Tech by VICE

Bitcoin sta per sdoppiarsi, di nuovo

A novembre ci saranno tre versioni diverse della criptovaluta più popolare del mondo.

di Jordan Pearson
18 agosto 2017, 9:06am

Immagine: Flickr/Metro Centric. Composizione: Autore

Appena un paio di anni fa sembrava che il bitcoin fosse una forza finanziaria unica, considerazione piuttosto ingenua se ci pensiamo oggi, visto che si tratta di una tecnologia open source gestita da un gruppo di nerd che litigano.

Dopo che un dibattito durato anni per capire come velocizzare la rete bitcoin non è riuscito a risolvere il problema con un accordo unanime, a luglio il bitcoin ha "forkato," un termine che viene usato quando un software open-source viene clonato dai suoi utenti interessati a creare una versione personalizzata di esso. Questo processo ha creato due diverse versioni della valuta digitale più popolare del mondo. Ora, la "fork" sta per diventare un tridente. Mercoledì scorso, un gruppo di bitcoiner ha pianificato un altro sdoppiamento del network a novembre, e ciò creerebbe una terza versione di bitcoin.

Quindi, cosa rende questa versione diversa dalle altre?

In questo momento la rete bitcoin ci può mettere diverso tempo a processare le transazioni visto che così tante persone la usano. Questo perché i "blocchi" dei dati delle transazioni che vengono aggiunti al registro pubblico di bitcoin, la blockchain, si stanno riempiendo. Nelle settimane precedenti al fork, bitcoin ha cercato di tamponare il disagio attraverso una soluzione chiamata "segregated witness," che ha cambiato il modo in cui i dati vengono stoccati nei blocchi al fine di liberare un po' di spazio per quando poi la valuta ha effettivamente forkato ad agosto. Ma la dimensione dei blocchi continuerà ad essere un megabyte nella blockchain originale di bitcoin.

Ciononostante, alcuni bitcoiner continuano ad affermare che l'unico modo per velocizzare il bitcoin nel futuro a venire consiste nell'aumentare la dimensione dei blocchi stessi. Quindi, un gruppo di aziende del mondo bitcoin e di sviluppatori si è unito e ha lanciato una fork chiamata bitcoin cash, che non include la funzione di segregated witness. Così facendo la comunità ha aumentato la dimensione dei blocchi a otto megabyte. La fork è stata accolta con enorme scetticismo, ma al momento della stesura di questo articolo, il bitcoin cash viene scambiato a oltre 300 dollari per coin, un valore paragonabile a quello di criptovalute come ethereum. Sembra che tutti abbiano ottenuto ciò che volevano, giusto? Oh, no.

C'è un terzo gruppo di sviluppatori, aziende e utenti bitcoin che vogliono "trarre il meglio da questi due approcci." Questo gruppo include anche Bitmain, la più grande azienda di infrastruttura bitcoin nel mondo, e il leggendario sviluppatore bitcoin Jeff Garzik. Le due parti si sono riunite a maggio e hanno firmato il cosiddetto "Accordo di New York," che li impegna a implementare dei blocchi da due megabyte di dimensione e la segregated witness attraverso una hard fork in 6 mesi dalla firma del contratto. Loro chiamano la fork Segwit2x.

Ecco, è esattamente ciò che sta succedendo ora. Secondo un annuncio postato sulla repository GitHub di Segwit2x, un blocco bitcoin della dimensione di 1 o 2 megabyte sarà creato allo scattare del blocco 494,784. Dopodiché, chiunque voglia unirsi ai termini dell'Accordo di New York della chain di Segwit2x può creare altri blocchi e collegarli al primo. Per questo, verrà creata una nuova blockchain con delle nuove regole. Il tempismo di BItcoin si conta per blocchi, che possono apparire ad intervalli imprevedibili (anche se si in generale si tratta più o meno di un blocco ogni 10 minuti), e per questo è difficile stabilire il momento esatto della hard fork, ma dovrebbe consumarsi più o meno a novembre.

Per riassumere, a tre mesi da oggi probabilmente ci saranno tre diverse versioni di bitcoin nell'intenzione di prepara la valuta a supportare più traffico in modi diversi. Perché sia tutto cristallino, ecco le differenze principali:

Bitcoin
- Blocchi da 1 megabyte
- Segregated witness

Bitcoin Cash
- Blocchi da 8 megabyte
- No segregated witness

Segwit2x/New York Agreement
- Blocchi da 2 megabyte
- Segregated witness

Cosa significa tutto ciò? Be', in pratica le cose stanno per diventare sempre più interessanti visto che la community e l'ecosistema industria attorno a bitcoin dovrà decidere quale versione supportare, e come. Una di queste tre potrebbe addirittura perdere del tutto utenti. Perlomeno avremo una prova concreta per capire in che modo questi diversi approcci funzionano nell'amplificare il potenziale di bitcoin.

Per quanto riguarda il capire quale di queste versioni di bitcoin sia quella "reale", si tratta perlopiù di una scelta personale in base ai vostri gusti sulle scelte di scaling adottate. Dopotutto, ogni versione contiene il registro originale che va indietro al 2009. Lo sviluppatore bitcoin Gavin Andresen, ha recentemente scritto un post in cui cerca di fare chiarezza sulle specifiche richieste per conformarsi al bitcoin più "genuino" possibile, e secondo lui il trono va alla valuta che riesce a radunare il supporto della maggior parte della community e dell'industria.

Per favore, bitcoin, non cambiare mai. Questo chaos senza fine mi riempie di vita.

Please, bitcoin, never change. The unending chaos gives me life.