FYI.

This story is over 5 years old.

News

Questo video mostra dei miliziani dello Stato Islamico che "comprano e vendono" schiave yazidi

Un video diffuso nelle ultime ore mostrerebbe alcuni combattenti dello Stato Islamico che, riuniti in una stanza, scherzano sulla compravendita di donne yazidi.
3.11.14

Questo post è tratto da VICE News.

Un video diffuso nelle ultime ore mostrerebbe alcuni combattenti dello Stato Islamico che, riuniti in una stanza, scherzano sulla compravendita di donne yazidi.

"Oggi è il giorno delle schiave e noi abbiamo diritto alla nostra parte," avrebbe detto uno dei soldati ripresi nel video, secondo una traduzione del filmato fatta dall'emittente panaraba Al Aan TV. "Dov'è la mia schiava yazidi?"

Pubblicità

Poco dopo, i militanti si lancerebbero in una discussione sull'eventualità di scambiare le ragazze con denaro o armi. "Il prezzo aumenta se ha gli occhi azzurri." "Se ha 15 anni bisogna controllarla bene, e bisogna controllarle i denti."

Dopodiché la telecamera inquadra un ragazzo. Uno degli uomini gli chiede se anche lui vuole una schiava yazidi, e se è in grado di "prendersene cura." Il ragazzo annuisce e ride.

Da quest'estate, quando lo Stato Islamico ha iniziato la sua offensiva in Iraq, gli yazidi hanno subito violente persecuzioni, tra cui esecuzioni sommarie, torture e conversioni forzate.

​Secondo le stime delle Nazioni Unite, dall'inizio di agosto circa 500,000 yazidi sono stati costretti ad abbandonare le loro case per fuggire sulle alture dello Gebel Sinjar e nella zona settentrionale dell'Iraq, controllata dai curdi. Almeno 2,500 yazidi sarebbero inoltre stati catturati e tenuti in ostaggio dallo Stato Islamico.

Lo scorso mese, Human Rights Watch ha raccolto le testimonianze di decine di donne e ragazze yazidi. Alcune delle intervistate hanno raccontato di essere state vendute ai miliziani e di aver subito violenze. Le più giovani avevano 12 anni.

Una ragazza ha raccontato di essere stata venduta insieme alla sorella per 1.000 dollari. Le due sorelle sono state poi separate e lei è stata portata nella casa di un miliziano che avrebbe tentato di violentarla. La ragazza ha detto di essere scappata mentre l'uomo dormiva.

Le testimonianze ascoltate da Human Rights Watch provenivano da donne che erano riuscite a scappare, ma molte altre rimangono nella mani dei loro aguzzini.

Gli yazidi non sono l'unica minoranza religiosa perseguitata in Iraq. Lo Stato Islamico ha attaccato anche gli sciiti e altri gruppi sunniti. Soltanto questa domenica, nel villaggio di Ras al-Maa, almeno 50 tra uomini, donne e bambini appartenenti a una tribù sunnita sono stati massacrati dai miliziani dello Stato Islamico. Il loro numero si aggiunge ai 150 membri della stessa tribù uccisi nei giorni precedenti.

Realizzato con il contributo di Samuel Oakford.

Segui Liz Fields su Twitter: @lianzifields