Le parti che devi conoscere del nuovo album di Drake, tradotte e spiegate
Illustrazione di Juta.

Le parti che devi conoscere del nuovo album di Drake, tradotte e spiegate

Vi ricordate quando Pusha T ha accusato Drake di avere un figlio nascosto? Bé, era tutto vero.
Juta
illustrazioni di Juta
29.6.18

Scorpion, il nuovo album di Drake, è uscito ieri sera a mezzanotte. Dato che è venerdì mattina e dura più o meno un'era geologica non l'ho ancora ascoltato abbastanza per poterlo giudicare oggettivamente - per quanto sia possibile farlo, dato che è uno di quegli album iper-lunghi che dovrebbero farci preoccupare molto. Quello che però posso fare subito è condividere con voi le parti più importanti dei testi di Scorpion, tradotte dall'italiano all'inglese.

Pubblicità

Lungo il corso di Scorpion, Drake usa molto del tempo a sua disposizione per (e scusatemi per l'uso di questo termine, ma credo sia più adatto di qualsiasi traduzione italiana di "bragging") flexare. L'ha fatto per i suoi fratelli e la sua famiglia, ha la pelle chiara ma è comunque nero, la tua tipa si ascolta il suo album, vuole scopare la tipa x, è triste perché la tipa y non lo ama: lo stesso vuoto che, come aria pesante, riempiva VIEWS rendendolo un gelido monumento al binomio solitudine-ricchezza.

Ma il fatto che (SPOILER ALERT) Drake ha un figlio, come rivelato da Pusha T in "The Story of Adidon", rende Scorpion l'album in cui il nostro eroe si rende conto che non può più fare il ragazzino e deve prendersi le sue responsabilità, a differenza di quanto fatto dal suo stesso padre quando lui era piccolo. Pronti? Cominciamo.

"EMOTIONLESS": PUSHA T NON DICEVA CAZZATE, DRAKE HA DAVVERO UN FIGLIO NASCOSTO CON UNA PORNOSTAR

In "The Story of Adidon", Pusha T aveva accusato Drake di avere tenuto nascosto per anni un figlio avuto con Sophie Brussaux, una ex pornostar che vive al momento in Francia. In "Emotionless", uno dei pezzi migliori di Scorpion, Drake usa un'intera strofa per rivelarlo. E lo fa con maestria, gestendo la tensione narrativa in una maniera che non sentivamo almeno dai tempi delle parti migliori di Nothing Was the Same. Comunque:

Sto sprecando i miei giorni
A scrollare la vita, in cerca di complimenti,
Opinioni di completi estranei che cambiamo il modo in cui mi comporto.
Sto provando a capire chi c'è dall'altra parte dell'ombra.
La maggior parte delle volte è solo qualche minorenne,
Probabilmente solo e impaurito
Che attacca solo perché qualcun altro possa provare il suo stesso dolore.
Sento sempre la gente lamentarsi dei luoghi in cui vivono,
Che sono pieni di falsi e che non hanno niente di bello da dargli,
Ma è solo che si stanno convincendo della versione di un altro,
Una che fa sembrare un'altra città più bella di quella che è.
Conosco una ragazza che aveva un solo obiettivo: visitare Roma.
Poi quando è finalmente riuscita ad andare a Roma
Ha passato tutto il tempo a postare foto per la sua gente
Perché l'unica cosa importante era impressionare un tipo.
Conosco un'altra ragazza che è disperata, in cerca di aiuto,
Ma la sua ultima caption è "Lasciatemi sola".
Conosco una ragazza felicemente sposata finché non mette giù,
Conosco una ragazza che si tiene immagini dai viaggi che fa
Per postarle più avanti così che sembri che è ancora in giro.
Guardate come viviamo:
Non stavo nascondendo mio figlio dal mondo,
Stavo nascondendo il mondo a mio figlio.

