Red Light District in Amsterdam
Foto: Shutterstock / Anna Belkina Sbp.
Attualità

Quattro sex worker raccontano come è cambiato il loro lavoro con il coronavirus

"Devo trovare un modo diverso per fare soldi il prima possibile, o rischio di finire per strada."
31 marzo 2020, 9:23am

Anche l'Olanda, come altri paesi europei, ha adottato misure per contenere il più possibile i contagi da coronavirus. A differenza di altri, il suo lockdown non è totale e le restrizioni per la popolazione sono meno drastiche, ma le attività commerciali sono state chiuse. E tra queste rientrano anche le attività del quartiere a luci rosse di Amsterdam.

Interrogato sulle sex worker e i sex worker e le modalità con cui portare avanti la professione, un portavoce del RIVM, l'Istituto Nazionale per la Salute Pubblica e l'Ambiente dei Paesi Bassi, ha detto che non c'è alcun vademecum specifico: "Ma se sconsigliamo di stringere mani, naturalmente sconsigliamo anche altre forme più intime di contatto."

Abbiamo quindi chiamato quattro persone del settore per conoscere l'impatto del coronavirus sui loro affari, sapere se sono preoccupate per la propria salute e come pensano di riuscire a guadagnare in questo periodo. Le interviste sono state realizzate poco dopo la metà marzo, quando il numero di casi nel paese non si attestava ancora ai livelli odierni (con 11.750 positivi al 30 marzo).

"Le gang bang di solito attirano circa 40 uomini—la prima settimana di marzo se ne sono presentati solo 11"

È un momento molto difficile per noi. Non riusciamo a fare un soldo, perché molti clienti privati hanno annullato l'appuntamento all'ultimo minuto. Una delle mie fonti di reddito è l'organizzazione di una gang bang bisettimanale, ma da quando si è scoperto che anche in Olanda i contagi erano in aumento ho dovuto annullarle tutte.

Avevo già iniziato a notare gli effetti nelle settimane passate. Le gang bang di solito attirano circa 40 uomini—la prima settimana di marzo se ne sono presentati solo 11.

Gli effetti sul quartiere a luci rosse di Amsterdam sono stati disastrosi. È completamente vuoto, ora. In molti hanno deciso di chiudere, ma le donne che affittano le loro stanze private devono comunque pagare 720 euro alla settimana di affitto [_ora gli affitti sono stati sospesi nel quartiere_]. Queste sex worker spesso vengono dalla Bulgaria, dalla Romania o dall'Italia e non possono tornare a casa.

Al Centro Informazioni sulla Prostituzione stiamo cercando nuove soluzioni per le sex worker che finiscono in strada, ma saremmo felici di ricevere un po' di supporto dal governo. Spero che verrà istituito un fondo di emergenza, ma ho paura che la gente si limiterà a dire che avremmo dovuto scegliere una professione diversa.

Ora sto razionando le scorte: ho comprato cibo all'ingrosso per poterlo congelare e così, spero, riuscire a pagare l'affitto. Mi sto anche candidando a vari lavori nell'industria del sesso e spero che qualcosa succederà. Devo trovare un modo diverso per fare soldi il prima possibile, o rischio di finire per strada. Foxxy Angel, sex worker e portavoce del Centro Informazioni sulla Prostituzione (PIC)

"Tutta la comunità è stata molto comprensiva"

Io sono nella scena leather, ma organizzo anche incontri per persone che amano vestirsi da neonati. Avrei dovuto fare una festa di questo tipo a inizio marzo, ma l'ho annullata. Amsterdam avrebbe dovuto ospitare anche il Bear Weekend (dal 19 al 23 marzo) con feste in tutta la città, ma anche quello è stato annullato.

Chi organizza questi eventi paga sostanziosi depositi in anticipo e in questo momento ci sta rimettendo di brutto. Comunque, tutta la comunità è stata molto comprensiva. È questa la cosa fondamentale dei sex party o dei fetish party: il senso di comunità.

Riesco a fare molte cose online, come condividere foto e mantenere il mio sito personale che la gente paga per usare, ma gran parte del mio lavoro nel mondo del kink è offline. Ci è ancora permesso organizzare feste private e incontri per meno di 100 persone [_nel frattempo il permesso è stato revocato_], ma non penso sia la cosa giusta da fare in questo momento.

Per quanto riguarda la mia salute, avevo già a casa grandi scorte di cose come guanti di lattice e gel antibatterico—quando organizzi sex party sei molto più attenta alla tua igiene personale. Mi fa un po' ridere che tutti abbiano iniziato adesso a lavarsi le mani come si deve. Emma, organizzatrice di feste kink e fetish

"Non a tutti importa delle regole. Ricevo ancora telefonate in cui mi chiedono se siamo aperti"

Essendo uno dei sex club più grandi d'Europa, ospitiamo quotidianamente persone da tutto il mondo. Facciamo feste, abbiamo un grande ristorante e abbiamo anche molte stanze in cui le coppie possono fare sesso, tra loro o con altre persone.

Abbiamo chiuso prima di altri club. È stata una decisione difficile, ma sensata: la salute del mio staff e dei miei ospiti viene prima di tutto. Offrivamo già disinfettante per le mani nelle stanze, ma lavarsi le mani prima di entrare in intimità con svariate persone non basta.

Avevo già iniziato a notare una certa riduzione di clienti prima delle restrizioni. Si vede che la gente ha paura. Ma stranamente, non a tutti importa delle regole. Ricevo ancora telefonate in cui mi chiedono se siamo aperti. Bobby Groenteman, proprietario del club per scambisti Fun4Two.

"Non appena mi connetto, c'è una coda virtuale di persone che sono state ferme in casa tutto il giorno e sono super arrapate"

Io faccio la go-go dancer o la spogliarellista per eventi e feste private. È un lavoro piuttosto fisico—quando saluto qualcuno, di solito do un bacio su una guancia e quando faccio una lap dance mi avvicino alla persona più di quanto sia considerato sicuro farlo ora. Sono sempre stata molto attenta: quando ho notato che un cliente suda molto o ha la tosse, mi sono sempre distanziata e chiesto gentilmente se aveva il raffreddore. Non voglio sembrare esagerata, ma devo stare attenta alla mia salute. Mio figlio ha solo cinque anni e non voglio correre rischi.

Il coronavirus ha avuto un impatto enorme sulla nostra professione. Tutte le feste che avevo in programma sono state annullate, giustamente. Sono molto fortunata perché nell'intrattenimento erotico si riesce sempre a fare qualcosa senza essere fisicamente presenti. Faccio sessioni in webcam da un po' e mi consola molto sapere di poter contare su questo. E la richiesta è aumentata, perché tutti devono stare in casa. Non appena mi connetto, c'è una coda virtuale di persone che sono state ferme in casa tutto il giorno e sono super arrapate.

A parte quello, ho paura che dovremo farcene una ragione e farci da parte. Mandy Slim, go-go dancer e stripper.

Guarda anche: