Pubblicità
Noisey

Recensione: Sfera Ebbasta - Rockstar

Diamo il benvenuto al disco più ascoltato dei prossimi mesi in Italia.

di Federico Sardo
19 gennaio 2018, 9:48am

Alla base del titolo sta il fatto che i rapper sono le nuove rockstar: se il classico rock italiano non è in grande spolvero e i suoi nomi di punta sono ormai ultracinquantenni, a fare la vita delle rockstar e avere il loro successo sono ora le nuove leve del rap, come testimoniano le loro Instagram story.

Ma è vero anche che, per l’appeal che può avere, questo disco avrebbe potuto intitolarsi direttamente Popstar.

Sfera, tra i nomi venuti fuori negli ultimi anni (Izi, Tedua, Ghali, DPG, Rkomi… dai, li sapete), potrebbe distinguersi come quello che ha la più forte carica melodica, nel senso di parti cantate che, anche grazie al massiccio uso di autotune (caratteristica di quella trap che è stato tra i primi a portare propriamente in Italia), restano facilmente nella testa dell’ascoltatore, una caratteristica spinta al suo massimo in questo nuovo lavoro, interamente prodotto da Charlie Charles.

Intendiamoci: non stiamo parlando di Laura Pausini, si tratta comunque di trap e di roba lontana anni luce da quello che erano abituate a mandare in onda le radio italiane, per sonorità e contenuti, però se il rapper di Cinisello ha un punto di forza rispetto a altri suoi colleghi è proprio questo, e possiamo scommettere che, anche in virtù di ciò, Rockstar andrà molto bene.

Nell’album non mancano momenti più tesi, come “Xnx” o “20 Collane”, ma possiamo puntare qualche euro sul fatto che brani come la title track, “Ricchi per sempre”, “Uber” o “Bancomat” domineranno l’airplay nei prossimi mesi.

Si tratta anche di un disco dal respiro internazionale: uscirà una versione per il mercato estero in cui vari pezzi sono arricchiti da featuring stranieri (Miami Yacine, Tinie Tempah, Rich The Kid e Lary Over), ma la cosa che più salta all’occhio è il featuring internazionale presente anche nella versione italiana. Se quasi sempre i featuring stranieri degli album italiani non prevedono, per ovvi motivi, nomi di enorme fama… beh, in questo caso non si può dire che Sfera non abbia zittito tutti: in “Cupido” è presente nientemeno che Quavo dei Migos, probabilmente il gruppo trap più forte del mondo, a testimoniare che Sfera vuole effettivamente giocare in serie A, anzi in Champions League. L’altro featuring del disco è quello di Drefgold in “Sciroppo”, tra i pezzi migliori dell’album.

Insomma, Sfera è pronto per diventare una popstar. Del resto, i giganteschi cartelloni che addobbano la metropolitana di Milano in questi giorni parlano chiaro.

Rockstar esce oggi, venerdì 19 gennaio, per Universal.

Ascolta Rockstar su Spotify:

TRACKLIST:
1. Rockstar
2. Serpenti A Sonagli
3. Cupido (Ft. Quavo)
4. Xnx
5. Ricchi x Sempre
6. Uber
7. Leggenda
8. Bancomat
9. Sciroppo (Ft. DrefGold)
10. 20 Collane
11. Tran Tran

Segui Noisey su Instagram e Facebook.