Pubblicità

La mia personale impressione è che Drake se la sia sfangata ribaltando la questione. Non stava ignorando l'esistenza di suo figlio, lo stava solo proteggendo da quel mondo di falsi e avvoltoi che popola la sua vita e la sua musica. "Non potrete mai capirmi finché non guarderete negli occhi il vostro seme", aggiunge, con l'artificio retorico dell'avvelenamento del pozzo: si para il culo da eventuali risposte demolendo preventivamente la credibilità dei suoi avversari con un "non potete capire se".

"NONSTOP", "8 OUT OF 10": NONOSTANTE QUESTO, CI SONO UN SACCO DI FRECCIATINE A PUSHA T E KANYE WEST

Nell'intro, dopo aver parlato degli squali con cui nuota e di quella volta che Meek Mill e i suoi volevano ammazzarlo, Drake parla con orgoglio dei completi di suo padre. Gli stessi che Pusha T aveva definito uno stereotipo che Drake usava per affermare la sua appartenenza alla comunità afroamericana. In "Nonstop", Drake esplicita la questione:

Tiro le tende e mi svelo da solo, date un'occhiata.
Sono uno che sputa barre, sono uno che ti fa il culo,
Sì, ho le pelle chiara ma sono un negro scuro.

"8 Out of 10" tira in mezzo anche Kanye West:

Bacio mio figlio sulla fronte, tu baciati il culo e addio,
Fortuna ha voluto che mi adattassi al mio ruolo, quello del bravo ragazzo.
Ma le fortune sono tutte tue, sembra.
Ma le fortune sono tutte tue sembra.
Tutti sette, nessun sei,
Riposati, chiudi gli occhi per un po'.

Nonostante sia dai tempi di If You're Reading This It's Too Late che Drake ha abbandonato l'immagine del tenerone edonista che lo aveva accompagnato fin dagli inizi della sua carriera, quest'aura di bontà sembra permettergli di non venire scalfito da nessun attacco. Drake ci gioca, alternando difesa e attacco: "Tutti sette", dice, come le sette tracce di tutti gli album prodotti da Kanye usciti nelle ultime settimane. Il consiglio a Kanye è quello di prendersi un po' di tempo per rimettere a posto le idee.

"TALK UP": C'È JAY Z CHE PARLA DI XXXTENTACION

In "Talk Up", Drake si fa accompagnare da Jay Z. Non è una mossa casuale, dato che la strofa di Hov contiene un riferimento alla morte di XXXTentacion ed è stata quindi registrata nelle ultime settimane, a dissing con Pusha T cominciato. Dato che Jay e Kanye hanno ufficialmente scazzato, questa collaborazione - la loro quarta - è una presa di posizione da parte di entrambi. Ma litigi e giochi di potere a parte, la strofa di Jay è puro fuoco.

Vivo ogni singola parola che rappo.
Ho detto di aver perso 90 pezzi? È successo.
Probabilmente non credereste a tutto quello che state vedendo se non fossimo in diretta.
Non sono su Instagram, registrano informazioni su di me.
Sono Dio per 'sti dope boy,
Come fai a non essere un fan di HOV?
Sono quello che Meech sarebbe dovuto essere,
Sono quello che Supreme non è diventato.
Se Alpo non avesse snitchato
'Sti negri sarebbero tipo Young.
Ho fatto twittare il vostro presidente
E non voglio nemmeno incontrarlo.
Siete stati tutti voi a uccidere X, e avete risparmiato Zimmerman!
Le strade sono finite.

Pubblicità

È una strofa densa di riferimenti, quella di Jay. Il messaggio non è nulla di rivoluzionario: "Dico la verità, ho spacciato sul serio, sono un Dio del rap". Ma è molto forte il fatto che Jay citi personalmente Big Meech, fondatore della celebre Black Mafia Family, organizzazione dedita allo spaccio che provò a legittimarsi entrando nel mondo dell'hip-hop e cercando di tenere rapporti, tra i tanti, anche proprio con Jay. Kenneth "Supreme" McGriff, oggi in carcere, è invece il fondatore del "Supreme Team", un circolo di spaccio di crack che diventò leggenda negli anni Ottanta. Alpo Martinez è invece uno spacciatore che testimoniò contro membri della sua organizzazione per evitare l'ergastolo o la pena di morte: Jay ne aveva già parlato in "La familia".

