FYI.

This story is over 5 years old.

News

Caccia ai droni

In Colorado, un'ordinanza sta per autorizzare i cittadini a difendere la propria privacy sparando agli aeromobili a pilotaggio remoto.
10.9.13

Centrale di controllo droni. (Foto via)

A nessuno piacciono i droni. Le macchine di morte senza alcun esecutore a bordo volano sopra le città pakistane e sopra le catene montuose dello Yemen come odiosi pterodattili meccanici, e sembrano prendere di mira civili innocenti troppo più spesso di quanto riescano a colpire i loro bersagli reali.

Ma non sono solo i droni killer di guerra che mettono a disagio; quest'anno abbiamo assistito a molti progressi nell'uso di droni per la sorveglianza cittadina, per esempio nel Regno Unito sono state spese circa due milioni di sterline (circa 2,4 milioni di euro) per pattugliare i cieli sopra il G8 e gli Stati Uniti ne hanno approvato l'uso con fini commerciali. Nel panorama post-Snowden, molti sono comprensibilmente infastiditi dall'idea che telecamere governative volino sulle loro case, ogni volta che vogliono, e alcuni hanno deciso di agire. Uno di loro è Philip Steel, dalla città di Deer Trail, in Colorado.

Pubblicità

Philip ha fatto una bozza per un'ordinanza che vuole dare il diritto a tutti i residenti di Deer Trail di abbattere i droni, e addirittura li premia, se ci riescono. L'ordinanza è stata presentata davanti al consiglio cittadino per la prima volta ad agosto, e ha ottenuto tre voti a favore e tre voti contro. Mentre si attende un nuovo giro di voti per l'8 ottobre, la storia è balzata agli onori della cronaca, non ultimo perché il segretario municipale, la signora Kim Oldfield, ha detto che si aspetta che l'ordinanza passi alla seconda votazione.

Anche se il modo di presentarsi di Steel, con la sua invocazione alla guerra civile, il suo amore per le armi da fuoco e la retorica anti-Obama lo rendono pericolosamente simile al prototipo del lobbista-pro-armi di destra che solitamente mi manda ai matti solo a vederlo, la prospettiva di una squadra di uomini che si danno alla caccia ai droni per il Selvaggio West con i loro fucili è anche romantica. Ho chiamato Philip per parlare delle sue proposte.

Philip Steel.

VICE: Ciao Philip. Allora, prima che entriamo nel merito della tua caccia ai droni, puoi raccontarmi brevemente come siamo arrivati a questo punto? 
Philip Steel: Be', a settembre del 2015 la Federal Aviation Administration (FFA) fornirà nuove linee guida per estendere quello che chiamano "spazio navigabile" fino al suolo. È un problema davvero grosso. In pratica, significa che il governo federale avrà giurisdizione su tutto quello che viaggia nello spazio aereo—non solo sugli aeromobili "regolari". Se uno vuole andare a fare due tiri al poligono, oppure andare a giocare a baseball, tutto quello che attraversa lo spazio aereo, per definizione, sarà sotto la loro legislazione. Se vorrai costruire qualcosa, avrai bisogno di un permesso governativo. Scavalca completamente i diritti dello stato.

Pubblicità

E la tua proposta per la caccia ai droni è una reazione a questo?
Quello che fa l'ordinanza, in primis, è dichiarare la completa sovranità sullo spazio aereo sopra la città di Deer Trail, in Colorado. Circa un chilometro quadrato e mezzo con 500 abitanti. Dichiariamo la nostra sovranità su quello spazio, fino a 300 metri dal suolo.

E qual è il ruolo dei droni, in tutto questo?
Il nostro motto è, "Se non volete che abbattiamo i vostri droni, non fateli volare nella nostra città." Stiamo preparando delle licenze da cacciatore di droni. Se becchiamo dei droni, li abbattiamo con i nostri fucili. Non sono i droni Predator da 25 milioni di dollari—quelli comunque volano a ben più di 300 metri dal suolo. Sono droni piccoli, questi, della taglia di un uccello. E volano bassi. Servono per la sorveglianza. Sono dotati di tecnologia a fibre di carbonio e praticamente vedono attraverso i muri.

Video promozionale dello US Air Force Research Laboratory che mostra il kit di sorveglianza che Philip teme diverrà onnipresente.

E la vostra paura è che questo tipo di sorveglianza si diffonda sempre di più?
Il problema è questo: anche se ci fidassimo del nostro governo, e non ci fidiamo, anche i criminali possono usare i droni per tenere d'occhio un quartiere. I pedofili possono usarli per fotografare i bambini. Anche i terroristi possono usarli, per ricognizione o per attacchi chimici o biologici. Le corporation li possono usare, e lo faranno, per ottenere informazioni sui propri clienti. Le ordinanze stabiliscono linee guida molto specifiche sui tipi di armi e di munizioni che potranno essere usati per fermare i droni, insieme ai metodi.

