FYI.

This story is over 5 years old.

Stuff

Questo murales con una gang bang tra supereroi nella sala di un ospedale universitario ha fatto incazzare mezza Francia

In Francia nelle ultime ore si è sollevato uno scandalo intorno a un graffito che raffigura quattro supereroi commettere quello che sembrerebbe a tutti gli effetti uno stupro di gruppo.
20.1.15

Foto via

In Francia nelle ultime ore si è sollevato uno scandalo intorno a un graffito che raffigura quattro supereroi commettere quello che sembrerebbe a tutti gli effetti uno stupro di gruppo. Il graffito—dipinto su un muro della sala riservata ai tirocinanti del centro ospedaliero-universitario di Clermont-Ferrand—raffigura Wonder Woman che viene sodomizzata da Batman mentre Superman le viene in bocca, Supergirl le pratica del fisting e Flash si fa fare una sega.

Pubblicità

L'indignazione generale è scoppiata questo sabato, quando la pagina Facebook "Les médecins ne sont pas des pigeons" ("I dottori non sono degli allocchi") ha pubblicato una foto del graffito. Stando a quanto dichiarato dal legale del sindacato dei tirocinanti dell'ospedale, l'opera sarebbe stata dipinta più di 14 anni fa e si sarebbe trovata in una sala chiusa al pubblico. Di recente tuttavia sono stati aggiunti alcuni particolari che da "un graffito osceno" l'hanno reso "un graffito osceno a scopo politico."

All'interno dei balloon—aggiunto al graffito o con Photoshop a una foto pubblicata online, fatto ancora da chiarire—si legge, "Prendila tutta!", "Eccola la riforma della sanità!" e "Dovresti informarti meglio!" Questi dettagli fanno pensare che si tratti di un attacco alle riforme proposte dal Ministro della Salute francese Marisol Touraine lo scorso novembre. Queste riforme—che avrebbero dovuto innescare un giro di vite contro quei medici che fanno pagare le visite più del dovuto, rivalendosi sulle compagnie di assicurazione sanitaria—sono state respinte dal Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Medici (CNOM), secondo cui "non rispondono alle esigenze dei medici né a quelle dei pazienti."

Gli utenti della pagina Facebook che ha pubblicato l'immagine hanno difeso il graffito rifacendosi alla recente questione di Charlie Hebdo e al principio della "libertà di espressione." Molti hanno affermato che è ipocrita rappresentare il Profeta Maometto nelle vignette satiriche e poi indignarsi per un disegno che raffigura lo stupro del Ministro della Sanità. In uno dei commenti si legge: "[Marisol Touraine] si sente superiore agli dei? Perché a quanto pare disegnare una caricatura di un dio è lecito…"

Pubblicità

Altri utenti hanno condannato la pagina Facebook per aver pubblicato l'immagine, sostenendo che graffiti di quel tipo "fanno parte delle nostre tradizioni [degli studenti di medicina] e non hanno mai creato problemi." In Francia le rappresentazioni di nudo sono effettivamente piuttosto diffuse in questi contesti, ma ciò non ha impedito a molti di mobilitarsi.

L'associazione femminista francese "Osez le Féminisme" (Osate il femminismo) ha reagito tempestivamente alla pubblicazione dell'immagine, pubblicando sul suo sito un articolo in cui si chiedono la rimozione del graffito e provvedimenti immediati nei confronti degli autori. Nell'articolo si condanna un disegno "misogino" che utilizza "lo stupro come mezzo per esprimere dissenso nei confronti del Ministro e della sua proposta di legge." Si avverte inoltre che rappresentazioni di questo tipo posso contribuire a "eroticizzare la violenza" e costruire "un'immagine degradante della donna."

Foto via

Il muro è stato ridipinto lunedì mattina, e il Centro ospedaliero-universitario di Clermont-Ferrand ha annunciato di aver deciso di "eliminare il graffito" e di intraprendere "un'azione disciplinare o persino giudiziaria contro i presunti autori per il loro comportamento inaccettabile."

Per "Osez le Féminisme", tuttavia, la questione non finisce qui: perché l'incidente di Clermont-Ferrando non è un "caso isolato." Lunedì stesso ne ho parlato con Claire Serre Combe, portavoce dell'associazione.

Pubblicità

VICE: Ciao Claire. Puoi spiegarci perché volete che il graffito venga cancellato?
Claire Serre Combe: Perché rappresenta una donna vittima di uno stupro di gruppo. In Francia avvengono 75.000 stupri ogni anno. Solo il 10 percento delle vittime sporge denuncia e solo nel 2 percento dei casi queste denunce portano a una condanna. Stando così le cose, se dei futuri medici ritengono accettabile che nella zona a loro riservata all'interno di un ospedale ci sia un disegno del genere, qualcosa non va. La cosa ancora peggiore è che questo graffito ha un messaggio politico. Un messaggio davvero degradante e umiliante e un chiaro attacco al Ministero della Salute.

Sapete chi è l'artista?
No. Ma questo non cambia le cose: un sacco di giovani studenti di medicina e di tirocinanti vengono esposti ogni giorno a un enorme graffito irrispettoso nei confronti delle donne. Questo graffito è del tutto inappropriato.

Come si può considerarlo un attacco ai progetti dell'attuale Ministro della Salute se è stato dipinto più di dieci anni fa?
Il graffito in sé è stato dipinto molto tempo fa, e intitolato "I tirocinanti di Clemont Ferrand: i supereroi." Per protestare contro le riforme che si stanno discutendo in questo momento sono stati aggiunti i fumetti. Non sappiamo se siano stati aggiunti direttamente sul muro o se siano stati aggiunti con Photoshop.

Avete provato a contattare direttamente l'Università?
No. Domenica scorsa abbiamo mandato una lettera al CNOM (l'Ordine dei Medici) a Puy-de-Dôme [una regione del centro della Francia] chiedendo che venisse cancellato e che venissero presi provvedimenti contro i suoi autori. Abbiamo anche chiesto di prendere provvedimenti per sensibilizzare i medici e i tirocinanti sul problema della violenza sulle donne, e per fare in modo che disegni di questo genere spariscano da tutte le università.

Come associazione vi è già capitato di imbattervi in problemi simili anche in altre università francesi?
In generale nell'ambiente universitario problemi del genere sono piuttosto comuni. Non è la prima volta che ci imbattiamo in disegni di questo tipo, ma in questo caso la questione è più seria perché il soggetto rappresentato è lo stupro, che è un crimine.

Ci capita molto spesso di dover intervenire, soprattutto nei confronti dei volantini che pubblicizzano le feste universitarie. Per esempio, due anni fa a Grenoble il rettore ha annullato una festa perché il contenuto dei volantini pubblicitari è stato ritenuto sessista e degradante da varie associazioni, femministe e non. Invece a Tolosa, due o tre anni fa, gli studenti hanno organizzato un "DSK party"—riferendosi all'ex leader del Partito Socialista Dominique Strauss-Kahn, che era accusato di violenza sessuale—suggendo l'idea di una specie di festa a tema stupro.

Come fate a sapere se i vostri interventi funzionano?
Si sono dimostrati utili in molte circostanze. Quello che ci dispiace, però, è dover tenere sempre sotto controllo la situazione e mettere in guardia le persone. L'atteggiamento degli studenti cambia, ma non abbastanza rapidamente. Far rimuovere dei disegni o far annullare delle feste è un conto, ma quello che serve davvero è una campagna di sensibilizzazione su questi temi nelle università, per far capire ai giovani perché può essere pericoloso rappresentare le donne in un certo modo.

Grazie, Claire.