Attualità

Questo video di una ragazza che sfonda il soffitto dopo un tentato furto merita un Oscar

Brittany Burke è stata coinvolta in un inseguimento con la polizia dopo aver cercato di pagare con una carta di credito rubata.
2.7.18
Screenshot via CTV News.

La scorsa settimana in Alberta, Canada, una coppia sarebbe finita in grossi guai dopo aver cercato di pagare in un minimarket con una carta di credito rubata. Quando i poliziotti, chiamati dalla commessa, si sono presentati, i truffatori sono entrati nel panico e hanno cominciato una specie di "guardie e ladri" terminato con la caduta di uno dei due—la ragazza—attraverso il soffitto. Il tutto per non pagare una bibita in lattina, secondo l'emittente canadese CTV News.

Pubblicità

Le telecamere a circuito chiuso del negozio hanno immortalato l'intera vicenda. E, onestamente, questo footage si merita un Oscar.

La vera disfatta è cominciata quando Richard Pariseau ha letteralmente buttato la sua bella, Brittany Burke, nelle braccia del poliziotto che cercava di fermarli. Mentre Pariseu, ormai senza maglietta, si destreggiava—male—in un balletto con il poliziotto (a un certo punto gli ha lanciato dei semi di girasole addosso), Burke è corsa nella stanza sul retro, ha salito una scala, e cominciato a gattonare per il sistema di ventilazione come Bruce Willis in Die Hard.

Ed è qui che Burke fa un paio di errori critici, a cominciare dal fatto che infila praticamente la testa dentro la telecamera mentre si arrampica. Anche se in qualche modo fosse riuscita a scappare, sarebbe comunque stata fregata. Perde pure una scarpa, che è una cosa che non so a voi ma a me farebbe particolarmente girare le scatole. Le Nike costano. Ma l'errore più evidente, ovviamente, è nella valutazione della stabilità del controsoffitto. Il risultato è un capitombolo praticamente nato per il formato GIF.

Alla fine, sempre secondo CTV, gli agenti hanno arrestato la coppia contestandogli una lunga serie di reati, dall'uso di una carta di credito rubata all'aver opposto resistenza a un poliziotto, che mi sembra un po' un understatement rispetto a quello che è successo. E la cosa più assurda è che l'oggetto del desiderio di Burke, quel Sacro Graal che lei e Pariseau erano disposti a tutto pur di rubare, la sirena che col suo canto li ha attirati verso la disfatta, era una bibita in lattina che costava un dollaro.

Segui Beckett Mufson su Twitter.