Gastromotiva El Salvador
Michelle Trinidad. Foto per gentile concessione del Programma Alimentare Mondiale 

Questo corso di cucina a El Salvador sta dando ai giovani un motivo per restare

Grazie alla formazione culinaria e al supporto psicologico, i giovani salvadoregni delle comunità più svantaggiate ora possono trovare lavoro in patria senza dover emigrare.
26.11.18

Nel 2016, Michelle Trinidad, 20 anni, è stata rimandata a El Salvador dopo il secondo tentativo in due anni di ricongiungersi con sua madre e suo fratello che vivono in Maryland, Stati Uniti. Mentre aspetta al centro di espulsione del governo, si sente sconfitta e abbattuta per l'ennesimo viaggio fallito.

"Dopo essere stata rimpatriata, sei a pezzi," dice Trinidad, ora 22 anni. "Pensi, mi stanno rimpatriando. Cosa farò adesso?"

Dal 2014 a oggi, circa 56mila cittadini salvadoregni minorenni hanno attraversato da soli il confine con gli Stati Uniti.

Nel suo colloquio conclusivo prima di lasciare il centro, un agente ha parlato a Trinidad di un programma di formazione per giovani cittadini salvadoregni che vogliano specializzarsi nella ristorazione. A Michelle è sempre piaciuto cucinare, ha sempre osservato attentamente ogni mossa di sua zia in cucina, impegnata nella preparazione dei piatti tradizionali di El Salvador. Così ha lasciato all'agente i suoi dati, ma non sperava nemmeno in un riscontro positivo.

"Le opportunità di lavoro sono poche in questo paese," ha detto Trinidad, che aveva già fatto piuttosto fatica a trovare lavori pagati dignitosamente in passato. "Anche se mandi tantissimi curricula, dicono sempre che ti chiameranno, ma poi non ti chiama mai nessuno."

Pubblicità

Eppure nel settembre 2017, Trinidad ricevette quella chiamata. La giovane era stata selezionata per partecipare alla prima classe di Gastromotiva, un programma finanziato dal Programma Alimentare Mondiale (PAM) e altre organizzazioni internazionali a sostegno dei giovani salvadoregni che intende formarli come cuochi e professionisti della ristorazione. Lo scopo è quello di dare loro nuove opportunità lavorative e un'alternativa concreta all'emigrazione. Lo chef brasiliano David Hertz ha avviato il programma a San Paolo nel 2006, e da lì l'ha esteso in Messico, Sudafrica e ora El Salvador.

Gastromotiva rientra nel contesto più ampio di un settore "gastronomico sociale" in crescita e che cerca di utilizzare il cibo e la gastronomia per combattere problemi sociali come disoccupazione, disuguaglianza e mancanza di sicurezza alimentare. I progetti di questo tipo stanno prendendo piede soprattutto in America Latina, una regione dove si produce abbastanza cibo per sfamare la popolazione, ma dove spesso i cittadini più poveri ed emarginati non vi hanno accesso a causa di forti disuguaglianze sociali, economiche e politiche.

Il negozio di cioccolato venezuelano Kakao ha formato oltre 1500 cittadini venezuelani, principalmente donne con poche possibilità di trovare lavoro. Gustu, un ristorante di lusso a La Paz, in Bolivia, assume cittadini locali dei quartieri più svantaggiati nella speranza che i proventi generati al ristorante possano giovare all'intera comunità. Durante le Olimpiadi a Rio de Janeiro nel 2016, un ristorante all'interno del villaggio olimpico aveva destinato gli avanzi di cibo ai senza tetto della città.

Il programma Gastromotiva a El Salvador ha lo scopo di fornire opportunità lavorative e prospettive di carriera ai giovani delle aree economicamente svantaggiate, dove spesso il tasso di criminalità e violenza è più alto. El Salvador è uno dei paesi con il più alto tasso di criminalità al mondo, nell'ultimo anno si contano circa 4000 omicidi, in un paese grande quasi quanto la Slovenia. I giovani provenienti dai quartieri più poveri corrono maggiormente il rischio di rimanere vittime di omicidio. Le giovani donne delle stesse comunità hanno un altissimo rischio di essere vittime di violenze sessuali e femminicidio.

Pubblicità

Lo stigma nei confronti di queste comunità fa sì che gli adolescenti e i giovani abbiano difficoltà a trovare lavoro. Di conseguenza, negli ultimi anni, sempre più giovani hanno cercato di emigrare, come è successo a Trinidad, che è nata in un quartier pericoloso alle porte di San Salvador. Dal 2014 a oggi, circa 56mila cittadini salvadoregni minorenni hanno attraversato da soli il confine con gli Stati Uniti.

teenagers in san salvador el salvador

Due adolescenti accanto a un vecchio ordigno a Cinquera, a 72 km da San Salvador. Cinquera è stata una delle zone più colpite dalla guerra civile. (Foto: Jose Cabezas/AFP/Getty Images)

A El Salvador, trovare un lavoro in un ristorante può fare la differenza tra restare e partire per gli USA. "Ci sono molte persone che vanno negli Stati Uniti perché qui non hanno opportunità di lavoro, lo fanno per trovare un lavoro e poter sostenere la propria famiglia rimasta a El Salvador," ha detto Trinidad a MUNCHIES.

