Pubblicità
Food by VICE

Perché è così dannatamente difficile scegliere qualcosa da mangiare da un menu

Uno studio rivela che quando il cervello è sottoposto ad un numero alto di scelte si sente più in difficolta a prendere una decisione.

di Lauren Rothman
05 ottobre 2018, 10:53am

Foto: Getty Images/lolostock

Sono sempre stata affascinata dai menu dei diner americani: solitamente pesano quanto una bibbia, pagine e pagine dove vengono elencati centinaia di piatti, che vanno dal classico piatto da tavola calda a specialità più strane come il Clams Casino che George Costanza, purtroppo, ordinò per capriccio da Monk's. Adoro la maggior parte del cibo di questi posti e probabilmente mi accontento di quasi tutti i piatti del menu, ma quando mi trovo di fronte a così tante scelte non riesco a decidere tra patatine fritte e cheeseburger. Un recente studio dimostra che non sono la sola: gli scienziati hanno dato un nome a questo fenomeno - "sovraccarico di scelta" - e la paralisi può avere conseguenze ben più gravi del bruciore di stomaco che il pasto scelto vi provocherà.

I ricercatori del Caltech sono stati ispirati da uno studio condotto in California due decenni fa: in questo studio, i ricercatori hanno allestito un tavolo che offriva cibo gratuito ai clienti, della marmellata in un negozio di alimentari, a volte proponendo 24 gusti di composte e altre volte solo sei. Il buffet di confetture da 24 gusti ha attratto più clienti, ma ha portato a un numero molto limitato di acquisti; gli acquirenti che si fermavano al tavolo con sei marmellate erano dieci volte più propensi a scegliere un gusto e comprarlo.

"Quando pensiamo a quante opzioni vogliamo, ci sentiamo frustrati nel prendere una decisione".

In uno studio pubblicato su ScienceDaily , i ricercatori dei dipartimenti di Economia comportamentale sociale e Neuroscienze di Caltech hanno approfondito la dimostrazione dell'azione da "sovraccarico di scelta", esaminando quante opzioni ha bisogno il cervello per sentirsi a proprio agio nel prendere una decisione. La risposta? Non molte.

"Essenzialmente, i nostri occhi sono più grandi dei nostri stomaci", ha detto nel rapporto Colin Camerer, uno degli autori dello studio. "Quando pensiamo a quante opzioni abbiamo, ci sentiamo frustrati nel prendere una decisione".

In altre parole, mentre molti di noi amano l'idea di un grande buffet e dell'all-you-can-eat, altri hanno probabilmente provato l'esperienza di mettersi in fila con il piatto vuoto e poi di non riuscire a capire cosa volere, se una fetta di prosciutto, un'omelette preparata su ordinazione o un muffin ai mirtilli.

Per esaminare questo fenomeno, i ricercatori del Caltech hanno presentato ai volontari immagini di paesaggi che avrebbero potuto stampare su un merchandising, come una tazza da caffè. Ad ogni volontario è stata offerta diverse serie di immagini, contenenti 6, 12 o 24 immagini. Gli è stato chiesto di scegliere il paesaggio che desideravano stampare, mentre una macchina di risonanza magnetica funzionale (fMRI) registrava le attività del loro cervello.

Le scansioni fMRI dei partecipanti, mentre erano intenti a decidere, hanno rivelato attività cerebrale in due regioni del cervello: la corteccia cingolata anteriore (ACC), dove vengono pesati i costi e i benefici delle decisioni e del nucleo striato, un'area del cervello che determina il valore dell'azione.

L'attività cerebrale dei volontari, registrata dalle scansioni dell'FMRI, è risultata la più alta in entrambe le regioni nei volontari con 12 immagini tra cui scegliere e la più bassa in quelle con sei o 24 immagini. Questo schema di attività, ha detto Camerer, è probabilmente il risultato dello striato e dell'ACC, che lavorano insieme per soppesare la potenziale ricompensa in crescita, scegliendo un'immagine che a loro piace davvero per la loro tazza, contro la crescente quantità di lavoro che il cervello dovrà fare per valutare i possibili risultati.

Con l'aumento del numero di opzioni, la ricompensa potenziale aumenta, ma poi inizia a livellarsi a causa di un rendimento decrescente.

"L'idea è che la migliore delle 12 opzioni è probabilmente piuttosto buona, mentre scegliere tra 24 non è un grande miglioramento", ha detto Camerer.

Allo stesso tempo, la quantità di sforzo richiesta per valutare le opzioni aumenta, insieme allo sforzo mentale e la ricompensa potenziale, che si traducono in una ricompensa troppo bassa per uno sforzo invece troppo alto. Camerer ha stimato che, a seconda della persona e della ricompensa, un numero ideale di opzioni è probabilmente tra le 8 e le 15, meno delle centinaia elencate nei menu dei ristoranti.

Mentre scegliere una marmellata o anche un antipasto non è una decisione molto rischiosa, il "sovraccarico di scelta" può avere delle conseguenze reali. Come sottolinea il resoconto di ScienceDaily, quando la Svezia ha parzialmente privatizzato il suo sistema di sicurezza sociale nel 1998, i cittadini sono stati autorizzati a trasferire parte dei loro risparmi per la pensione in fondi privati. Il governo ha dato loro centinaia di opzioni e ha lanciato una grande campagna pubblicitaria incoraggiandoli a scegliere i propri fondi. Inizialmente, quasi il 70% della popolazione adulta ha scelto attivamente un fondo, ma poi rapidamente la percentuale si è ridotta. Dopo dieci anni, solo l'1% circa di svedesi di nuova generazione stava prendendo una decisione attiva su dove mettere i loro soldi per la pensione: c'era troppo a cui pensare.

È così che mi sento ogni volta che vado al ristorante: come un anziano svedese che cerca, con difficoltà, di salvaguardare la sua ricchezza.

Questo articolo è apparso originariamente su Munchies US.

Segui MUNCHIES su Facebook e Instagram


Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da MUNCHIES e gli altri canali di VICE? Iscriviti alla nostra newsletter settimanale.