FYI.

This story is over 5 years old.

Beranard Szajner ha trasformato l'universo di "Dune" in musica

La rivisitazione dell'album sperimentale del 1978 Visions of Dune fatta dal "Brian Eno francese."
12.11.14
Immagine dell'autore.

Il musicista francese e artista all'avanguardia dell'elettronica Beranard Szajner non è un nome molto conosciuto. E nonostante venga descritto come il "Brain Eno francese" è un vero e proprio uomo del rinascimento digitale, che lavora con destrezza artistica su musica elettronica, istallazioni artistiche e creazione sperimentale di strumenti elettronici.

Con la recente ristampa del suo album del 1978, Vision of Dune, questo è un buon momento per rivisitare la sperimentazione e la costruzione del mondo pensato da Bernard Szajner. In questo modo possiamo cominciare a capire perché abbia rimaneggiato la colonna sonora di Frank Herbert, Dune.

Szajner non può ricordare l'anno esatto in cui ha letto Dune, ma quando ha deciso di rompere gli schemi del tomo, era davvero un romanzo "trendy" in Francia. Chiunque l'aveva letto e ne parlava. Szajner non ha fatto eccezione. E come molti altri che hanno letto il libro in quegli anni, egli è rimasto estremamente affascinato dall'idea di Herbert.

"Era un mondo completamente diverso per noi," ha detto Szajner. "Rifletteva la stessa invidia, le minacce, così come le malefatte e le cose meravigliose che possono accadere sulla Terra. Era parallelo al nostro mondo, ma diverso."

A quel tempo Szajner non era un compositore. Non aveva infatti alcun rapporto con la musica, fatta eccezione per le mostre di luce che ha creato per i gruppi rock del tempo, principalmente per Magma e Gong, ma anche per gli Who.

Dopo due o tre anni di assenza di interesse, come ha affermato, la "perfetta fusione della visone alla musica", Szajner ha deciso che se i gruppi rock non l'avessero fatto, l'avrebbe fatto lui stesso.

"Avevo la magia nelle mie mani quando ho girato i controller e ho generato suoni," ha detto.

Nonostante la completa assenza di familiarità con gli strumenti musicali, un amico gli ha suggerito di prendere in prestito alcuni sintetizzatori. Così è andato a casa con un paio di sequenzer Oberheim, un registratore Revox a due tracce, un registratore reel-to-reel e ha scoperto tutto su questi apparecchi.

"A quel tempo, i sintetizzatori Moog cercavano d'imitare i suoni naturali degli strumenti," ha detto Szajner. "Ho cercato di creare nuovi suoni che potessero generare nuove forme di ascolto."

Due anni prima di essere introdotto ai sintetizzatori analogici, Szajner si è imbattuto nella leggendaria fiction scientifica del romanzo proto-cibernetico Nova, di Samuel R. Delany. All'interno del romanzo Delany descrive dettagliatamente uno strumento chiamato "sensore syrynx" che Szajner preferisce descrivere come una sorta di arpa elettronica, che gli permette di "generare musica elettronica."

Nel libro, il personaggio The Mouse usa il sensore syrynx per creare la musica e illusioni olografiche tridimensionali, ma associa anche un profumo da aggiungere al suo effetto ipnotico sul pubblico.

AVEVO LA MAGIA NELLE MIE MANI QUANDO HO GIRATO I CONTROLLER E HO PRODOTTO I SUONi

Uno dei massimi successi di Szajner, assieme a Vision of Dune è "Duke", un brano assente nell'album. Assieme al brano "Spice", il pezzo è stato respinto dalla sua etichetta discografica perché "troppo futuristico." Certamente è dotato di atonalità, che non era esattamente comune al tempo, ma "Duke" è caratterizzato da un tono brillante e una bella struttura.

E se c'è un tema principale che attraversa l'opera di Szajner, è l'idea di costruire un mondo. È iniziato con Vision of Dune e permane nel suo lavoro attuale. sia che stia creando nuova musica, sia istallazioni d'arte o opere digitali, tutti questo ha un unico obiettivo che deriva da una domanda che Szajner si è fatto per molto tempo: è possibile offuscare la mente delle persone, creando mondi aperti dove la pura immaginazione prenda il sopravvento, permettendo loro di camminare al suo interno?

"Riguarda il modo di vedere la vita," ha detto Szajner. "Vedete la vita così com'è, o come la si può immaginare? Io preferisco la seconda. Se si può immaginare, allora si può iniziare a costruire e a creare."

Inizialmente Szajner era sorpreso che Alexandre Cazac e Yannick Matray di InFiné abbiano voluto riproporre Vision of Dune. Il "vecchio materiale", come lo descrive lui, è un mondo già bello e fatto e Szanjer non vuole far altro che creare nuovi mondi e realtà. Poi si è reso conto che la gente va nei musei per vedere opere d'arte antiche e forse così Vision of Dune potrebbe avere un valore in questo contesto.

"Non sono riuscito a capirlo fino a quando Alexandre e Yannick mi hanno detto che Vision of Dune è stato fatto 35 anni fa ed è perfettamente contemporaneo e trascende il tempo", ha detto Szajner. "Se avremo successo ci aiuterà ad accedere a una nuova generazione di ascoltatori. Non so se funzionerà, ma sono d'accordo con il principio."

Guardando al futuro, Szajner crede di conoscere da vicino la realizzazione di strumenti come il sensore syrynx del Mouse. Anche se sarebbe più esatto dire che è più vicino a Nova.

Con un nuovo strumento, Szajner utilizza un braccialetto dotato di un sistema di micro-computer per la trasmissioni dei segnali Wi-Fi al suo MacBook. Con una rotazione del polso e del corpo, può generare musica e suono. Szanjer ha affermato di aver creato altri due strumenti che sono più complessi e "fisici".

Il 18 settembre, Scanjer e Almaeeva hanno presentato il loro progetto EVOLUTION al Centre Pompidou, il più grande museo d'arte contemporanea di Parigi. Come ha ribadito Szajner, è stata un'ora di performance e non di concerto.

Szajner ha descritto tutto questo come una trama continua o un pezzo di testo che canta. In aggiunta alla premiere dei suoi tre nuovi strumenti Szajner, per la prima volta dopo molti anni, è stato presente, dal momento che ha diretto e organizzato.

"Solo quest'anno, dopo circa 35 anni, sono riuscito a realizzare il mio sogno," ha detto Szajner. "C'è armonia, sinergia e non la realizzazione di quello che sto facendo."