FYI.

This story is over 5 years old.

medio oriente

12.000 migranti sono bloccati nel deserto siriano e non sembrano avere via d'uscita

Migliaia di profughi in fuga dalla guerra civile siriana sono rimasti bloccati lungo il confine con la Giordania, che li sta respingendo.
10.12.15
Image satellite d'un campement à Rukban en Jordanie. Image prise le 5 décembre 2015. (© CNES 2015 / Distribution Airbus DS via Human Rights Watch)

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato

L'ONU e alcune associazioni per i diritti umani hanno chiesto al governo giordano di permettere a 12.000 rifugiati in fuga dalla guerra in Siria di entrare in Giordania — mentre le condizioni lungo il confine tra i due paesi continuano a peggiorare.

L'agenzia ONU per i rifugiati ha affermato martedì che i 12.000 profughi stanno cercando di fuggire dalla guerra civile siriana, e sono rimasti bloccati in zone desolate lungo il confine perché le autorità giordane li stanno respingendo. In meno di due mesi, il numero di profughi siriani che si trovano in queste zone è triplicato.

Pubblicità

Da quando è iniziata la guerra civile siriana nel 2011, la Giordania ha accolto più di 630.000 rifugiati — circa un decimo della popolazione giordana. Mentre continuano i combattimenti, migliaia di persone stanno ancora cercando di lasciare il paese, e molti continuano a dirigersi verso la Giordania.

Undicimila di quei siriani bloccati al confine sono a Rubkan, nella zona di confine demilitarizzata a cinque chilometri dall'area desertica dove si incontrano Siria, Iraq e Giordania.

Leggi anche: Perché potrebbe davvero aprirsi una nuova rotta di migranti tra Albania e Italia 

Il portavoce dell'UNHCR Melissa Fleming ha detto che tra le migliaia di persone bloccate a Rubkan, ci sono "persone anziane, altre malate o ferite, bambini, donne, e altri che sono vulnerabili e hanno bisogno d'aiuto." Fleming ha aggiunto che i rifugiati "si stanno raggruppando vicino a un muro fatto di terra, detto 'berm,' sul territorio giordano, in una zona rocciosa priva di ombra, acqua o vegetazione."

"Le donne devono partorire al berm, in condizioni malsane e antigieniche," ha detto. "I problemi medici più comuni tra la popolazione in crescita sono le infezioni delle vie aeree, le gastroenteriti, e malattie della pelle come la scabbia." L'ONU ha comunicato che sono ben visibili sui bambini i segni di malnutrizione acuta.

Mercoledì Amnesty International ha chiesto al governo giordano di "agire immediatamente" e di fornire assistenza ai 12.000 rifugiati ai quali, ha affermato, era già stato rifiutato l'ingresso del regno Hascemita.

Pubblicità

Anche Human Rights Watch si è appellato alla Giordania perché lasci entrare i rifugiati, che, secondo la ONG, sono in prevalenza donne e bambini che hanno urgente bisogno di "cibo, acqua e assistenza medica." Nei mesi scorsi il gruppo aveva già avvertito che la chiusura dei confini lungo le rotte migratorie tradizionali avrebbe continuato a costringere i rifugiati a tentare di entrare in Giordania più a est. È quanto avrebbero fatto i 12.000 profughi bloccati in quella che è letteralmente terra di nessuno.

Leggi anche: Nell'ospedale italiano che cura i migranti affetti da DPTS

"Un'immagine satellitare del lato settentrionale del bern di Rubkan, scattata la mattina del 5 dicembre, ha mostrato più di 1.450 tende, segno che probabilmente ci sono migliaia di siriani," ha detto Human Rights Watch in un comunicato. Ha aggiunto che con l'avanzare dei mesi invernali e delle temperature gelide sta aumentando anche la paura. L'ONG ha previsto che fino a 20.000 persone si ritroveranno bloccate in questo purgatorio geografico entro la fine dell'anno.

Human Rights Watch e l'ONU si sono premurati di riconoscere alla Giordania i meriti per gli sforzi fatti in sostegno delle centinaia di migliaia di rifugiati che già vivono all'interno dei confini giordani. Ma Fleming ha aggiunto che almeno un campo profughi - quello di Azraq, a circa 200 chilometri da Rubkan - può accogliere più rifugiati siriani.

"Chiediamo al governo della Giordania di permettere ai rifugiati bloccati al confine di entrare nel paese, dando precedenza agli adulti più vulnerabili e ai bambini," ha detto.


Segui VICE News Italia su Twitter e su Facebook Segui Samuel Oakford su Twitter: @samueloakford