FYI.

This story is over 5 years old.

News

Il misterioso porno di Putin

Il partito Russia Unita ha trovato un nuovo modo per accattivarsi l'elettorato.
24.2.12

In genere, una campagna elettorale ha successo quando si affida a fenomeni mediatici in grado di catturare i cuori e le menti della gente e trasformarli in elettori. Parole come “speranza”, “cambiamento” e “povertà” funzionano, ma in Russia, in vista delle elezioni del 4 marzo, ci vuole ben altro. Le parole non sono necessarie. I concetti chiave sono tette e YouTube. Quando non è bersaglio della più grande protesta contro il governo degli ultimi decenni o impegnato a fingere di supportare importanti riforme e la trasparenza, il partito Russia Unita guidato da Vladimir Putin cerca di accattivarsi le simpatie della classe operaia con ogni strategia di marketing possibile. La prima di una serie di geniali campagne pubblicitarie a favore di Putin, trasmessa la scorsa estate, presenta una ragazza molto attraente nell’atto di istigare le proprie amiche sexy a strapparsi le magliette di dosso, mostrando che sarebbero disposte a privarsi di qualsiasi cosa per il loro leader. Un atto di coscienza politica, insomma. Inoltre, per incoraggiare altre giovani russe a seguire il suo esempio, promuove un concorso online che culminerà con la vincita di un iPad 2. Con un pizzico di sesso, populismo e un po’ di desiderio consumistico, è nato il meme “Spogliatevi per Putin”.

Da quando sul social network Vkontakte è spuntato fuori questo particolare “Esercito di Putin” e hanno cominciato a circolare video

su YouTube

Pubblicità

, altre ragazze, probabilmente istigate dalla vista dei capezzoli turgidi delle loro compagne, si sono riversate sulle strade armate di abiti provocanti e hanno iniziato a lavare macchine prodotte in Russia.  Questi eventi altamente programmati—non a caso tra il pubblico

sono stati avvistati

alcuni spin doctor del Primo Ministro—hanno aggiunto al meme “Spogliatevi per Putin” quello dell’autolavaggio sexy, una tattica ormai assodata impiegata in ristoranti, squadre sportive scolastiche e film porno in tutto il mondo.

Se dobbiamo essere sinceri, non tutti i russi hanno apprezzato i teatrini pornografici di Putin. “L’evento doveva essere impressionante e patriottico—e ci hanno investito una notevole somma,” ha dichiarato Nastya Surguch, studentessa di Economia e Gestione d’Impresa a Mosca e membro del gruppo “Contro l’Esercito di Putin”. “Ma in realtà è stato piuttosto patetico. Oggi in Russia le cose vanno così. Non voglio essere nostalgica e dire che prima si stava meglio, ma il Paese non è mai stato così allo sbaraglio, nemmeno durante i sanguinosi anni di Stalin.” Ma se un’idea include un paio di tette, state sicuri che funzionerà. Lo sa bene il presidente Medvedev, che lo ha dimostrato con la campagna pubblicitaria a favore della legge contro gli alcolici proposta alla Duma ad agosto. Le “Ragazze di Medvedev” hanno chiesto al pubblico di scegliere tra una birra fresca e i loro corpi caldi, promettendo di togliersi un indumento per ogni bottiglia svuotata in un secchio. Ai ragazzi arrapati la scelta è sembrata più che ovvia: come perdersi il meglio di un party studentesco senza i postumi della sbornia e i sensi di colpa?!

In un nuovo spot pro Cremlino, una giovane modella seduce un elettore prima di attirarlo dietro la tenda della cabina elettorale, in una rappresentazione letterale dello slogan della campagna di Putin: “Insieme verso una grande Russia.” Che suona molto meglio di: “Gli elettori vengono fottuti.”

Portando il meme delle “Fighe per Putin” all’esasperazione, un giovane russo molto determinato ha avuto un'altra eccellente idea: un video di un tizio che ha impiegato un mese a palpeggiare 1000 donne per strada per poi stringere la mano di Putin e trasferire al suo leader il potere delle tette.

Ora che anche in America si avvicina il tempo delle elezioni e nascono nuove polemiche su Putin e il culto della sua personalità, gli elettori americani potrebbero guardare all’Esercito di Putin per capire quanto i loro politici sarebbero disposti a fare per ottenere voti.

Considerato che nella politica statunitense la rettitudine morale e le affinità religiose sono spesso soppiantate da strategie di attacco

ad hominem

, non manca molto perché si tocchi il fondo. In fin dei conti, c’è un motivo se bisogna essere maggiorenni per votare.