Pubblicità
Salute

Cosa ti succede di preciso quando prendi lo Xanax

Cosa succede 24 ore dopo che hai preso dello Xanax? E due settimane dopo?

di Mark Wilding
30 aprile 2018, 4:00am

Illustrazione di Owain Anderson.

Gli effetti cominciano dopo circa 20 minuti. Cominci a sentirti rilassato, forse un po' addormentato. A seconda di quanto ne hai preso, potresti notare nei cambiamenti nella percezione. La vista un po' annebbiata, forse. Gli effetti sono al massimo dopo un'ora. Con una dose più alta, potresti avere problemi di coordinazione. Se ne hai preso un sacco, potresti andare in blackout. In grado di funzionare, ma senza memoria di aver fatto alcunché.

Se hai mai preso uno Xanax, lo sai già. Ma cosa succede dentro alla tua testa mentre fuori si vive tutto questo?

Lo Xanax è uno dei nomi con cui è commercializzato l'alprazolam, una benzodiazepina—una classe di farmaci prescritti generalmente per l'ansia. Come tutti i farmaci che si assumono per bocca, viene assorbito dall'organismo per via della digestione nello stomaco e poi nel fegato. Da lì entra nel flusso sanguigno e si fa strada fino al cervello. Qui la sostanza penetra attraverso la barriera emato-encefalica, una membrana che fa da filtro alle sostanze dannose. Le benzodiazepine, come altri farmaci, sono in grado di superare questa barriera.

È nel cervello che le cose si fanno interessanti. Le benzodiazepine agiscono su una parte del cervello nota come recettori GABA A, responsabile della produzione di effetti sedativi. I recettori devono essere accesi dai neurotrasmettitori, sostanze chimiche che trasportano messaggi in giro per il cervello. I recettori GABA A si accendono con il neurotrasmettitore GABA. Val Curran, professore di psicofaramcologia alla UCL, descrive il GABA come "una specie di freno del cervello. Calma tutto."

Le benzodiazepine sono agonisti, cioè amplificano l'azione dei recettori GABA A. Altre sostanze, come l'alcol e i sonniferi, funzionano allo stesso modo—ma con effetti diversi, attaccandosi ai recettori GABA A e moltiplicando così gli effetti del neurotrasmettitore GABA. Perciò quando prendi un farmaco come lo Xanax, il recettore (l'interruttore) va sulla massima potenza. I recettori GABA A si concentrano in un'area del cervello nota come ippocampo, che è importante per la memoria e ritenuta responsabile dei blackout da abuso di sostanze.

Quando prescritto da un medico, lo Xanax dovrebbe trattare l'ansia, che può essere causata da uno squilibrio chimico nel cervello. In questi casi, lo Xanax corregge lo squilibrio. L'esperienza di chi ne ha bisogno può essere molto diversa da quella di chi lo assume a scopo ricreativo (un uso non di certo consigliato, ma reale).

La psicofarmacologa Cathy Montgomery della Liverpool John Moores University dice: "Quando hai alti livelli d'ansia, c'è un incremento di adrenalina e simili, che normalmente ti fanno sentire più sveglio e pronto, e una deficienza di GABA. Livelli alti di adrenalina e bassi di GABA hanno il duplice risultato di aumentare l'eccitazione cerebrale, che viene percepita come ansia. In questo caso, se prendi lo Xanax non avrai sempre quel forte effetto sedativo."

In caso di scopo ricreativo, dove l'effetto sedativo è quello ricercato, dato che non c'è uno squilibrio chimico in partenza, è proprio lo squilibrio quello che si otterrà.

In generale, il corpo farà del suo meglio per mantenere l'equilibrio cerebrale. "Qualsiasi cosa tu prenda, il tuo cervello cercherà di bilanciarla. Potrebbe rilasciare adrenalina per cercare di combatterlo," dice Montgomery. "Quando lo Xanax sta agendo, il GABA che si lega in massa ai recettori non farà sentire ansia," dice Montgomery.

Ci vogliono diversi giorni perché lo Xanax venga smaltito completamente dal corpo. Ma gli effetti più importanti svaniranno dopo poche ore. La sostanza anzitutto si stacca dai recettori GABA A nel cervello e viene sminuzzata dagli enzimi e dal fegato, e infine eliminata dall'apparato escretore.

È nel momento in cui si stacca dai recettori che cominciano, potenzialmente, i problemi. L'effetto sedativo inizia a svanire, ma il cervello sta ancora cercando di mantenere un equilibrio. Questo può risultare in un down piuttosto brutto. "È davvero l'opposto dei motivi per cui viene assunto," dice Montgomery. "C'è un incremento improvviso dell'attività cerebrale, che può farti sentire molto ansioso. Puoi sentirti in agitazione, essere insonne—alcune persone provano anche una sensazione di spericolatezza."

Queste sensazioni sono parte del motivo per cui i consumatori di Xanax possono sviluppare una dipendenza anche in tempi brevi—e se non avevano problemi con l'ansia prima, averne poi.

La tolleranza e gli effetti avversi dello Xanax aumentano abbastanza lentamente, ma chi ne cerca gli effetti sedativi può cominciare a prenderne dosi più alte in soli pochi giorni. Il dottor Tony O'Neill, che insegna psichiatria alla Queen's University Belfast, dice: "Le benzodiazepine dovrebbero essere prescritte, in teoria, per periodi brevi. Il problema è che devi continuare ad aumentare la dose per avere gli stessi effetti." Curran aggiunge: "Raccomando sempre di non prendere benzodiazepine per più di tre giorni di fila, che siano prescritte o meno."

Comunque, come per tutte le sostanze, l'unico modo per non rischiare è non prenderle. Uno dei rischi più significativi dello Xanax è che gli studi tendono a concentrarsi sulle dosi per uso medicinale. Per l'uso ricreativo, come dice Montgomery, "A molte domande non sappiamo dare risposta."

Segui Mark su Twitter: @mark_wilding