Food by VICE

Il ristorante di kebab che ha resistito alla guerra civile siriana

Il ristorante dei fratelli al-Ayoun è sopravvissuto a tre anni di occupazione dell'ISIS e a quattro mesi di combattimenti feroci per la liberazione della città.

di Charles Thiefaine ; traduzione di Andrea Strafile
19 novembre 2018, 12:04pm

Foto di Charles Thiefaine

Un uomo sta facendo danzare la lama del suo coltello su un banco di legno, triturando della carne insieme a peperoni e spezie. Il suono che viene fuori dal contatto del metallo del coltello contro il legno del banco sembra un po' quello di un macchinario ben oliato. Eppure ci sono solamente il taglio tradizionale, la sciabola e la forza delle braccia in questa stanza, niente di elettrico, né aggeggi meccanici.

Kebab Raqqa Syrie
Uno dei ragazzi di Abou Hayoun taglia la carne con la sciabola.

Un altro uomo invece, con la barba ben curata, rigira gli spiedi sulle braci ardenti. L'odore della carne, "lahm" in arabo, cotta su un fuoco di legna, solletica le narici. Poggiata su un letto di verdure grigliate, viene servita su un vassoio d'argento, accompagnato da un bicchiere di latte di capra dal sapore deciso. Il menù di questo locale? Una decina di varietà diverse di kebab.

Kebab Syrie Raqqa
Secondo quanto ci hanno riferito, circa 100.000 persone sono tornate a vivere a Raqqa. C'era il doppio della popolazione prima dell'inizio della guerra civile siriana nel 2011.

Benvenuti da "Abu Hayoun" (che sarebbe il padre di Hayoun), il famoso ristorante di kebab a Raqqa, la cui buona reputazione va avanti da secoli, sopravvissuto a tre anni di occupazione da parte dell'ISIS e a quattro mesi di feroci combattimenti per la liberazione della città. Quattro pezzi di pecora sono sospesi in una vetrina, per attirare le rare persone che vagano per le strade devastate della città.

Kebab Syrie Raqqa
In mezzo alle rovine di Raqqa, il ristorante appare come un'oasi per la gente.

I due fratelli Ahmad e Yayha al-Ayoun, che hanno rispettivamente 67 e 60 anni, sono i proprietari. Ahmad ha sempre il sorriso stampato in faccia. Trascorre il suo tempo dietro la cassa e dà costantemente istruzioni ai dipendenti. Suo fratello, invece, ha una faccia dai contorni netti e la pelle forte, spessa. Seduto all'ingresso o di fronte al ristorante, su una sedia di plastica, si intrattiene a chiacchierare volentieri con i clienti. E poi c'è anche Hayoun, figlio di Ahmad, che lavora qui.

Kebab Syrie Raqqa
Ahmad al-Ayoun è uno dei due fratelli che gestiscono il locale. Passa la maggior parte del tempo dietro il bancone a guardare la cucina e a fare i conti.

Il locale è a gestione famigliare dal 1976. A quel tempo, la Siria era governata da Hafez Al-Assad, il padre di Bashar al-Assad. Molte personalità siriane di spicco, la maggior parte delle quali dirigenti del regime, venivano a mangiare da Abu Hayoun. "A quel tempo vendevamo fino a 250 kebab al giorno, contro i 50-100 di oggi", dice uno dei fratelli con sguardo nostalgico.

Kebab Raqqa Syrie
Gli abitanti di Raqqa stanno lentamente tornando nella città distrutta.

Nel 1998, Hayoun si unì a suo padre e iniziò a lavorare al ristorante. Due anni dopo, Bashar Al-Assad succedette al suo, di padre. Prendendo le redini del paese, che condurrà con il pugno di ferro. La rivoluzione siriana avrà luogo nel 2011 e la guerra civile colpirà le strade di Raqqa. I due fratelli vedranno sfilare davanti ai loro occhi l'esercito libero siriano - che gradualmente si trasformerà in gruppi radicali come il fronte di al-Nusra, la succursale di al-Qaida in Siria - e i jihadisti dello Stato Islamico (ISIS).

Kebab Raqqa Syrie
Il taglio con la sciabola è una tecnica tradizionale ereditata dall'impero ottomano dopo Ahmad al-Ayoun.

"Sono clienti, prima di tutto. Finché pagano, non facciamo differenza ", dicono i due imprenditori. Il ristorante rimarrà aperto per tutti questi anni. Yayha dice che anche i combattenti stranieri vengono a mangiare nel suo locale. "I jihadisti francesi hanno ordinato fino a mezzo chilo di carne per pasto. Buone forchette, "ha concluso, con tono divertito.

Kebab Raqqa Syrie
La situazione della sicurezza a Raqqa è tesa a un anno dalla liberazione della città. Dozzine di mine vengono scoperte ogni giorno e le cellule dormienti dell'ISIS continuano ad attaccare le autorità.

A parte alcune difficoltà nell'ottenere il pane sotto l'occupazione dell'ISIS, i due maestri del kebab sono sempre stati in grado di rifornirsi di carne e adattarsi al suo prezzo. "Cerchiamo pecore di pastori e allevatori locali, grandi o piccoli che siano. In passato, le pecore non erano molto costose. Il prezzo del kebab oggi varia in base a quello dell'animale."

Kebab Raqqa Syrie

A giugno del 2017, le forze arabo-curde, sostenute dalla coalizione internazionale, sono entrate in città per liberarla dalle grinfie dell'ISIS. Su Raqqa piovono bombe. E Abu Hayoun non sarà risparmiato. Durante un bombardamento aereo, il ristorante viene colpito e i due fratelli sono costretti a chiudere bottega fino alla fine della guerra. Ahmad solleva il tappeto davanti al cartello e si ritrova davanti una coda di mortaio incastonata nell'asfalto.

Kebab Raqqa Syrie

Tutto intorno al ristorante, lo scenario è davvero macabro. La città è un campo di rovine. È ricoperta da uno strato di polvere bianca che sembra cenere, quando scende la notte. Gli abitanti di Raqqa tornano a vivere nel loro quartiere distrutti e cercano di ricostruire le loro case. Ma i pericoli rimangono. Le cellule dormienti dell'ISIS continuano a colpire. Ogni giorno, nel centro della città, si trovano decine di mine e ordigni.

Kebab Raqqa Syrie
Il vecchio stadio di Raqqa si trova a pochi passi da Abu Hayoun.

In mezzo a questo teatro sinistro, il ristorante è come un'oasi. I clienti continuano a frequentarlo e c'è gente che viene qui da tutta la Siria. "Vengono da Aleppo, Hassake o Qamichli", ha detto uno dei fratelli prima di aggiungere: "Qualche giorno fa un uomo mi ha detto che stava cercando il ristorante da due ore."

Kebab Raqqa Syrie
Yahya, l'altro fratello che gestisce il ristorante, trascorre più tempo in sala con i clienti.

Abu Hayoun fa venire l'acquolina in bocca agli amanti della carne tutti i giorni, 42 giorni, da quando hanno riaperto. "Era il miglior ristorante di Raqqa prima della distruzione della città", dice Ahmad, 19 anni, che ha ordinato una dozzina di panini per gli operai di un cantiere vicino: "E oggi lo è ancora."


Segui MUNCHIES su Facebook e Instagram .

Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da MUNCHIES e gli altri canali? Iscriviti alla nostra newsletter settimanali.

Questo articolo è apparso originariamente su Munchies FR.

Tagged:
Munchies
Food
ISIS
Raqqa
carne
kebab
Tradizione
cibo tradizionale
abou hayoub