LOVE IS IN THE...

Abbiamo fatto testare a quattro ragazze il Love Egg, tra i toy più venduti per coppie

L'ovetto vibrante è un sex toy vaginale controllabile a distanza tramite telecomando. Abbiamo provato quello di VICE e MySecretCase.
Giorgia Cannarella
Bologna, IT
12.3.21
thumb_msc_ovetto_disegni

Questo post fa parte del progetto LOVE IS IN THE… con MySecretCase per il lancio della linea di sex toy in collaborazione con VICE. Usa il codice MSC-vice-20 per uno sconto del 20 percento sullo shop.

Pubblicità

Il film del 2011 Hysteria è una ricostruzione pseudo-storica dell’invenzione del vibratore, ed è solo uno dei tanti prodotti culturali in cui i sex toy vengono inseriti quasi unicamente in contesti comici, quasi a smorzarne o delegittimarne la carica erotica.

L’egg controllabile a distanza, un toy dalle dimensioni ridotte pensato per essere inserito in vagina, è tra quelli che si prestano meglio a questo tipo narrazione: pensiamo al topos del sex toy azionato col telecomando durante una cena in un ristorante di lusso, e così rumoroso da far girare tutti i presenti.

Al di là di queste rappresentazioni, però, la realtà è molto più varia—e interessante. Gli stessi usi possibili di un toy come l’egg sono molteplici: durante il sesso orale, in combo insieme a un vibratore esterno (o in sostituzione di esso), come stimolazione su varie parti del corpo. Proprio per questo, abbiamo chiesto a quattro ragazze di provare il Love Egg della linea MySecretCase e VICE e di raccontarci le loro esperienze.

Asya*, 30 anni, possiede già dei toy, normalmente usati da sola. Il primo test col Love Egg è stato fatto col fidanzato: “Ho provato a inserirlo e a farglielo azionare a mia insaputa; un’altra volta, invece, l’abbiamo provato sotto la doccia—che è piccola, perciò non il posto più sicuro per del sesso penetrativo, e l'egg ha aiutato ad amplificare le sensazioni mentre ci toccavamo a vicenda [il Love Egg è resistente all’acqua, il telecomando no]. La cosa che ho preferito però è stata usarlo come vibratore per il clitoride durante la penetrazione, per quelle posizioni troppo scomode per le mani, mie o sue che fossero, e con la comodità di variare le vibrazioni.” Il Love Egg ha infatti nove diverse modalità di vibrazione, selezionabili sia dal tasto sull’egg che tramite il piccolo telecomando.

love egg mysecretcase

Il Love Egg (egg ricaricabile tramite USB e telecomando a pile, con raggio d'azione fino a dieci metri).

L’egg è un sex toy che suggerisce automaticamente l’utilizzo in due (ed effettivamente è ai primi posti delle classifiche di vendita per coppie), ma nulla toglie che possa essere impiegato anche in solitaria: come racconta sempre Asya, “la seconda scoperta è arrivata quando l'ho usato da sola, inserendolo mentre stavo sulle ginocchia. Col telecomando ho selezionato la vibrazione ‘a onda’—sono certa che chi usa toy capirà—e ho trovato il ritmo, in modo che l'egg insistesse sulla parte di metà del canale vaginale. Ecco: stimolando contemporaneamente il clitoride, dopo il primo orgasmo sono arrivate sensazioni molto simili alla volta in cui ho squirtato. So che per quel tipo di stimolazione ci sono toy ‘appositi’, ma la versatilità dell’egg è sicuramente un pro.”

Per Elena, 28 anni, la prova del toy ha coinvolto un’amica: “Per la prima volta non ero io ad avere il controllo dell’oggetto. All’inizio è stato un po’ strano non essere padrona della situazione, ma con il passare del tempo—e anche se l’orgasmo non è arrivato—è stata quella la figata… essere in balia di quello che la persona col telecomando pensa sia meglio per te in quell’istante.”

Pubblicità

L’esperienza di Greta, 28 anni, è stata la più particolare per via della sua endometriosi—una malattia cronica causata dalla presenza anomala di cellule endometriali, che normalmente si trovano solo nell’utero, in altri organi come ovaie, tube, intestino. È una patologia che provoca dolori durante il ciclo mestruale e spesso anche dolore pelvico durante i rapporti. Diversi esperti concordano sul fatto che utilizzare sex toy, con un partner o durante la masturbazione, può essere d’aiuto per l’endometriosi o altre problematiche come vaginismo, dispareunia, disfunzioni del pavimento pelvico.

Per Greta, il giudizio sul Love Egg è complessivamente positivo: “Provando spessissimo dolore durante la penetrazione, e avendo problemi di lubrificazione, ho già sperimentato con anelli per ‘accorciare’ la penetrazione o dilatatori vaginali. Le dimensioni dell’egg si adattano abbastanza bene a quella che ho valutato essere la ‘mia’ misura, e il fatto di poterlo usare doppiamente, prima fuori per stimolare il clitoride, poi piano piano, e con un sacco di lubrificante, dentro, mi è piaciuto. Ho spiegato al ragazzo con cui mi frequento come inserirlo e abbiamo giocato con le diverse modalità, anche durante il sesso orale.” Sarebbe stata curiosa di usarlo in situazioni pubbliche, ma alla fine ha rinunciato: “Purtroppo non mi sento ancora troppo a mio agio, visto che ci metto sempre un attimino a entrare nel mood e devo essere estremamente rilassata.” 

Loredane, 22 anni, infine, ha provato a ricreare la modalità di utilizzo dell’ovetto in una situazione sociale, ma casalinga: “Sono una delle tante persone entrate nella pandemia da single, e lo stesso era per il mio coinquilino. Non starò a spiegare le circostanze, ma da qualche mese andiamo regolarmente a letto insieme e di tanto in tanto ci piace inventare qualcosa per movimentare un po’ la situazione.”

Pubblicità

L’idea di testare il Love Egg in casa ‘senza farsi beccare’ è arrivata così, “e dopo averne parlato con la coinquilina e il suo ragazzo per assicurarci che la cosa non li mettesse a disagio,” continua Loredane, “l’abbiamo provato a cena e durante qualche serata film. Anche se loro lo sanno, l’eccitazione di essere sgamati rimane, così come del resto eccita non sapere quando il toy verrà azionato col telecomando e quale sarà la mia reazione. Il vantaggio, con la coinquilina, è che se a un certo punto spariamo in camera sulla scia dell’eccitazione non si prende male. Ogni tanto ci scherziamo anche su, come guardando Sanremo, quando durante l’esibizione di Aiello ha commentato: ‘Ora non lo sentirei nemmeno se fosse il toy più potente del mondo’.” 

A proposito: se vi chiedete quanto sia comodo il Love Egg e soprattutto quanto rumore faccia, Elena dice: “Mi aspettavo fosse molto più rumoroso, invece una volta inserito non si sente praticamente più. E non ‘scappa’, anche se magari a volte la sensazione a seconda della posizione è quella: anzi, resta piuttosto fermo e il cordino permette facilmente di tirarlo fuori.”

Stando così le cose, sembra che la scena al ristorante descritta in cima non sia tra le opzioni per il nostro Love Egg—ma per scoprirlo definitivamente, sarà necessario aspettare di poter tornare a mangiare fuori a lume di candela.

*Alcuni nomi sono stati cambiati.

Nell’articolo sono inseriti link a prodotti della linea VICE e MySecretCase. MySecretCase ci mette la materia prima, noi le parole. Tu mettici l’amore nel regalare i toy o usarli per te o in compagnia. Vai sullo shop per scoprire di più.