Pubblicità
Cultura

Quello che non torna nell'ultimo, epico episodio di Game of Thrones

L'episodio forse più atteso di Game of Thrones, "La lunga notte," è stupefacente—ma non sempre in maniera positiva.

di Noel Ransome
30 aprile 2019, 10:54am

Foto per gentile concessione della HBO

GRANDISSIMI SPOILER: NON LEGGERE A MENO TU NON VOGLIA SCOPRIRE COME FINISCE TUTTA LA SERIE.

Dopo otto anni di preparazione, con zombie, lotte fra ying e yang e draghi zombie, è stato abbastanza deludente il come tutta la questione dell'"Inverno sta arrivando" sia stata risolta rapidamente da Arya Stark.

Voglio dire, non fraintendermi, questo non vuol dire che l'episodio "La lunga notte"—che era sostanzialmente una sequenza d'azione di 82 minuti—sia noioso. Anzi, è stato un viaggio bellissimo e pazzesco. Le lunghe carrellate che passavano da personaggio a personaggio, la colonna sonora con il ticchettio dell'orologio, l'oscurità (troppo scura), i draghi e le scene col fuoco che illuminavano l'episodio.

Miguel Sapochnik ha diretto una battaglia finale con i White Walkers decisamente intensa, e che ha facilmente ridimensionato episodi come "Aspra dimora" e "La battaglia dei Bastardi." Ma quando tutto il sangue e la neve si arrestano, Jon Snow sembra il peggior generale del mondo, mentre Deus Ex Arya uccide il più grande dei cattivi in un modo sicuramente molto tosto, ma che ha poco a che fare con tutta la narrazione.

Più che altro, "La lunga notte" ci ha messo davanti a più domande che risposte.

Cosa è successo a Spettro?

Ti ricordi di Spettro (Ghost), vero? Quel metalupo che doveva essere il migliore amico di Jon? Ma che è stato completamente trascurato nella settima stagione, perché i budget HBO non sono infiniti? Stiamo davvero ignorando quel piccolo cucciolo coraggioso che sta sempre in prima linea con la cavalleria, correndo di fretta verso il buio solo per far poi perdere le sue tracce? Non si meritava neanche una scena di lui con gli occhi azzurri?

Dove caspita è andato Bran quando era in trance?

Ascolta, stavamo pensando la stessa cosa al momento in cui Bran era in trance. Bran in passato è stato metalupo, uccello, albero-diga e Hodor. Quindi perché non impossessarsi di un drago, per esempio? Momenti disperati richiedono misure disperate, e tu giustamente pensavi che sarebbe stato il minimo che avrebbe potuto fare con Theon Greyjoy che si stava scavando la tomba da solo per proteggerlo. Ma naturalmente, e coerentemente con la reputazione di Bran come personaggio più mistificante e frustrante di questa serie, ci hanno lasciato lì a chiederci cosa abbia fatto in quei pochi minuti dentro un gruppo di corvi, prima di "tornare in sé" per guardare il Re della Notte un'ultima volta.

Perché nessuno ha pensato che i morti nella cripta sarebbero tornati in vita?


È molto doloroso come la stagione otto abbia riguardato quasi esclusivamente la sicurezza delle cripte di Winterfell. "Nessun posto è più sicuro!" Hanno detto ancora e ancora, al punto da rendere questa frase stupidamente ovvia. Per tutta una settimana addirittura, Thrones Twitter ha pubblicato battute sul folle concetto di nascondere gli indifesi in un luogo dove sono sepolti i morti, considerando l'abitudine del Re della Notte di risvegliare i senza vita.

Certo, ti aspetti che la gente comune di Grande Inverno sia un po' ignorante riguardo a questa dinamica. Ma tutti, da Jon Snow alle due persone più intelligenti lì dentro—Tyrion e Sansa—,non hanno davvero scuse. In passato sono sempre stati così ansiosi di bruciare i non morti del Re della Notte e non gli passa per la mente neanche un secondo che una cripta contenente corpi sepolti è un paradiso per gli zombie? Troppo stupido anche solo da commentare.

