Pubblicità
Cultura

Cinque pornostar raccontano come l'hanno detto ai propri genitori

"Dire a mia madre che facevo porno è stata una delle cose più difficili che abbia mai fatto."

di Jake Hall
19 aprile 2019, 6:00am

Foto di Lustery.

Nel 2016, la performer Jiz Lee ha pubblicato un libro dal titolo Coming Out Like A Porn Star, che affronta in modo inedito il tema personale di chi si è trovato a dover "confessare" la propria carriera nell'intrattenimento per adulti ad amici e parenti.

Molto è cambiato da allora, e siti come Lustery e MakeLoveNotPorn ospitano clip amatoriali per dimostrare che il porno può essere realistico e intimo. Altrove, registe come Erika Lust realizzano ottimi film che dimostrano che il sesso può avere un valore artistico. Ma c'è ancora un certo stigma da eliminare, quindi abbiamo contattato cinque pornostar con esperienze completamente diverse per discutere di quello che è successo quando hanno fatto ‘coming out’, rivelando il loro lavoro.

Andre: "Mia madre ha pianto e insisteva che avrei rischiato grosso"

Andre Porn Stars Chris Jay
Foto di Chris Jay.

Quando all'università ho parlato per la prima volta ai miei di ciò che facevo, la reazione è stata piuttosto prevedibile. La mia sorella più piccola era solidale, ma il resto della mia famiglia si rifiutava di accettare la realtà o esprimeva apertamente il proprio disgusto. Avevo iniziato anche a dichiararmi queer e non-monogama, e per alcuni familiari questa tripletta non era altro che una ribellione cinica o una fase. Mia madre ha pianto e insisteva che mi stavo mettendo in pericolo, ma non riusciva a spiegare questo ‘pericolo.’

Fast forward di di qualche anno e abitavo in California, a 5.000 km di distanza dalla mia famiglia. Nella speranza che avrebbe cambiato idea, ho chiamato mia madre. Le ho detto che ero felice e stavo bene; che avevo incontrato un bel gruppo di attori, molti dei quali sono attivisti per i diritti umani come me; che i soldi erano ottimi. Le ho detto che mi sentivo orgogliosa. Volevo che anche lei fosse orgogliosa di me.

Ma a loro non interessava. Dopo aver fatto i salti mortali per anni per essere trattata con la gentilezza, la compassione e il rispetto che merito, nel 2017 ho tagliato i ponti con la mia famiglia. È stata la decisione migliore che abbia mai preso. In effetti, vorrei averlo fatto prima.

Paulita: "Non sai mai come reagiranno gli altri"

Paulita Porn Stars Coming Out
Foto di Lustery.

‘Fare coming out' è un processo continuo. Ho fatto il mio primo porno quasi dieci anni fa, e ora lavoro come produttrice a tempo pieno—e in questo lasso di tempo ho dovuto raccontare tantissime volte chi sono e cosa faccio! C'è lo scenario tipico del bar, quando ti viene chiesto cosa fai per vivere. Rispondo con nonchalance: ‘porno’! Sono fortunata a vivere nella mia bolla berlinese, perché le persone tendono a reagire positivamente. Sono curiose e vogliono saperne di più, il che è fantastico—anche se non ho sempre voglia di spiegare la mia esistenza.

Ma non sai mai come reagirà la persona che hai davanti, devi sempre valutare la situazione. Per quanto tu possa parlarne con naturalezza, una carriera pornografica non è ‘normale’, e anche le persone con le migliori intenzioni reagiscono spesso in modo infantile.

Dirlo a mia madre è stata una delle cose più difficili che abbia mai fatto. Ci vogliamo tantissimo bene, che è forse il motivo per cui confrontarsi con le sue preoccupazioni, il suo giudizio e la sua intransigenza è stato così doloroso, tanto per lei quanto per me. Negli ultimi anni abbiamo parlato molto del mio ‘coming out’. Lei mi fa sentire considerata, fa domande—a volte piangiamo l'una nelle braccia dell'altra. L'ultima volta che ho fatto una proiezione di un film che avevo prodotto in Spagna, lei voleva venire a vederlo. “Ma è un porno,” le ho detto. “Lo sai.” “Lo so,” ha risposto—“di sicuro sono abbastanza grande per vederlo!”

NB Jupiter: "Mio fratello ha fatto spallucce dicendo: ‘ok’. La mamma aveva molte domande”

NB Jupiter Porn Stars Coming Out
Foto per gentile concessione di NB Jupiter.

