FYI.

This story is over 5 years old.

VICE News

Gli Stati Uniti hanno deciso che la guerra in Afghanistan non è ancora finita

A quanto apre, Obama bloccherà il ritiro delle truppe americane dall'Afghanistan.
15 ottobre 2015, 5:20pm
Photo par Hedayatullah Amid/EPA

Secondo alcuni alti funzionari dell'amministazione americana, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama sarebbe pronto ad annunciare che rallenterà il piano di ritiro delle truppe americane dall'Afghanistan, e che manterrà invece l'attuale contingente di 9.800 soldati per gran parte del 2016, prima di ricominciare a ridurre il numero di militari impiegati.

L'obiettivo di Obama era di ritirare tutto il contingente, tranne una piccola forza di stanza all'ambasciata americana di Kabul, entro la fine del suo mandato a gennaio 2017. Secondo il nuovo piano, invece, le truppe saranno ridotte a 5.500 a partire dal 2017 e saranno inviate in quattro località—Kabul, Bagram, Jalalabad e Kandahar.

La decisione è stata presa dopo mesi di discussioni tra Obama, i leader afghani, i funzionari del Pentagono, i comandanti sul campo e i consulenti della Casa Bianca. Secondo alcuni alti funzionari americani, le discussioni si sarebbero incentrate sulla ricerca del modo migliore per continuare a sostenere le forze afghane nel paese.

Leggi anche: Cosa ho imparato su Al Qaeda analizzando le registrazioni segrete di Bin Laden

"Sono state discussioni ampie, profonde, che hanno visto il coinvolgimento personale del Presidente con una serie di domande molto dettagliate riguardo alle nostre posizioni," ha spiegato un funzionario.

Le truppe americane continueranno ad addestrare e a consultarsi con le forze afgane, e si impegneranno per impedire che qualsiasi residuale presenza di al Qaeda possa minacciare la sicurezza degli Stati Uniti. "La nostra missione non cambierà," ha aggiunto un ufficiale.

Nel frattempo, secondo quanto riportato dall'agenzia russa RIA, giovedì il ministero degli esteri russo ha espresso i suoi dubbi sul fatto che la decisione americana di mantenere un contingente in Afghanistan possa aiutare il paese.

La coalizione guidata dagli Stati Uniti ha concluso la sua missione di combattimento in Afghanistan alla fine del 2014, dopo 13 anni di guerra, e da allora le truppe afghane hanno assunto il controllo della sicurezza nel paese, con l'assistenza delle truppe americane e della NATO.

Leggi anche: Cos'è cambiato dopo un anno di bombardamenti contro lo Stato Islamico?

Ma le forze afghane hanno incontrato delle difficoltà nel difendersi dagli attacchi dei militanti talebani, che hanno brevemente assunto il controllo della città di Kunduz, nel nord del paese.

"Ci stiamo ovviamente accorgendo di quanto a Kunduz le forze afghane si impegnino con una certa tenacia, " ha spiegato un ufficiale.

Secondo i funzionari, l'esercito americano e l'amministrazione Obama avrebbero iniziato a considerare un rallentamento nel programma di ritiro dopo che il presidente afghano Ashraf Ghani e il capo esecutivo Abdullah Abdullah hanno fatto visita alla Casa Bianca a marzo.

"Il governo afghano è vede di buon occhio questo impegno. E da tempo ha espresso il desiderio di un impegno simile," ha spiegato un ufficiale.

Mantenere 5.000 soldati in quattro località diverse costerà circa 12,3 miliardi di euro all'anno, un aumento rispetto al costo stimato di circa 8,8 miliardi di euro per mantenere un contingente ridotto all'ambasciata di Kabul.

Il funzionario ha aggiunto che gli alleati NATO hanno espresso un certo interesse nel mantenere la loro presenza. All'interno dell'operazione "Sostegno Risoluto" in Afghanistan ci sono più di 6.000 soldati non americani.

Leggi anche: Questi video mostrano le terribili conseguenze dei presunti bombardamenti russi sulla Siria

Segui VICE News Italia su Twitter e su Facebook