In che modo ha funzionato il piano idiota di Jon?


Diciamolo senza indugi. Jon è un terribile leader militare; lo è sempre stato. Voglio dire, lui può fare grandi discorsi ispirazionali, guardare pensieroso e cazzate varie, ma ha una propensione per le missioni suicide (vedi la Battaglia dei Bastardi), cosa che ha provocato troppe morti fra i soldati.

Quindi, dato per assodato questo fatto, qualcuno mi può spiegare come il piano di Jon abbia effettivamente funzionato? Perché incoraggiare questo ragazzo, con la convinzione che sia una buona idea cavalcare nel cuore della notte verso un numero sconosciuto di nemici con scarsa visibilità? Perché qualcuno dovrebbe mettere in pericolo i migliori soldati? Hanno avuto molto tempo per pianificarlo, quindi perché non inviare alcune sentinelle prima? Perché non usare la tua superiorità aerea con draghi e catapulte? Inoltre, se sai che Bran ha la capacità di dominare gli animali, perché non chiedere al fratellino un favore e fargli individuare il pericolo in arrivo? Voglio dire, ma dai.

Apparentemente, hanno perso i Dothraki, la maggior parte degli Immacolati e sono tristi per un singolo drago ferito. Insomma non hanno mica tante risorse per riprendersi il Trono di Spade. Quindi, ben fatto Jon.

E qual era il piano di Jon quando si trovava di fronte a un drago zombie?

Il nostro ragazzo pensava davvero che sarebbe stato capace di sconfiggere un dannato drago? Era sicuro che gridare contro un drago lo avrebbe fatto arrendere? Mi sento come se Jon avesse un po' il complesso di Cristo.

Chi altro è morto?

Il più grande colpo di scena di questo episodio probabilmente consiste nella mancanza di morti tra i personaggi principali. Per quanto ne sappiamo, Jorah e Lyanna Mormont, Theon Greyjoy, Melisandre, Beric Dondarrion e Dolorous Edd hanno dato il calcio d'inizio. Ma a parte un sacco di facce contrite, non possiamo essere sicuri del destino di Gendry e di Gray Worm, anche se si presume abbiano avuto le loro scene di addio.

GOT, da quando hanno ucciso Ned Stark, ci ha sempre lasciato intendere che chiunque potesse morire, ma sembra proprio che gli scrittori qui non abbiano avuto le palle. Non sono sicuro che qualcuno abbia davvero pianto per la morte di Jorah, ad eccezione di Daenerys.

Chi ha dimenticato l'impianto di illuminazione?

Sì, è una battaglia notturna... il modo più economico per mostrare una lotta gigantesca. Ma ci sono stati enormi pezzi in cui era estremamente difficile dire cosa stava succedendo sullo schermo, chi stava uccidendo, chi stava morendo, ecc. Comunque, quella apertura di 15 minuti circa, è stata una delle migliori scene di Game of Thrones mai girate.

Da dove diavolo salta fuori Arya?

Pochi minuti prima che il Re della Notte si facesse strada attraverso ogni forza lanciata contro di lui, GOT impiega alcuni preziosi minuti per uno slow motion che conduce Il Re della Notte da Bran nel Parco degli Dei. Alle sue spalle c'è un'intera squadra di sicurezza composta da generali del ghiaccio e white walker, ma in qualche modo Arya s'intrufola e si fa strada per attaccare il Re della Notte. Tieni presente dove si trovava Arya prima di questo momento: intrappolata in una stanza con migliaia di zombie alla porta. Il Parco degli Dei è praticamente un campo di battaglia aperto, ma in qualche modo, è stata lei a salvare la situazione.

È tutto qui per il Re della Notte?

Per qualcosa a cui hanno lavorato per otto anni, il Re della Notte si è rivelato alla fine un malvagio fantasy piuttosto basico. E questo è molto deludente. Grazie agli dei c'è ancora Cersei, la persona più intelligente di Westeros.

Segui Noel Ransome on Twitter.

Questo articolo è apparso originariamente su VICE CA.