Cultura

Quest'uomo dipinge i rapporti sessuali che avrebbe avuto con gli alieni

David Huggins dice di aver perso la verginità a 17 anni, con una femmina extraterrestre.
9.2.18
Tutte le immagini per gentile concessione di Brad Abrahams. A sinistra, dettaglio da First Time di David Huggins; a destra, Huggins in uno still da Love and Saucers.

La perdita della verginità è un evento memorabile. Mentre la maggior parte ci ripensa con tenerezza e un po' di imbarazzo, David Huggins ne parla letteralmente come una cosa dell'altro mondo. "A avevo 17 anni quando ho perso la verginità con una femmina aliena," afferma il 74enne in un documentario intitolato Love and Saucers . "Questo è tutto quello che posso dire al riguardo."

Il coito in questione sarebbe avvenuto nel 1961, quando Huggins era un adolescente e abitava nella fattoria dei suoi genitori in Georgia. Non era la prima volta che incontrava gli alieni: dice di aver visto strane creature fin da quando aveva otto anni. Ma quella volta, mentre camminava in un bosco vicino a casa, una femmina alinea gli si era parata davanti e l'aveva sedotto. "Pensavo che avrei perso la verginità sul sedile posteriore di una Ford o qualcosa del genere. Ma non è andata così," racconta nel documentario.

Pubblicità

Uno still da Love and Saucers di Huggins con il suo quadro First Time.

Huggins afferma che questi incontri (sessuali e non) con gli extraterrestri siano continuati fino all'età adulta. Quando l'ho intervistato per questo articolo, mi ha raccontato che l'ultima volta che aveva visto Crescent—questo il nome che ha dato all'aliena del bosco—era stato sei mesi prima. "Ero seduto su una sedia e lei, che era dietro di me, mi ha abbracciato," mi ha detto. "Ecco tutto. Non so dire che altro sia successo dopo."

Quando parla dei suoi incontri ravvicinati con gli alieni, Huggins è stranamente molto attento ai fatti—cosa che, almeno nella percezione comune, lo distingue dal tipico appassionato di UFO. Non gli interessa la fama, non gli importa che qualcuno gli creda. Quando racconta di aver generato centinaia di bambini alieni—sì, era quello lo scopo dei rapporti—sembra un contadino che ti spiega la rotazione delle colture.

È questa una delle cose che hanno spinto il regista Brad Abrahams ad andare a trovare Huggins a Hoboken, in New Jersey, dove vive oggi. Abrahams aveva sentito la sua storia in un podcast sugli UFO e il paranormale. "In un oceano di storie esagerate ce n'era una ancora più particolare," mi ha detto," ed era quella di David."

Huggins è nato in Georgia nel 1944. In Love and Saucers, racconta che da bambino andava in giro per i campi a cercare punte di frecce e non gli piaceva la chiesa battista dove i suoi nonni lo portavano ogni domenica. Quando ha iniziato a vedere intorno alla fattoria cose strane che nessun altro vedeva, ha pensato di star impazzendo.

Pubblicità

"Sono seduto sotto un albero e sento una voce che mi dice: 'David, dietro di te.' Mi giro e dietro di me c'è un ometto peloso che dei grossi occhi luminosi che viene dritto verso di me. Pensavo di essere pazzo. Non sapevo cosa pensare," dice nel documentario. In un'altra occasione a essergli apparso era stato un "essere a forma di insetto" che a Huggins ricordava una mantide religiosa. "Ero terrorizzato," racconta. "Pensavo, 'che cosa diavolo sto vedendo?' Avevo otto anni e non capivo."

Una volta ripresosi dallo shock Huggins ha scoperto che questi incontri, per quanto strani, non rappresentavano una minaccia. Quando a metà anni Sessanta ha lasciato la Georgia per andare a frequentare un'accademia d'arte a New York gli esseri l'hanno seguito. Riceveva spesso visite notturne da Crescent. "La mia relazione con lei era molto tenera e amichevole. Era un po' strano. Ma che dico un po', molto strano. Era praticamente la mia fidanzata," racconta nel film. "Una relazione davvero poco convenzionale," aggiunge.

A sinistra, Floating Up di David Huggins; a destra, Huggins nel suo studio con un dipinto di una femmina alinea con cui dice di aver fatto sesso.

