FYI.

This story is over 5 years old.

data journalism

Chi sono, quanti sono e dove vivono gli italiani che abbandonano la chiesa

I dati analizzati da VICE News mostrano una tendenza chiara e inequivocabile: da anni, uno dopo l'altro, gli italiani stanno abbandonando la chiesa. Ecco cosa sta succedendo nel paese — nonostante Papa Francesco.
10.2.16
Foto via Flickr.

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato

Con la grande – si fa per dire – manifestazione del Family Day, molti cattolici hanno affermato in piazza la loro contrarietà alla legge sulle unioni civili. La domanda quindi viene naturale: ma quanti sono i credenti in Italia, alla fine? Quanto contano davvero?

Un modo semplice per rispondere è guardare al numero di persone che affermano di non frequentare mai luoghi di culto. In questo senso, i dati ISTAT mostrano una tendenza chiara e inequivocabile: da anni, uno dopo l'altro, gli italiani stanno abbandonando la chiesa.

Pubblicità

Nel 2001 il 15,9% delle persone di sei anni o più non partecipava mai a riti religiosi. Nel 2015 quello stesso numero è salito al 21,4%: sono dunque circa 3,8 milioni le persone distaccatesi dalle tradizioni ecclesiastiche nell'arco di un quindicennio.

Secondo i dati analizzati da VICE News, il centro-nord risulta generalmente molto meno religioso del sud.

In Emilia-Romagna, un abitante ogni tre non frequenta mai luoghi di culto: è il dato più elevato del paese.

La regione forma, con Liguria e Toscana, un grosso 'blocco anti-religioso' che spezza l'Italia in due.

Al contrario il meridione resiste — in Campania e Sicilia, quasi nove persone su dieci si recano ancora abitualmente in chiesa.

Eppure anche al sud sembra solo una questione di tempo: nelle regioni meridionali, così come al centro e al nord, l'abbandono dei riti religiosi è in crescita — e diffuso in ogni parte del territorio, tra i comuni grandi e quelli piccoli.

Nelle regioni più 'laiche', tendenze già accentuate non hanno fatto altro che aumentare: per esempio toscani e liguri, che già nel 2006 dichiaravano di non frequentare mai luoghi di culto, hanno proseguito il proprio percorso di distacco dalle istituzioni religiose.

È la Sardegna la regione dove il gruppo di "non frequentanti" è aumentato in misura maggiore, balzando in nove anni dal 18 per cento al 24 per cento circa.

L'unico caso in controtendenza è quello della Sicilia: qui il numero di quelli che non vanno mai in chiesa si è abbassato rispetto al passato — dal 14 per cento del 2006, all'11 per cento del 2014.

A un livello di istruzione maggiore corrisponde un distacco più profondo dai riti religiosi: ha detto addio ai riti ecclesiastici il 23,7% dei laureati e il 22,4% dei diplomati.

La percentuale scende tra i cittadini in possesso di licenza media - 20,9% - e crolla ulteriormente tra coloro che hanno frequentato solo le scuole elementari, 17,7%.

Pubblicità

Tutti i valori sono superiori, e non di poco, rispetto a quelli del 2006. In ciascun caso si tratta di circa due o tre punti percentuali di distacco — che, se applicati all'intera popolazione italiana, si traducono in una differenza di milioni di persone.

Il grande buco, come emerge spulciando le statistiche, è soprattutto quello degli adolescenti maschi. A partire dai 14 anni la fetta di chi non va mai in chiesa balza a poco meno del 25%, per poi toccare un picco del 35% fino ai 24 anni.

In linea di massima, invece, le ragazze tendono a frequentare più spesso luoghi di culto — anche se dai 14 anni in poi comincia anche per loro la fase dell'abbandono.

E chissà se poi - maschi o femmine che siano - torneranno mai all'ovile: guardando all'ultimo decennio e mezzo sembra sempre meno probabile, per ogni anno che passa.


Segui VICE News Italia su Twitter e su Facebook

Segui Davide Mancino su Twitter: @davidemancino1

Foto in apertura di Andrea Donato Alemanno via Flickr in Creative Commons.