Salute

Cosa fare se senti di non riuscire più a gestire lo stress quotidiano

Il burnout ha cause sistemiche legate a un mondo del lavoro insostenibile che non dipende da te—ma anche per questo è importante capire i tuoi limiti.
Hannah Smothers
Brooklyn, US
31.5.21
stress sul lavoro
mapodile via Getty.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha annunciato a maggio 2019 che avrebbe iniziato a classificare il “burnout” come una effettiva condizione di salute, considerandolo nello specifico come un “fenomeno occupazionale.” Ora, siamo tutti in burnout. TUTTI. Persino con una pandemia mondiale, gli ingranaggi del capitalismo non perdono un colpo. I livelli di esaurimento generali sono tali che il New York Times ha scritto che molte persone in burnout stanno mollando il lavoro—non per andare in cerca di “nuove avventure”, ma proprio perché non reggono più il carico e le richieste.

Trattare il burnout come un problema di “salute mentale personale” ignora il fatto che il burnout sia il risultato di fattori sistemici, come—per dirne giusto un paio—il numero insufficiente (o inesistente) di ferie, malattia o maternità/paternità retribuite. Ma c’è qualcosa che puoi fare, a livello individuale, per migliorare almeno la tua situazione quotidiana.

“Le persone arrivano al punto di dire, ‘sono in burnout, non so come ci sono arrivato,’ eppure in retrospettiva ci sono sempre segnali e sintomi,” spiega la terapeuta Melissa Russiano a VICE.

Pubblicità

Per offrire qualche consiglio, VICE ha parlato con psicologi e terapeuti che trattano in modo specifico il burnout—definito da Russiano come una sensazione di fatica tale che smetti di funzionare, con conseguenze sia emotive che fisiche. Questi consigli non sono sufficienti per uscire da un burnout: si tratta più di un elenco di azioni pratiche per renderlo meno inevitabile.

Crea un “budget” del tuo corpo

Russiano racconta che tra le prime cose che chiede a persone fortemente stressate è di scrivere una lista di cause, comprese cose che li fanno arrabbiare o sentire turbati. Poi, con la sua supervisione, scorrono la lista e separano le cose su cui la persona può esercitare un controllo dalle cose su cui non può.

“Non puoi evitare le tasse, il tuo capo o le deadline,” spiega Russiano. Ma puoi controllare cose come quanto dormi, quanto caffè consumi e, almeno in parte, quante ore di lavoro straordinario fai. Questo esercizio serve a prendere confidenza con ciò che consuma tempo ed energia o, in altre parole, cosa consuma il “budget” fisico che hai a disposizione.

“Hai una quantità di energie limitate al giorno e se le investi in cose che sono oltre il tuo controllo, diventa difficile avere energie rimaste per cose a cui tieni davvero e di cui sei in controllo,” spiega Russiano.

Se passi molto tempo a stressarti per cose che sono al di lì del tuo controllo—come un capo che ti manda mail alle 10 di sera o una deadline strettissima—Russiano raccomanda di creare delle regole: decidere quali email meritano risposta dopo l’orario di lavoro e come organizzarti per rispettare una certa scadenza.

Trova del tempo per staccare davvero

Quando fare i pendolari tra casa e lavoro era ancora la norma, Carly Bassett, terapeuta di Austin, diceva ai suoi clienti proni al burnout di usare quel tempo transitorio tra ufficio e casa come cuscinetto in cui non era ammesso pensare al lavoro. Ora che tanti di noi sono ancora in smart working, la linea che separa il tempo del lavoro e quello personale è molto sottile e precaria.

A prescindere da quale sia la tua situazione, Bassett raccomanda di riservare delle ore della giornata completamente per sé. “Suggerisco addirittura di segnarle sul calendario per aiutarti a percepirle davvero come separate, e impedire al lavoro di sconfinare,” dice Bassett.

