Tech by VICE

Ripulire l'Everest da immondizia e cadaveri sta diventando sempre più complicato

In parte potete ringraziare il cambiamento climatico, in parte il turismo fuori controllo.

di Omkar Khandekar
20 settembre 2019, 8:45am

Rifiuti trasportati a Kalatappar (foto per gentile concessione del Sagarmatha Pollution Control Committee, Nepal).

Questo articolo fa parte di Covering Climate Now, una collaborazione globale tra oltre 250 testate per rafforzare la copertura mediatica riguardo la crisi climatica e le sue storie. Vai qui per leggere tutti gli articoli a tema Covering Climate Now su VICE.

Lo sherpa Mingma David ha visto un cadavere la prima volta che ha scalato l'Everest, nel 2010.

Mingma, all'epoca ventenne, sapeva che il sentiero verso la cima della montagna era costellato da oltre 200 cadaveri. Chi scala li usa spesso come punti di riferimento per calcolare distanze e altitudine. Per esempio, sapeva che quando vedeva "Scarponi Verdi"—il corpo di uno scalatore indiano identificato dal colore delle sue calzature verde fluorescente—stava entrando nella "Death Zone," a 8.000 metri di altezza.

"Mi sono sentito male," dice Mingma, raccontando cosa è stato per lui passare vicino a un cadavere dopo l'altro, tutti congelati in un momento di tragedia. "Stavo incontrando i resti di persone che si sono trovate in un momento di assoluto bisogno, ma che non è stato possibile salvare."

1568620655254-Mountain-guide-and-rescue-specialist-Mingma-David-Sherpa-checking-an-oxygen-cylinder
Lo sherpa Mingma David, guida di montagna e specialista nei recuperi, mentre controlla una bombola per l'ossigeno. Foto di Omkar Khandekar.

Nel 2016, Mingma si è unito ad Anthony Gordon, un produttore televisivo australiano che aveva ideato un documentario sulla prima squadra sherpa di recupero del mondo (gli sherpa sono un gruppo etnico nepalese i cui membri lavorano come guide sulle montagne). La squadra composta da sette sherpa ha ricevuto istruzioni su come usare le videocamere e il girato ricavato dalle loro missioni di recupero è stato trasformato in un documentario, Everest Air.

La squadra di Mingma ha recuperato i corpi di 52 persone dall'Everest e dalla vicina Makalu, la quinta montagna più alta al mondo. Ma non hanno dovuto vedersela solo con il terreno notoriamente ostile. C'era anche l'onnipresente minaccia del cambiamento climatico indotto dall'uomo. Solo l'anno precedente, il clima caldo fuori stagione aveva provocato una valanga al ghiacciaio Khumbu sulla rotta per l'Everest, uccidendo 16 persone.

"Non puoi più prevedere cosa potrebbe succedere," dice Mingma. "Alle volte c'è troppa neve [sulle montagne], alle volte molta meno."

Questo significa che i corpi delle persone morte sulla montagna—alcuni dei quali considerati perduti da anni—hanno cominciato a emergere dal ghiaccio in modo molto più significativo che in passato. E insieme ai cadaveri, tonnellate di immondizia—lattine, bottiglie, attrezzatura da arrampicata abbandonata e rifiuti fisiologici umani—si stanno scongelando lungo la strada che gli scalatori usano da decenni. E oltre 5.000 chili sono dati dai rifiuti umani al campo base.

1568620516702-Four-dead-bodies-retrieved-from-Mt-Everest
Quattro corpi recuperati dal Monte Everest. Foto per gentile concessione del Sagarmatha Pollution Control Committee, Nepal.

Uno studio durato cinque anni e condotto dall'International Center for Integrated Mountain Development (ICIMOD) ha scoperto che i ghiacciai sull'Hindu Kush e sull'Himalaya si stanno sciogliendo rapidamente e minacciano di restringersi a circa un terzo delle loro dimensioni attuali se le emissioni di CO2 non saranno messe sotto controllo.

1568621690957-Garbage-transported-to-Kalapattar-for-airlift
Sacchi di immondizia trasportati a Kalapattar per essere poi affidati a un mezzo aereo. Immagine per gentile concessione del Sagarmatha Pollution Control Committee, Nepal.

