Pubblicità
elezioni usa 2016

Il populismo di Donald Trump non attecchisce tra i giovani americani

Una differenza cruciale tra Trump e i populisti di destra europei sta nel supporto dei giovani. Per il partito repubblicano questo potrebbe essere un problema.

di Brendan James
16 agosto 2016, 9:45am

Foto di Cristobal Herrera/EPA

Nella corsa alla Casa Bianca Donald Trump non potrà fare affidamento sulle nuove generazioni. Secondo un nuovo sondaggio, infatti, la candidata democratica Hillary Clinton avrebbe un vantaggio di 36 punti percentuali, tra gli elettori più giovani, sul rivale repubblicano.

A sostenere Trump è solo il 20 per cento degli intervistati, contro il 56 per cento a favore di Clinton.

È dai tempi delle furiose proteste contro la Guerra in Vietnam che un candidato repubblicano raccoglie così scarsi consensi tra i giovani. Nel 1972 Richard Nixon riuscì comunque a fare meglio, ricevendo il supporto del 32 per cento degli elettori tra i 18 e i 29 anni.

I risultati del sondaggio condotto da USA Today sferrano un secondo colpo dalla credibilità di Trump tra i giovani. Un altro sondaggio pubblicato in settimana aveva infatti già piazzato Trump al quarto posto nelle preferenze degli under 30, dietro anche al candidato indipendente Gary Johnson e al rappresentante del Green Party, Jill Stein.

Questi dati non sono preoccupanti solo per Trump, ma anche per il futuro del partito repubblicano. Per la prima volta dagli anni Cinquanta, i democratici potrebbero assicurarsi una vittoria in doppia cifra tra i giovani per la terza tornata elettorale di fila.

Leggi anche: 9 dichiarazioni di Trump talmente assurde da sembrare inventate

Da quando è sbarcato sulla scena politica, Trump è stato spesso accostato a esponenti della destra populista europea, come Marine Le Pen in Francia o il partito nazionalista tedesco AfD.

Una differenza chiave tra questi movimenti e Trump, però, è proprio il sostegno dei giovani.

Nelle elezioni dell'anno scorso il Front National di Le Pen si è aggiudicato la percentuale più alta di voti tra gli under 30. In Germania, invece, AfD è il secondo partito per numero di iscritti tra i giovani.

Come riportato da Fusion, non è scontato che l'elettorato giovane sia liberale e immune dal nazionalismo. Se Trump dovesse avere successo negli Stati Uniti vorrebbe dire che il paese andrebbe nella direzione dei suoi alleati oltreoceano.

Ma anche se alcuni sondaggi indicano la presenza di tratti "lievemente" razzisti tra i millenials, i giovani americani sembrano preferire la social democrazia di Bernie Sanders, ex sfidante di Clinton, al nazionalismo di Trump. Almeno, per ora.

Leggi anche: Chi sono e cosa vogliono davvero gli italiani che sostengono Donald Trump


Segui VICE News Italia su Twitter, su Telegram e su Facebook