L’unico modo per far sì che funzioni, però, è che questo stacco sia realistico. Se per te funziona dire non guardo la mail dopo le sette di sera o prima delle nove di mattina, perfetto, fai così. Ma se sai che ogni mattina avrai l’angoscia all’idea di non rispondere a un paio di email mentre bevi il caffè o risolvere questioni di lavoro la sera per non doverlo fare il giorno dopo, allora lascia una piccola finestra di lavoro prima di andare a dormire.

Chiedi ai tuoi superiori come gestiscono il lavoro e i problemi

Se il posto in cui lavori è frenetico e concitato, Bassett raccomanda di chiedere al tuo capo—con la dovuta attenzione—come gestisce personalmente un numero elevato di progetti in contemporanea, le ore piccole e le forti aspettative, senza finire in burnout a sua volta.

Bassett sottolinea che questa conversazione dipende, ovviamente, dal tipo di rapporto che hai con questa figura; se parlate di rado o sai già che ti risponderebbe “che vuoi dire con burnout, io amo questo lavoro, vivo per questo lavoro,” allora meglio evitare del tutto. Ma se siete in buoni rapporti, Bassett dice che può essere un buon modo per far sapere che sei in difficoltà e—idealmente—ottenere un po’ di aiuto.

Crea delle “regole personali” che ti aiutino a gestire la vita sociale

Russiano dice che una delle tattiche per prevenire un burnout dovuto al lavoro è avere una vita sociale e domestica solida. Ma ricevere costantemente messaggi/chiamate/DM/ecc da amici e parenti può diventare opprimente a sua volta. Per evitare di ritrovarti emotivamente e mentalmente saturo, Russiano consiglia di stabilire delle “regole personali”—ovvero, dei confini.

Non esiste un modo solo per farlo. Magari per te significa far sapere alle persone che risponderai con calma ai messaggi personali dal lunedì al giovedì, durante la parte più impegnativa della settimana lavorativa, ma che sei disponibile per una chiamata o un’uscita insieme durante il fine settimana.

Oppure puoi dire no a certe cose, perché hai deciso che una delle tue regole è passare almeno un giorno alla settimana in completa solitudine, sul divano. A prescindere da come scegli di strutturare le tue regole, devi rispettarle più che puoi e comunicarle alle persone vicine in modo chiaro. “E se qualcuno non capisce il tuo bisogno di equilibrio, valuta che posto riservargli nella tua vita,” dice Russiano, spiegando che i tuoi amici stretti dovrebbero accettare il fatto che non puoi essere sempre disponibile e se non lo fanno, forse devi rivalutare il tipo di amicizia che avete.

Compensa le cose che odi fare con cose che ti rendono felice

“Non voglio scomodare Marie Kondo, ma sii consapevole di cosa ti dà gioia,” dice Russiano. “Se scrivere report non ti dà gioia, devi trovare qualcosa che lo compensi, così da ricaricare le energie richieste.” A livello pratico, puoi insomma fare un’altra lista: da una parte ci saranno le “cose che odio fare” e dall’altra le “cose che amo fare,” e assicurati che le due colonne siano più o meno pari.

Sembrerà scontato ma, come sottolinea Russiano, la discesa verso il burnout è spesso graduale e subdola. Così capita che le persone si rendano conto che l’80 percento delle ore che passano sveglie sono dominate da un lavoro noioso e lavatrici infinite solo quando è già troppo tardi.

Ecco perché la regola fondamentale che accomuna tutti i consigli scritti qui è diventare più consapevole di ciò che fai ogni giorno, e di come ti fanno sentire le cose che fai. Non è certo una soluzione capace di smantellare i fattori sistemici che trascinano le persone in burnout, ma può aiutarti a migliorare la tua vita su base quotidiana, che è un buon punto da cui partire—e ti darà la possibilità e le energie per lottare per quei cambiamenti sistemici di cui abbiamo tutti disperatamente bisogno.