Pubblicità

Ok, ho capito. E come funziona la taglia?
Se porti delle parti del tuo bersaglio, ti diamo 25 dollari. Se arrivi con il drone intero, te ne diamo 100. Nella proposta di ordinanza li chiamiamo "trofei", e possono essere utilizzati dalla città per scopi commerciali.

L'ordinanza legalizza e fornisce un premio in contanti per chi abbatte gli aeromobili a pilotaggio remoto che volino sotto i 300 metri di altezza a Deer Trail?
Sì, e lo rende uno sport. Crea davvero un nuovo evento sportivo. Terremo delle gare di tiro con droni finti e li abbatteremo. È incredibile il potere di attrazione che ha la faccenda sulle masse. È su tutti i giornali e ne senti parlare nelle notizie in tv. Ho anche fatto incazzare la FFA. Se ne sono usciti dicendo che le sanzioni per chi abbatte un aereomobile a pilotaggio remoto saranno le stesse di quelle per chi ne abbatte uno ordinario—si finisce in galera e tutto.

E non vi preoccupa, la cosa?
Sicché va bene che un drone voli sopra le nostre case per controllarci? Questo va bene? Dobbiamo accettarlo e basta? Abbiamo iniziato la nostra rivoluzione per una minuscola tassa sul tè, e questo è ben più grave.


La licenza di cacciatore di droni. (Clicca per allargare)

Certo, ma danneggiare proprietà dello stato è un reato contro il governo federale; se il danno supera i 10 mila dollari finisci dritto in galera.
Ora come ora, finisci in galera per qualsiasi cosa. Ecco il problema: il presidente Obama ha dichiarato guerra ai suoi cittadini. Ha assassinato quattro suoi cittadini [con attacchi con droni] senza nemmeno un processo, senza il diritto all'habeas corpus. Ha solo deciso, senza sentire il parere di nessuno, di usare i droni per uccidere queste persone. Ok, non erano sul suolo americano, ma indovina—la costituzione americana si applica anche ai cittadini americani, che siano sul suolo americano o no.

Pubblicità

Insomma, pensi che se il governo sta violando la legge, perché non dovreste farlo voi?
Loro ci hanno dichiarato guerra, noi stiamo solo rispondendo al fuoco. Loro hanno lanciato la palla velenosa. Abbiamo il secondo emendamento proprio perché è nostro diritto combattere un governo tirannico. Obama è un tiranno, nemico della libertà, nemico dei popoli liberi di tutto il mondo. E lo dico con cognizione di causa. Tre anni fa, la mia casa è stata distrutta. Il governo ci ha fatto un raid, ma io non sono mai stato accusato di nulla, era una cosa completamente illegale.

Cosa è successo nel raid?
Circa 100 militari sono arrivati a casa mia. Avevano con loro tre cecchini e una mitragliatrice. Quello che cercavano era l'Anarchist Cookbook—che non ho e non ho mai letto. Hanno causato danni per 15 mila dollari a casa mia. Non c'erano accuse a mio carico, né cose simili, ma non posso fargli causa perché c'è il Patriot Act, così possono fare quello che vogliono.

Cavoli, che schifo. Ma Deer Trail ha una storia di problemi con i droni, o è una contromisura per impedire problemi futuri?
Stiamo facendo uno statement. È uno statement simbolico, ma di che potenza! Ci ho messo solo quattro ora, di sabato sera, a scrivere questa proposta di ordinanza e—d'improvviso, una settimana dopo—è arrivata fino in Europa, fino a voi. È una cosa potente—significa che c'è qualcosa dietro. Ancora non ci sono droni, ma ce ne saranno, a milioni, in tutto il paese.

L'ordinanza non è ancora passata, ma Philip ha già creato il sito dronesshooters.com.

Pensate che altre città si uniranno alla caccia ai droni?
Certo. Una dozzina di città mi hanno già chiesto informazioni. È una cosa di dimensioni gigantesche, e voglio dare la sveglia alle persone. Edward Snowden ha sacrificato tutto perché tutti sapessero che l'America spierà chiunque, in ogni luogo, inclusi i suoi cittadini. Io non voglio che il governo mi spii. Non voglio che mi spiino le corporation. Abbiamo il diritto alla privacy.

Pubblicità

Solo i residenti di Deer Trail hanno fatto richiesta di licenza?
Oh, no, centinaia di persone da tutto lo stato—migliaia, anzi—hanno chiesto la licenza. Frutterà alla città un sacco di soldi, le vendiamo a 25 dollari l'una. La gente vuole solo appenderla al muro, è lo spirito di ribellione.

Comprare un pezzo di carta da appendere al muro è un conto, ma iniziare ad abbattere proprietà governative che volano nei cieli—ci saranno ripercussioni, no?
Coraggio! Non sono riuscito a portarli in tribunale dopo il raid a casa mia. Dirò al governo, faccia a faccia, che—quanto a me—hanno cominciato loro la guerra civile. E se loro vogliono una guerra civile, io sono pienamente intenzionato a combattere dall'altra parte della barricata.

Segui Matthew su Twitter: @matthewfrancey

Altro sui droni:

A scuola di droni

Benvenuti nel futuro della guerra

Game of Drones