FYI.

This story is over 5 years old.

Gli evangelici americani stanno riportando in vita malattie debellate

Il morbillo è tornato a colpire, e l’avversione ai vaccini e la fiducia nella guarigione divina sono parte del problema.
17.9.13

The Cow-Pock_—o—_The Wonderful Effects of the New Inoculation di James Gilray, 1802. Immagine via

Non ho mai capito del tutto la paura dei vaccini, soprattutto perché non c'è alcuna prova concreta che li colleghi ad autismo, malattie autoimmuni, sindrome della morte improvvisa infantile, o qualsiasi altra cosa. L'unica cosa è fare in modo di non ammalarti. Ma, come per l'aborto, i cristiani evangelici hanno utilizzato l’isteria da anti-vaccinazione per galvanizzare il sostegno alla propria parte, anche dopo che la carta siglata dal dottor Andrew Wakefield nel 1998, che collegava i vaccini all'autismo e a disfunzioni intestinali fu sonoramente smentita come cattiva scienza.

Onestamente, comprendo l'argomento religioso contro l'inoculazione dei virus più di quanto capisca quello scientifico. Penso che funzioni così: la vaccinazione è un peccato contro la volontà di Dio—perché se Lui mi volesse colpire, io dovrei farmi colpire. Se credessi in un tizio incazzato con la barba bianca e la tunica in cielo con un'arma a forma di saetta, non vorrei che si innervosisse. Questo ha certamente più senso rispetto alla versione new-age del rifiuto al vaccino, dove yuppie di periferia somministrano ai loro figli un altro kombucha invece di portarli dal pediatra.

Se il pastore di Westboro vuole credere che i vaccini violino la parola di Dio, va bene. Non sono cazzi miei, se la comunità evangelica vuole credere che Dio non si fidi di loro. Il problema per me è che prima o poi ho intenzione di mettere incinta una donna. Nove mesi dopo, saremo benedetti dall'arrivo di un piccolo bambino agitato (preferibilmente un maschio), e voglio fare in modo che cresca grande e forte e non contragga accidentalmente una vecchia malattia—soprattutto una di quelle che la maggior parte dei medici non sa più come curare—perché i miei vicini di casa decidono di non vaccinare i loro figli.

Vi ricordate il morbillo? Quella vecchia malattia che negli Stati Uniti è stata debellata 13 anni fa? Grazie al prodigio dell’inoculazione, il morbillo dovrebbe essere del tutto inesistente in questo Paese, ma il Center for Disease Control (CDC) ha comunicato che ne sono stati segnalati 159 casi da gennaio ad agosto di quest'anno. Il che significa che gli Stati Uniti quest'anno sono interessati dalla peggiore epidemia di morbillo dal 1996, quando furono segnalati 500 casi. È inquietante, soprattutto perché i medici e gli infermieri non sono davvero più preparati a curare il morbillo, sapete, per via della faccenda che è stato "debellato".

Morbillo e scarlattina. Foto via

Potrebbe essere un buon momento per ricordare a tutti che cosa è in grado di fare il morbillo a un uomo. Negli adulti, è un'infezione delle vie respiratorie che causa una febbre che dura circa quattro giorni ed eruzioni cutanee rossastre, che vi terrà a casa dal lavoro imbambolati davanti allo schermo di un computer mentre vi misurate la febbre. Di solito non è fatale, ma è piuttosto pericolosa per i bambini. Anche con le migliori cure, circa tre bambini su mille muoiono per il morbillo.

Studiare i fattori e i decorsi di una malattia è uno di quei lavori in cui si è costretti ad ammirare la perfezione di malattie mortali, motivo per cui la maggior parte degli epidemiologi e infettivologi mi ricordano Ash in Alien. Le malattie si sviluppano e cambiano in modi che i medici non possono prevedere, e a guardare da vicino questi "organismi perfetti" non si può fare a meno di ammirare il loro potere distruttivo. Il padre di un mio amico si occupava di malattie infettive, e ci ha veramente mandato fuori di testa con i vecchi libri di medicina.

Ciò che rende un caso unico il focolaio di quest'anno è che il CDC ha finalmente ammesso che la diffusione della malattia "debellata" è dovuta all’avversione filosofica ai vaccini delle comunità religiose e alla fiducia nella guarigione divina attraverso la Parola di Dio. Secondo un rapporto, il 91 percento dei casi segnalati riguardava persone che non erano state vaccinate, o che non erano a conoscenza del loro stato vaccinale, e "tra coloro che non sono stati vaccinati, il 79 percento ha avuto obiezioni filosofiche alla vaccinazione."

I casi di questo tipo sono nati in seno alle comunità religiose, ma alla fine ne hanno varcato i confini, e il morbo ha infettato neonati che non potevano ancora essere legalmente vaccinati. Ad agosto, gli epidemiologi in Texas hanno iniziato a indagare sulla Eagle Mountain Church International di Newark, Texas. La chiesa, che crede nella guarigione per miracolo, era diventata un terreno di coltura per il morbillo, dopo che un membro della congregazione tornato dall'Indonesia aveva infettato 21 persone all’interno della comunità e nella zona intorno a Newark. È ormai quasi certo che Terri Pearsons, pastore principale della chiesa, incoraggiasse i suoi seguaci a evitare le vaccinazioni, a tutti i costi. La chiesa, per difendersi, ha negato le accuse, il che contraddice le continue restrizioni di Pearsons sui vaccini.

Una volta che l'epidemia ha cominciato a diffondersi tra i bambini, la Pearsons ha modificato la sua posizione, in una dichiarazione del 15 agosto, incoraggiando il suo gregge alla vaccinazione. In questa occasione ha limitato l'apertura ai "bambini molto piccoli con una storia familiare di autismo," suggerendo ancora una volta che i vaccini possono rendere ritardati i bambini. Il punto fondamentale della chiesa di Eagle Mountain è contraddittorio: sì, i bambini li dovete vaccinare, ma potrebbero finire come Rain Man.

Le cose vanno ancora peggio nel Nord Europa. Dal mese di maggio, è in corso una "grande, ininterrotta epidemia di morbillo" in una comunità protestante ortodossa dei Paesi Bassi. Al 5 settembre, il Centro per il controllo delle malattie infettive nei Paesi Bassi aveva segnalato 1.226 casi. Il 90 percento dei casi erano membri mai stati vaccinati delle comunità protestanti più rigide del Paese.

Tutto questo non si qualifica come minaccia e aggressione? Perché stiamo ancora parlando dei vaccini come se avessero qualche effetto negativo sulla nostra società? Potrebbe avere qualcosa a che fare con il fatto che, al di fuori dei demagoghi di alto livello, il più dei conservatori religiosi sono spesso considerati una specie di setta medievale antiscientifica e antimedica, con la serpe in mano, che parlano in idiomi antichi dietro le mura delle proprie chiese? Io certo è così che me li immagino, ed è bello immaginare i conservatori religiosi come una comunità isolata e autonoma. La cosa è allarmante è che le loro malattie sono più intelligenti di loro, e fanno proselitismo molto più in fretta.

Altro sulle malattie:

MST di cui non eravate a conoscenza

Panino alla tenia