Ho iniziato con il sex work a 18 anni, quando ho cominciato l'università. Da persona queer, disabile e con una malattia mentale, mi era sembrato un buon modo per mantenermi e continuare a essere indipendente mentre inseguivo la mia passione come performer e creator. Mi sono innamorata della comunità e del lavoro, e ho assolutamente intenzione di continuare dopo la laurea.

Prima l’ho detto a mio fratello, che ha fatto spallucce dicendo: ‘ok’. Sei mesi dopo l’ho detto a mia madre. Sono fortunata che abbiamo un legame molto forte, ma anche lei convive con l’ansia. Aveva molte domande, quindi le ho spiegato un po’ e ha detto che finché non facevo incontri dal vivo (come sugar baby o escort), sarebbe stata fiera di me. So di non poter offrire un servizio completo, quindi ci siamo lasciate con la promessa che mi sarei limitata all'online.

So di essere una delle più fortunate; il sostegno dei miei genitori e il loro amore incondizionato mi hanno permesso di creare spettacoli pieni di attivismo. Ho speranza per il futuro; di poter usare la mia voce per le sex worker e garantire l'uguaglianza che meritiamo.

Mercy: “Il consiglio di mia mamma è stato: se sei orgogliosa del tuo lavoro, sono dalla tua parte"

Mercy Porn Stars Coming Out
Foto per gentile concessione di Mercy.

Ho iniziato con il sex work a 18 anni, facendomi scattare delle foto di bondage. Ha finito per piacermi, ma non sapevo cosa pensare del fatto che le mie tette sarebbero rimaste su Internet per sempre, così ho chiesto a mia madre. Negli anni Novanta ha fatto la spogliarellista; sa che il sex work può fare schifo, ma può anche essere produttivo e divertente. Il suo consiglio è stato: fintanto che sei orgogliosa del lavoro che fai, sono felice di sostenerti. Quindi è stato meraviglioso!

I miei genitori sono separati, quindi, mentre dalla parte di mia madre era tutto a posto, sapevo che per mio padre non sarebbe stato lo stesso. Una delle mie sorelle l’ha scoperto circa due anni fa; ha visto una foto online, per caso. Si è detta “mortificata.” È scoppiata a piangere, non riusciva nemmeno a parlarmi. Hanno minacciato di rinnegarmi se non avessi lasciato.

Più tardi mio padre mi avrebbe detto che non lo approvava, ma che era orgoglioso di me. Tuttavia, ha rifiutato di difendermi; mi ha detto di continuare a provare con le mie sorelle. Mi sono resa conto che in sostanza mi stava dicendo di continuare a subire abusi verbali, mancanze di rispetto e via dicendo. Non posso accettarlo. L'ultima volta che abbiamo parlato, gli ho detto che poteva o difendermi o lasciarmi stare. Penso che abbia preso la sua decisione.

Siri: “Ho subito outing all'inizio della carriera e la reazione dei miei genitori mi ha fatto più male di tutti”

Siri Porn Stars Coming Out
Foto via VNA Girls.

Ho mentito alla mia famiglia sul perché mi fossi trasferita a Los Angeles. Avevo intenzione di dirglielo una volta raggiunto il successo nell'industria del porno, ma non è andata secondo i piani. Ho subito outing poco dopo e la reazione dei miei genitori mi ha fatto più male di tutti; hanno messo in dubbio la mia sanità mentale, e ad un certo punto hanno anche detto che era come se fossi morta, per loro.

Alla fine ho raggiunto il successo sperato, ma i contatti con la mia famiglia sono stati minimi e molto tesi. Sono stati la ragione principale per cui mi sono ritirata—stare vicino a loro era, in definitiva, più importante. Ho lasciato da quattro anni, ma ancora non accettano o comprendono le mie esperienze. Ho fatto i conti con lo stigma anche in altri aspetti della vita, dall'occupazione alle frequentazioni e i commenti inappropriati, anche da parte di professionisti del settore sanitario.

Ora ho il privilegio di vivere relativamente indenne la mia vita ‘civile’, e la maggior parte delle persone ha solo un quintale di domande. Quindi colgo ogni opportunità per intavolare una conversazione significativa; penso che ognuna di queste discussioni contribuisca a migliorare il trattamento e la sicurezza delle sex worker.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla newsletter di VICE per avere accesso a contenuti esclusivi, anteprime e tante cose belle. Ogni sabato mattina nella tua inbox. CLICCA QUI .

@jake2103

This article originally appeared on VICE UK.

Tagged:
sex work
sesso
Πορνοστάρ
Famiglia