Attualità

Vivo in Svezia, uno dei pochi paesi a non aver adottato un lockdown

In Svezia non c'è nessun lockdown per coronavirus: posso andare al bar, al ristorante e in ufficio. Ma non significa che non sia preoccupata.
07 maggio 2020, 8:15am
L'autrice in un bar svedese.
L'autrice in un bar in Svezia.

La Svezia è uno dei pochi paesi al mondo senza un vero e proprio lockdown atto a limitare la diffusione del coronavirus. Il governo ha piuttosto adottato misure meno restrittive come il distanziamento sociale. La giornalista svedese Caisa Ederyd ci ha raccontato com'è la vita là oggi.

Vivere in Svezia è strano. So che c'è una pandemia. So che è una cosa seria. Ma non riesco a capire esattamente quanto seria sia, da qui. Lavoro in un'emittente radio a Stoccolma. Gran parte dei miei colleghi e io andiamo al lavoro tutti i giorni, cercando di mantenere più distanza possibile gli uni dagli altri. Uno dei principali telegiornali della Svezia trasmette dal nostro stesso palazzo. Ma per quanto io senta parlare di quarantena, lockdown, del rischio di crisi economica e di restrizioni alle libertà individuali in altri paesi, è come se non potessi capire. La mia vita è troppo normale. Eppure, allo stesso tempo, non lo è.

Vivo con il mio compagno e i miei due figli. Tra la famiglia e il lavoro, non ho molto tempo per pensare. Ma non vedo mia madre da due mesi. Ha passato i 70 anni e ha problemi respiratori pregressi. Al momento, la strategia svedese è concepita apposta per proteggere persone come lei.

Gran parte delle restrizioni in Svezia sono più che altro raccomandazioni: lavati le mani, non partecipare a feste, evita i viaggi e mantieni le distanze. Riduci il contatto con le altre persone—specialmente se sei ad alto rischio, come mia madre. A parte tutte queste cose, che sono più che altro questioni di buon senso, al momento ci sono quattro regole: niente assembramenti pubblici di più di 50 persone; visite chiuse alle case di riposo; niente viaggi in Danimarca (la frontiera è chiusa); bar e ristoranti non possono permettere assembramenti, sono ammessi solo i clienti seduti ai tavoli.

Dato che sono in salute, non ho paura di ammalarmi. La maggior parte dei miei amici e dei miei famigliari pensa che la via svedese sia quella giusta (e io lo spero). Ci scherziamo molto su, che è l'unico modo in cui ci sentiamo in grado di gestire la situazione.

La maggior parte dei miei amici ora lavorano da casa. Chiunque abbia anche il minimo sintomo di raffreddore deve stare a casa. Starnutire o tossire sono diventati tabù, mentre due mesi fa potevo tranquillamente presentarmi al lavoro raffreddata. Ci viene detto di stare distanti. Ci è comunque concesso di fare praticamente quello che vogliamo, a parte andare a ballare o partecipare a feste pubbliche o private—praticamente tutte le cose divertenti che si fanno con gli amici—e stare insieme ai nostri genitori o nonni.

Anche se vado ancora al lavoro, faccio una vita diversa. Evito i trasporti pubblici. Mi tengo a distanza dalle persone per strada e nei supermercati. I miei bambini vanno all'asilo nido, ma abbiamo deciso che non possono andare a casa degli altri bambini. Forse siamo paranoici, forse no.

Mi mancano le cene con gli amici. Mi manca mia madre. È come se andasse tutto bene, ma fossi perennemente triste e preoccupata a fasi alterne. So che abbiamo libertà che gli altri non hanno, ma è difficile essere oggettiva.

Non entro in un locale da febbraio. Le poche volte che sono stata in un bar negli ultimi due mesi è stato un po' come andare a un rave illegale. Sì, possiamo farlo, ma è sicuro? Gran parte della gente pensa che stare all'aperto non sia pericoloso, sempre che si mantenga la distanza. Quanta distanza, è a tua discrezione.

C'è un generale sentimento di fiducia tra lo stato svedese e la popolazione. Forse funziona perché gli svedesi mantengono le distanze già di loro. Io sono contenta di avere una scusa per non abbracciare nessuno, per esempio.

Una mia amica è medico in uno dei principali ospedali di Stoccolma. Un paio di settimane fa mi ha detto che c'erano i segni di una catastrofe in arrivo. Non c'erano abbastanza posti di terapia intensiva. Molti operatori sanitari si erano ammalati gravemente. Un altro amico è a casa da solo in quarantena da sette settimane perché ha difficoltà respiratorie. Questo rende tutto più tangibile.

Ma la settimana scorsa, Stoccolma ha avuto i due giorni più caldi dell'anno. Io vado al lavoro in bici, e ho notato che la città era brulicante di gente. C'era un ingorgo sulla ciclabile. I ristoranti all'aperto erano pieni. Ogni giorno, ora, vedo sempre più gente in giro. Come risultato, alcuni bar sono stati costretti a chiudere per non aver rispettato le regole. Troppe persone tutte vicine e con servizio in piedi. Più ci avviciniamo all'estate, meno il virus ci preoccupa.

Mentre alcuni dei miei amici si sono messi in quarantena (volontaria o involontaria), altri hanno organizzato piccole feste private e passato weekend nelle loro case di campagna—nonostante il governo avesse chiesto alle persone della zona della capitale, la più colpita, di non spostarsi se non per necessità.

Quando il governo ha ristretto le riunioni pubbliche a 50 persone, il 29 marzo, pensavo che fosse questione di giorni prima che anche noi venissimo colpiti dal lockdown. Ma è passato più di un mese, e sembra che stiamo andando in una direzione diversa. Anche se non siamo andati nemmeno vicini a un vero lockdown, la gente sembra averne avuto abbastanza: "È quasi estate! La vita va avanti."

In sostanza, la Svezia ha chiesto ai cittadini di usare il buon senso. Ma cosa succede se la situazione va così al di là del buon senso? È facile sentirsi un po' persi. E io mi ritrovo a preoccuparmi perché non mi preoccupo abbastanza.

Segui Caisa su Twitter.

Una versione precedente faceva riferimento improprio all'immunità di gregge.