Andrew Stanhope, rappresentante di El Salvador al Programma Alimentare Mondiale ha dichiarato che la speranza è che il progetto mostri ai giovani "che ci sono opportunità di lavoro e motivi per restare a El Salvador."

In tutto, trentacinque giovani salvadoregni, compresa Trinidad, sono stati selezionati per partecipare al primo corso di Gastromotiva nel 2017. Il gruppo ha portato a termine quattro mesi di corsi, con approfondimenti che andavano ben oltre le competenze culinarie. Il programma, infatti, vuole trasformare gli studenti in cittadini migliori e giovani professionisti: per questo tra i temi delle lezioni, ci sono anche gestione del conflitto, prevenzione della violenza di genere, autostima e molto altro.

"Inseriamo questi argomenti perché facciano parte della loro formazione generale, sono una parte fondamentale del programma, che non è solo un corso di cucina dove impar a preparare i diversi tipi di carne," spiega Elia Martinez, che coordina Gastromotiva attraverso il PAM. "Per noi, è importante considerare l'individuo nel suo complesso, come lavoratore ma soprattutto come essere umano.

La metà degli studenti aveva già trovato un lavoro prima della fine del corso, e nella seconda edizione questo numero ha raggiunto quasi il 90 percento.

Martinez poi ci spiega che molti partecipanti devono fare i conti con "situazioni emotive complesse," che hanno un impatto sulla loro salute mentale e che spesso impediscono loro di trovare un impiego. Per questo, il programma offre anche supporto psicologico.

Trinidad ammette di aver fatto fatica a riabituarsi alla vita a El Salvador dopo l'espulsione dagli USA, in particolare la prima volta che è tornata, nel 2014, perché era da sola, senza suo fratello. A lui era stato concesso l'asilo negli Stati Uniti, mentre a lei no.

Pubblicità

"È davvero difficile tornare quando non hai nessuno della tua famiglia," ci ha detto. Ma il programma l'ha aiutata ad affrontare la situazione. "Gastromotiva ti aiuta molto e ti insegna tantissime cose, sia a livello personale, sia in cucina."

Al termine del corso, Trinidad stava già lavorando in una società di catering gourmet e le era stato proposto un lavoro part-time come aiuto-chef durante la seconda edizione del corso di Gastromotiva.

Gli altri partecipanti del corso ora lavorano in posti come Juan Valdez, la catena di caffè colombiani, da El Pinche, ristorante regionale messicano, e Go Green, una realtà locale. Eppure, l'organizzazione sta cercando di migliorare il tasso di occupazione dei suoi studenti alla fine del programma, considerando anche che alcuni di loro non possono lavorare fino a tarda sera perché il ritorno a casa, nei quartieri più malfamati, sarebbe troppo pericoloso. Nella prima edizione, la metà degli studenti aveva già trovato un lavoro prima della fine del corso, e nella seconda edizione questo numero ha raggiunto quasi il 90 percento

"Mi piace il mio lavoro, ho un buono stipendio, quindi perché dovrei partire? La mia famiglia vorrebbe che io tornassi da loro, ma ora sto bene qui."

Il programma sta facendo la differenza in un paese in cui il 23 percento degli under 30 non lavora, né studia, e per questo intende ampliare le proprie classi in futuro. Benché su piccola scala, il progetto e il suo approccio al problema stanno scatenando un vero e proprio cambiamento culturale, grazie al "concetto di usare l'arte della gastronomia per cambiare la vita delle persone," ha detto Stanhope del PAM.

Trinidad ora si reca in città tre giorni a settimana per assistere lo chef di Gastromotiva, lo aiuta a tagliare le verdure, a preparare le salse e i piatti tradizionali. Per la prima volta, sogna un futuro nel suo paese, El Salvador. La ragazza, oggi 22 anni, vorrebbe studiare amministrazione nel settore della ristorazione, e sta risparmiando per potersi pagare l'università.

Pubblicità

Dopo il rimpatrio, racconta: "Torni qui ma già pensi che vorresti ripartire. Ma ora, perché dovrei andare via?" spiega. "Mi piace il mio lavoro, ho uno stipendio buono, quindi perché dovrei partire? La mia famiglia vorrebbe che io tornassi da loro, ma ora sto bene qui."

Il suo caso non deve rimanere isolato, dice Trinidad. "Se il paese aprisse davvero le porte ai giovani, la gente non se ne andrebbe."

L'articolo è comparso originariamente su Munchies US.

Segui MUNCHIES su Facebook e Instagram

Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da MUNCHIES e gli altri canali? Iscriviti alla nostra newsletter settimanali.