Pubblicità
Tech by VICE

'Non c'è via d'entrata né di uscita': l'Australia continua a bruciare

Gli incendi stanno creando un meteo proprio di nubi, fulmini e piogge di braci, mentre le persone sono costrette a cercare riparo sulle spiagge e sulle imbarcazioni in mare.

di Tim Marcin
02 gennaio 2020, 1:52pm

Immagine via: @NSWRFS / AP 

Migliaia di persone lungo la costa sudorientale dell'Australia sono state costrette a fuggire verso la riva del mare questo martedì, mentre il cielo sopra le loro teste si tingeva di rosso cupo e i focolai di incendi prendevano il sopravvento sulla regione.

Il governo ha stabilito l'intervento di aerei e vascelli militari negli stati del New South Wales (NSW) e di Victoria per dare una mano alla popolazione locale, ha fatto sapere la BBC. Almeno due persone sono morte negli incendi in NSW, portando il numero di vittime totali della stagione degli incendi a 18, secondo la CNN.

Nella popolare zona di campeggi di Mallacoota, almeno 4000 persone sono corse verso le spiagge per cercare di proteggersi dalle fiamme, salendo su imbarcazioni o rifugiandosi direttamente in acqua.

"Non c'è via d'entrata né di uscita," ha detto alla CNN un residente di Mallacoota, dopo aver abbandonato la sua casa.

Alcune persone hanno preso iniziative simili nelle altre città della costa. A Batemans Bay, a 400 chilometri da Sydney, gli abitanti si sono accampati in spiaggia con sedie da campeggio e zattere di salvataggio ormeggiate a poca distanza in caso diventi necessario fuggire rapidamente.

"Ci sono centinaia, migliaia di persone su e giù per la costa che stanno cercando riparo sulle spiagge," ha detto Shane Fitzsimmons, commissario del NSW Rural Fire Service, stando alla BBC.

Nelle foto e nei video delle aree distrutte dal fuoco, il sole di mezzogiorno è completamente oscurato da una coltre di nebbia rossa. Gli incendi sono così estesi che stanno generando un meteo proprio, alimentando delle "nubi pyro-cumulonimbus"—ovvero nubi tempestose che si formano da aria calda che sale al cielo rapidamente, come quella di un'esplosione o di un incendio—che, a loro volta, alimentano le fiamme con fulmini e vento forte che porta via le braci.

Migliaia di altre persone sono già stipate nei centri di evacuazione. In decine di migliaia sono senza elettricità, scrive il New York Times.

Lunedì e martedì hanno segnato solo un nuovo terribile capitolo di una lunga estate di incendi in Australia, dove le temperature altissime, la siccità prolungata e i venti forti nutrono le fiamme da settimane. E mancano ancora diversi mesi alla fine dell'estate.

Un uomo di 63 anni e il figlio di 29 sono morti per cercare di difendere la loro casa nella città di Cobargo, lungo la costa, questo martedì. Un pompiere volontario di 28 anni è morto lunedì, quando il camion che guidava si è capovolto durante un "tornado di fuoco" vicino al confine tra il NSW e Victoria.

Fitzsimmons ha definito questa estate come "la peggiore stagione degli incendi che abbiamo mai visto nel NSW."

In tutto, almeno 900 case sono andate distrutte e 5.5 milioni di ettari bruciati—un'area grande quanto i Paesi Bassi. Circa 500 milioni di animali sono rimasti uccisi. E non si vede ancora la fine di questi incendi, che non fanno che diventare sempre peggio per colpa del cambiamento climatico.

"C'è chi ha perso la casa, la fattoria, c'è chi ha perso la propria vita," ha detto al New York Times un abitante di Batemans Bay. "Se questo non è un segno che dobbiamo fare di più, allora non so cosa lo è."

Tagged:
Australia
New South Wales
victoria
incendi in australia
stagione degli incendi