La parte più importante è però il finale, in cui Jay paragona l'omicidio di XXXTentacion a quello di Trayvon Martin, ucciso dalla guardia giurata George Zimmerman senza alcun motivo. Jay è frustrato e non riesce a capire perché Zimmerman sia stato assolto da qualsiasi accusa, nonostante abbia ucciso un ragazzo innocuo solo per il colore della sua pelle e un senso di minaccia inesistente, mentre X sia morto e non si sappia nulla sui criminali che lo hanno portato via. "Le strade sono finite" è una frase fortissima, soprattutto se viene da una delle persone che la strada l'hanno celebrata tutta la vita.

"DON'T MATTER TO ME" E "NICE FOR WHAT": DRAKE CONTRO LA MASCOLINITÀ TOSSICA

"Don't Matter to Me" contiene il featuring più strano di Scorpion, cioè delle parti vocali del defunto Michael Jackson. Sono generiche parole d'amore difficile: "Improvvisamente dici che non mi vuoi più / Improvvisamente dici che ho chiuso la porta / Ma non m'importa, non m'importa quello che hai da dire". Drake le usa per parlare del rapporto tra amore e violenza, di come la passione può diventare tossica:

Non riesco a riprendermi dalla nostra ultima conversazione.
Mi hai dato del debole
E hai messo alla prova la mia mascolinità mentre ci urlavamo contro.
Volevi che ti mettessi le mani addosso
Solo per dimostrarti il mio amore.
Sai che non posso mettere a rischio entrambe le nostre reputazioni
Nonostante quello che dici,
Nonostante quello che sceglierai di fare di te quest'estate.
Stai recitando, sai che ti piace vedermi giù,
Stressato per qualcosa.

Pubblicità

Drake è conscio di quanto sia facile spingersi troppo oltre a livello fisico e rovinare vite. Dipinge comunque la destinataria del pezzo come una donna manipolatrice, ma questa affermazione di autocontrollo gli fa onore - soprattutto dopo la cascata di mascolinità che bagnava i pezzi di VIEWS. Ideale compagna di questo Drake è la protagonista di "Nice for What", una donna indipendente che "fa la figa, ma è ok" perché si sente perfettamente a suo agio con se stessa, lavora duramente per guadagnarsi da vivere, non si prende male per amori falliti o insulti su internet.

"IS THERE MORE", POVERO DRAKE CON LA TUA VITA PERFETTA

Ci stancheremo mai di ascoltare milionari rappare di quanto è triste essere milionari? Se la risposta che vi è venuta in mente è "no, sei matto" allora sarete molto felici di ascoltare "Is There More", che fa così:

Yeah, non appena quest'album sarà fuori sarò fuori dal deal.
Sono a casa, sento D'angelo, "How Does It Feel?"
Ho paura di morire con dei pensieri in testa.
Che cos'hai? Hai tempo che ti resta o hai il tempo dalla tua parte?
Ha senso fare 'ste canzoni quando ho fumato?
La vita è qualcosa di più che 'sti viaggi a Dubai?
Degli yacht il 4 di luglio, di 'sto G5 che si libra per i cieli?
La vita è qualcosa di più di tutte 'ste sponsorizzazioni
E tutti 'sti tempi fortunati
E tutti 'sti culi che non sono mai delle dimensioni appropriate?
Mi sto perdendo qualcosa, qualcosa di più importante che dovrei trovare?
Tipo un modo per guarirmi l'anima, tipo un po' di tempo con la mia famiglia.
La vita è qualcosa di più dei momenti in cui mi sento vivo?
C'è altro?