Nel 2019, l'Everest ha visto il più alto numero di incidenti mortali (12) quando un ingorgo di scalatori è rimasto bloccato in una tempesta. Questa immagine diventata poi virale, ritraeva i quasi 200 turisti bloccati "nel traffico" verso la cima. Il governo nepalese, che ha rilasciato un numero record di permessi per l'Everest (383 in totale), è stato accusato di trarre profitto in modo scellerato da un ecosistema estremamente fragile. Ma per un paese il cui PIL pro capite è di circa 835 dollari—circa 1/70esimo di quello statunitense, per intenderci, o 1/38esimo di quello italiano—un aumento del traffico sulla montagna è nell'interesse della nazione. Le spedizioni sull'Everest hanno aiutato il Nepal a guadagnare 442 milioni di rupie (circa 3,5 milioni di euro) solo quest'anno.

È un paradosso, però. Per molti, ripulire la montagna dovrebbe essere una responsabilità tanto dei privati che della società civile. Lo sherpa Ang Tshering, la cui famiglia si guadagna da vivere guidando le spedizioni sull'Everest da quattro generazioni, dice che ripulire non fa solo bene all'ambiente, ma anche agli affari.

"Se dobbiamo far crescere gli affari, dobbiamo essere responsabili verso l'ambiente," dice il 73enne.

"Il mio bisnonno ha guidato spedizioni a partire dagli anni Venti. Ma la prima grande operazione di pulizia è stata fatta solo nel 1996 dalla Nepal Mountaineering Association. Io e altri 40 sherpa c'eravamo. Abbiamo portato a valle circa sette tonnellate di immondizia.”

1568620782799-2011-05-25T120000Z_1003319963_GM1E75P1ME201_RTRMADP_3_NEPAL
Un facchino nepalese cammina con il suo carico dal campo base sull'Everest. Foto di REUTERS/Laurence Tan.

Questa operazione era stata finanziata privatamente e ha richiesto migliaia di dollari. Finché sul tavolo mancheranno gli sforzi finanziati dai governi, imprese del genere possono essere replicate solo occasionalmente.

Dal 2008, l'agenzia di viaggi di Ang Tshering, la Asian Trekking Pvt Ltd, ha dedicato il 20 percento dei suoi profitti a interventi di pulizia annuali. Le "eco spedizioni" dell'agenzia hanno da allora raccolto oltre 20,2 tonnellate di immondizia accumulata sopra il campo base dell'Everest. Hanno anche recuperato sette cadaveri dalla zona sopra gli 8.400 metri. "Qualsiasi operazione di rimozione ad altitudini del genere non è semplice," aggiunge Tshering. "Il corpo congelato di una persona media può arrivare a pesare 160 chili per tutto il ghiaccio che resta attaccato. Ma gli sherpa lo fanno per l'ambiente."

1568620875008-Rescue-personnel-wrapping-a-dead-body-found-on-Everest
Personale di soccorso mentre recupera un cadavere trovato sull'Everest. Immagine per gentile concessione del Sagarmatha Pollution Control Committee, Nepal.

Spronato dagli sforzi di così tanti volontari, nel 2014 il governo del Nepal ha introdotto una regola per cui ogni gruppo di scalatori deve lasciare una cauzione di 4.000 dollari prima di salire. Il deposito è rimborsabile e processato dopo che le persone ritornano con 8 chili di immondizia a testa. Per tenere sotto controllo il problema delle feci umane, implorano gli scalatori di raccogliere tutto in sacchetti da buttare al ritorno. Lo sherpa Tshering Tenzing, coordinatore della ONG Sagarmatha Pollution Control Committee (SPCC), dice che questa si è dimostrata una misura efficace.

All'inizio di quest'anno, l'SPCC ha firmato un contratto con il governo per guidare un'operazione di pulizia. Nella primavera 2019, quando il sentiero sull'Everest è stato aperto agli avventurieri, una squadra di otto ha passato le montagne al setaccio ed è tornata con 10,5 tonnellate di immondizia e sette cadaveri. Tshering Tenzing dice che il piano è continuare le operazioni per almeno altri cinque anni.

1568621263357-Cleanup-Campaign-Team-at-EBC
Il Cleanup Campaign Team al campo base sull'Everest. Immagine per gentile concessione del Sagarmatha Pollution Control Committee, Nepal.

Ma nonostante tutti questi sforzi, ci sono almeno altre 30 tonnellate di rifiuti abbandonati sulla montagna, stando a una stima fatta dall'Everest Summiteers Association. Il mese scorso, il governo ha bandito la plastica usa e getta nella regione dell'Everest. Per ridurre il numero di morti, stanno anche ipotizzando una restrizione dei permessi a chi abbia scalato una vetta da almeno 6.500 metri in Nepal prima di tentare l'Everest.

In tutto questo, la soluzione più efficace è l'educazione, la consapevolezza ambientale e la costanza degli sforzi, dice Tshering Tenzing. "L'Everest è la madre del Nepal. Dobbiamo salvarla."