FYI.

This story is over 5 years old.

Questa mappa interattiva visualizza le cyberguerre in tempo reale

Già nel 1968 Marshall McLuhan ipotizzò che la Terza Guerra Mondiale sarebbe stata una “guerriglia delle informazioni."

Una versione di questo articolo è apparsa originariamente su The Creators Project Spagna. Luci, laser, e un flusso costante di frecce su una mappa della Terra riempiono gli schermi dei vostri computer con movimenti rapidi che sembrano dispiegamenti militari. State guardando la Norse Attack Map. Questa mappa consente di visualizzare, in tempo reale, i cyber-attacchi scagliati ogni giorno. Ti dice quali sono i paesi responsabili, ovvero i "cattivi" di questa guerra e quali sono i loro obbiettivi.

Pubblicità

Benvenuti nella guerra di Internet. Potreste credere che sia meno pericolosa di altre guerre—non si vede a occhio nudo e fa meno rumore—ma già nel 1968 il teorico Marshall McLuhan ipotizzò che la Terza Guerra Mondiale sarebbe stata una "guerriglia delle informazioni." Gli obbiettivi di questa nuova guerra sono distruggere computer, accedere a materiali riservati, distruggere hard drive, e trafugare informazioni sia da paesi nemici che alleati, come dimostra lo spionaggio della NSA nei confronti di alcuni leader francesi, rivelato recentemente da Wikileaks. In breve, vogliono sapere cosa pensate, cosa possedete, scovare le informazioni più nascoste e capire come usarle a loro vantaggio.

Sulla Norse Attack Map, lo schermo mostra il tipo di attacco, e la posizione geografica dell'IP. In questo modo, possiamo vedere che gli Stati Uniti e la Cina sono in competizione costante, ogni secondo, per chi ha il sistema di cyber-indagini più aggressivo. Gli Stati Uniti sono senza dubbio l'obbiettivo principale della stragrande maggioranza degli attacchi.

Immagine per gentile concessione della Norse

Abbiamo parlato con Jeff Harrell della Norse, la compagnia che ha speso gli ultimi tre anni a sviluppare il sistema. Ci sono 50 ingegneri coinvolti nel progetto, con il compito di raccogliere informazioni da più di otto milioni di sensori localizzati in 50 paesi. "Questi sensori imitano gli obiettivi preferiti degli attacchi, come ATM, smartphone, PC o Mac, per attirarli," spiega.

Pubblicità

Fare manutenzione su una piattaforma del genere è semplice, ma i sensori richiedono una supervisione costante. "la piattaforma è sempre aggiornata, in modo da essere il più possibile precisa," dice Harrell.

Per quanto tutte queste informazioni possano già avere un'aria spaventosa sul vostro schermo, la realtà di questi attacchi è molto più complessa di così. "Lo schermo mostra solo un attacco su mille," dice Harrell. Lo sfrecciare di linee e colori che vedete è solo una piccola parte del quadro reale di quello che sta accadendo.