Pubblicità

Da tizio che non avrà mai questi problemi, Drake, ti dico: sì, c'è altro nella vita. C'è quel momento in cui devi fare la lavatrice e stendere i panni, per esempio. Oppure quello in cui devi portare a casa a mano due pacchi di bottiglie di acqua Guizza da due litri. E anche quello in cui muori, dimenticato da tutto e da tutti, dopo un'esistenza anonima. Quindi sì, Drake, c'è altro. Ma non so se lo vuoi davvero vivere.

"MARCH 14", IL FREESTYLE FINALE IN PIENO STILE DRAKE CHE CI RICORDA PERCHÉ AMIAMO ANCORA DRAKE

Una tradizione degli album di Drake è il freestyle finale, il pezzo in cui il nostro rapper canadese preferito tira le fila della sua vita negli ultimi tempi e ne trae delle lezioni, così da lasciare a chi ascolta un piccolo pezzettino di sé. E per quanto ormai continui a buttare fuori album troppo lunghi e noiosi per essere accettabili, il finale non lo canna mai. Nemmeno "March 14",

Ieri mattina è stata assurda.
Ho dovuto accettare il fatto che non è un "forse,
Quella roba è incisa nella pietra, sigillata e firmata.
Non è il mio amore, tipo "Billie Jean", ma il figlio è mio.
Sandi me lo diceva sempre: "Ci vuole sono una volta", e c'è voluta solo una volta.
Merda, ci siamo visti solo due volte, due volte.
E tutte e due le volte non sono state per niente come quelle volte in cui tutto è nuovo.
E ora sto vivendo tempi duri,
Sono qua in prima linea a provare a stare con lui, ogni tanto.
Il mio spirito si sta rompendo.
Sono un padre single, mi fa male sentirlo.
Sfidavo i miei genitori su ogni album
E dirgli che sono diventato un co-genitore mi imbarazza.
Gli avevo sempre promesso una famiglia,
Volevo essere diverso, dato che ci ero passato.
Ma questa è la dura verità.
Le fiabe esistono solo quando le racconti prima di andare a dormire, fidatevi di me.
Non voglio che tu ti preoccupi di chi sia la casa in cui vivi,
O di chi ti ama di più, o di chi non c'è,
O di chi ha fatto cosa a chi prima che tu arrivassi.
[…]
Ho una culla vuota nella mia casa vuota.
Ti ho incontrato solo una volta, ti ho presentato Babbo Natale.
Penso ti abbia portato tipo venti regali.
Tua madre dice che cresci così veloce che non ti stanno nemmeno
Ma amico, sai, dovevo comunque prenderli tutti per il mio ragazzo.
Non hai ancora incontrato tuo nonno, quel negro ti fa viaggiare,
Avrebbe potuto fare standup,
Sì, ma allo stesso tempo è uno che sa essere fedele,
Ed è così che devi essere quando è ora di crescere.
Sei nato ad ottobre, ovviamente, non poteva non essere così.
Mi sono tatuato questo 11 per qualcuno e ora è tuo.
E credimi, non vedo l'ora di farmene altri cento.
Scusami se sono vecchio stile, sto provando a coprire l'area.
Dicono che tra due settimane dovresti essere in città.
Spero che quando sentirai 'sto pezzo io e tua madre avremo fatto pace
E avremo smesso di continuare a buttarci a terra.

Non c'è molto da dire se non un grande "benvenuto" al Drake padre. Dopo una serie di album più o meno deludenti da un punto di vista testuale questa nuova coscienza potrebbe fare bene alle parole di Drake, un artista che ci ha fatto innamorare del modo in cui raccontava la sua vita, ma poi ha cominciato a viverne una troppo algida e irreale perché continuassimo a rispecchiarci in essa. Il piccolo Adonis potrebbe, e dovrebbe, cambiare tutto. Elia è su Instagram. Segui Noisey su Instagram e Facebook.