C'è un'altra cosa che distingue Huggins dalla maggior parte delle persone che raccontano di essere state rapite dagli alieni: lui dipinge i suoi incontri ravvicinati. Ha iniziato a farlo nel 1987, quando ha cominciato a ricordare i dettagli delle prime volte. Dice che tutto gli è tornato alla mente dopo aver letto il libro di Budd Hopkins Intruders: The Incredible Visitations at Copley Woods.

Pubblicità

"Era destino. Qualcosa mi ha spinto verso quel libro," racconta nel documentario. "C'è un capitolo intitolato 'Altre donne, altri uomini' e quando ci sono arrivato ho pensato, 'Oddio, questa è la donna di cui non ho mai raccontato a nessuno'. Mentre leggevo mi è tornato tutto in mente, immagine dopo immagine. Non smettevo di pensarci. Penso che la cosa che mi desse più fastidio era che non sapevo cosa fare di quei ricordi. Avevo così tanta paura."

Uno dei primi dipinti di Huggins mostra lui e Crescent che fanno sesso. "Non è un granché. Lei è sopra di me, io vengo e poi lei e l'essere-insetto se ne vanno," racconta. Il suo appartamento è pieno di quadri del genere. Sono surreali e un po' infantili, dominati da colori verdi e blu.

"Mi ha detto che è stato liberatorio," dice Abrahams del giorno in cui Huggins ha messo su tela quelle esperienze. "Per la prima volta in settimane è riuscito a prendere sonno. E da allora ha disegnato ogni singolo dettaglio di ogni incontro. Ha fatto più di cento quadri. È una forma di terapia. Non so se lui la descriverebbe così, ma questo era parte di ciò che volevo raccontare. Una volta trovato il modo di mostrare le sue esperienze al resto del mondo, o anche solo a se stesso, tramite l'arte, è stato in grado di dare un senso ad esse e accettare tutto quello che gli era successo."

A sinistra, David Huggins al lavoro su un quadro; A destra, Caught di David Huggins, olio su tela, 1989.

Ciò che rende Love and Saucers un bel documentario su un uomo che dipinge quadri in cui fa sesso con gli alieni è il fatto che Abrahams racconti nei dettagli la storia di Huggins e poi lasci che lo spettatore tragga le sue conclusioni. In fondo Love and Saucers è un film sulla fede. Nella prima metà Huggins racconta la sua storia, mentre la seconda è composta da interviste con i suoi amici e i suoi vicini di casa. Alcuni di loro non conoscevano la sua vicenda. Tutti gli credono.

Pubblicità

E poi c'è un'intervista a Jeffrey Kripal, professore di Filosofia e pensiero religioso alla Rice University del Texas. Ha passato la prima parte della sua carriera a studiare il misticismo erotico, cosa che l'ha portato ad approfondire anche le testimonianze letterarie di rapimenti alieni. "Tutta la storia delle religioni, essenzialmente, si riduce alla visione di esseri venuti dal cielo per fare strane cose agli esseri umani. Storicamente questi eventi e questi incontri sono stati inseriti in una narrazione fatta di angeli e demoni, dei e dee e così via. Nel mondo moderno e secolare di oggi, diventano fantascienza," racconta nel documentario.

Anche Kripal crede che Huggins dica la verità. Sostiene che l'insieme di terrore e di euforia da lui descritto coincida con tutti i resoconti di esperienze umane con il sacro. In più i dettagli offerti da Huggins collimano con i racconti fatti a Kripal da altre persone da lui intervistate che credono di avere fatto esperienze soprannaturali. "Sono estremamente convinto che non stiano mentendo tutti, credo che siano sinceri. Ma di nuovo, cosa sia effettivamente successo è tutta un'altra questione e penso che per rispondere a questa domanda ci voglia molta più umiltà," dice.

Her Eyes di David Huggins

Quando ho chiesto a Huggins perché creda che quegli esseri siano apparsi proprio a lui, mi ha detto, "Sento che decine, forse centinaia di milioni di altre persone hanno fatto esperienze simili, soprattutto da bambini. Questo è tutto quello che posso dire. Penso che da bambini si sia più aperti alle cose e che per questo tali esseri ci possono apparire. E io so di non aver mai smesso di essere così aperto perché hanno continuato ad apparirmi per il resto della vita."

Per saperne di più su Love and Saucers clicca qui.

Segui Kara Weisenstein su Twitter.