà intervenire e "fare qualcosa" anche per tutti gli altri.