La Corea del Nord ha condannato uno studente americano a 15 anni di lavori forzati

La sentenza contro Warmbier per aver rubato un cartello propagandistico è arrivata in un momento in cui la Corea del Nord è sempre più isolata, dopo il test nucleare di gennaio e il lancio di un missile a lunga gittata del mese scorso.

|
17 marzo 2016, 9:05am

L'étudiant américain Otto Warmbier escorté en dehors de la Cour Suprême à Pyongyang, le 16 mars 2016. Photo par Jon Chol Jin/AP

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato

La corte suprema della Corea del Nord ha condannato lo studente americano Otto Warmbier a 15 anni di lavori forzati per crimini contro lo stato — riporta l'agenzia di stampa China's Xinhua.

Warmbier, uno studente dell'Università della Virginia, era stato arrestato lo scorso gennaio per aver tentato di rubare uno striscione propagandistico dal suo hotel a Pyongyang. In seguito, era apparso in televisione mentre confessava, in lacrime, di aver commesso crimini contro lo stato, mentre gli Stati Uniti accusavano la Corea del Nord – conosciuta ufficialmente come Repubblica Democratica del Popolo di Corea (DPRK) – di averlo usato a scopi politici.

"L'accusato ha confessato di aver commesso gravi crimini contro la DPRK, in linea con le politiche ostili degli Stati Uniti, con lo scopo di compromettere l'unità nazionale dopo essere entrato come turista," riporta l'agenzia di stampa KCNA, controllata dal governo.

L'organizzazione internazionale per i diritti umani Human Rights Watch (HRW) ha condannato la sentenza contro lo studente di Wyoming, in Ohio. L'agenzia di stampa giapponese Kyodo ha pubblicato una foto di Warmbier mentre viene accompagnato in aula da due guardie in uniforme, la testa abbassata, visibilmente sotto stress.

"La condanna per Otto Warmbier a 15 anni di lavori forzati per una bravata da liceale è vergognosa e scioccante, e non dovrebbe essere permessa," scrive in un comunicato inviato per email Phil Robertson, vice direttore della divisione asiatica di HRW.

Leggi anche: Strappare uno striscione di propaganda in Corea del Nord "è stato il più grande errore della mia vita"

L'avvocato difensore di Warmbier ha sostenuto che la gravità del crimine commesso è tale da non poter essere ripagato nemmeno con la morte, ma avrebbe proposto alla corte una sentenza ridotta rispetto alla richiesta d'ergastolo dell'accusa, riporta KCNA.

Warmbier stava per concludere un viaggio di cinque giorni in Corea del Nord, a capodanno, ma è stato trattenuto in aeroporto dall'ufficio immigrazione e poi portato via da alcuni ufficiali, stando a quanto riferito dal tour operator che ha organizzato il viaggio.

Il mese scorso, in una confessione pilotata dello scorso mese durante una conferenza stampa a Pyongyang, lo studente ha dichiarato che il suo crimine era "molto grave e premeditato," scoppiando poi in lacrime e descrivendo il furto come "il più grande errore della mia vita."

Ha raccontato che un membro di una chiesa metodista del suo paese, la Friendship United Methodist Church di Wyoming, gli avrebbe offerto una macchina usata da 10.000 dollari se fosse tornato con uno striscione propagandistico come "trofeo," per "indebolire l'unità ideologica e la motivazione dei nordcoreani."

La sentenza di Warmbier arriva in un momento in cui la Corea del Nord si trova particolarmente isolata, a seguito delle severe risoluzioni imposte dal Consiglio per la Sicurezza delle Nazioni Unite a inizio mese, arrivate in seguito ai nuovi test nucleari con missili a lungo raggio effettuati dal paese.

Il leader nordcoreano Kim Jong-un ha detto questa settimana che callauderà presto una testata nucleare e dei missili balistici in grado di trasportare testate nucleari, in quella che risulterebbe una chiara violazione delle risoluzioni ONU, sottoscritte anche dal suo alleato più importante, la Cina.

Leggi anche: Kim Jong-un ha detto che la Corea del Nord ha la bomba atomica — ma nessuno gli crede

La Corea del Nord ha una lunga storia di detenzioni di stranieri, e in passato ha già usato prigionieri americani per estorcere visite di alto profilo agli Stati Uniti, con i quali formalmente non ha alcuna relazione diplomatica.

La Corea del Nord tiene ancora prigioniero un pastore cristiano di origine coreano-canadese, dopo averlo condannato ai lavori forzati a vita per insubordinazione lo scorso dicembre, oltre a un coreano americano e a tre cittadini della Corea del Sud.

In altre occasioni, il paese ha dispensato condanne lunghissime agli stranieri prima di liberarli.

Circa 6.000 occidentali visitano il paese ogni anno, nonostante il Canada e gli Stati Uniti lo sconsiglino. La maggioranza dei visitatori arriva curiosa di vedere come sia la vita nello stato, ignorando chi li accusa di sostenere il regime con i loro soldi.

All'inizio del mese, l'investigatore dell'ONU per i diritti umani in Corea del Nord ha chiesto che Kim e i suoi ufficiali vengano perseguiti per crimini contro l'umanità.

Marzuki Darusman ha detto al Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite che la Corea del Nord sta dedicando enormi risorse allo sviluppo di armi nucleari e di distruzione di massa, mentre molti dei suoi cittadini vivono nella fame e altri lavorano in "condizioni di schiavitù."

Leggi anche: Queste foto uniche mostrano com'è davvero la vita di tutti i giorni in Corea del Nord


Segui VICE News Italia su Twitter, su Telegram e su Facebook

Altro da VICE
Vice Channels