Guida ai festival

Foto delle pasticche di ecstasy più famose degli ultimi 20 anni

Una collezione delle più note pasticche olandesi, dalla "Mitsubishi" alla "Donald Trump".

di Raymond van Mil
10 agosto 2017, 4:00am

Tutte le foto di Raymond van Mil

Se ti trovi a una festa, circondato da gente sudata, e hai deciso di prendere dell'ecstasy, è raro che prima di farlo pensi alla lunga storia di quello che stai per calarti. Ci sono voluti decenni e decenni di storia per arrivare a quella pasticca come la vedi, ma tu nemmeno ti poni il problema.

Ogni pasticca ha una storia. In molti casi, per esempio, il logo che vi è impresso allude alla sua composizione e agli effetti. In altri, non è che l'ultima "erede" di una famiglia che affonda le sue radici indietro nel tempo. Alcune partite, infatti, restano sul mercato per pochi mesi, altre per anni e anni.

Un mio amico colleziona pasticche come fossero francobolli, e cerca di ricostruire la storia di ognuna. Per ovvi motivi non farò il suo nome, basti sapere che è dal 1995 che cerca di raccogliere tutte le pasticche di ecstasy che si trovano in Olanda. La sua collezione è iniziata quando spacciava e, mi ha raccontato, "Per quanto tu sia bravo a vendere, ti ritrovi sempre con qualcuna che avanza." La collezione è nata da quegli avanzi. Di tanto in tanto, ma solo in occasioni speciali, ne prende ancora qualcuna.

Qualche settimana fa sono stato a casa sua per fotografare alcuni dei pezzi migliori della sua collezione e farmi raccontare la loro storia.

LA "LOVE"

pasticche ecstasy love

Quelle qui sopra sono tre diverse versioni della stessa pasticca, che porta impressa la parola "love"; ognuna di queste pasticche è stata prodotta in Olanda. La prima, quella a sinistra, è comparsa sul mercato nel 1993, ed è diventata subito molto popolare perché di altissima qualità. Secondo il mio amico collezionista, il grande successo ha fatto sì che per anni si continuassero a produrre pasticche visivamente simili; gli effetti però erano diversi, a causa di un probabile cambiamento nella composizione chimica. Ancora oggi, le pasticche a forma di cuore che si vedono a destra sono tra le più apprezzate in Olanda.

LA "CILIEGIA"

pasticche ecstasy ciliegia

Questa pasticca è comparsa sul mercato nel 1996. Conteneva circa 180mg di MDMA, che per l'epoca era un sacco: secondo il Jellinek Institute, un centro analisi olandese specializzato in droghe e tossicodipendenze, fino al 2009 il contenuto medio di MDMA nelle pasticche olandesi si aggirava tra gli 80 e 90mg. Dal 2010 in poi il contenuto di MDMA nelle pasticche è aumentato in modo esponenziale, per cui si può dire che la "ciliegia" abbia anticipato un trend.

LA "MITSUBISHI "

pasticche ecstasy mitsubishi

Comparsa per la prima volta nel 1997, la Mitsubishi è diventata presto leggendaria. Probabilmente quelli della casa automobilistica non saranno stati troppo contenti della cosa, ma i consumatori lo erano al punto che in breve tempo hanno cominciato a comparire altre pasticche con il logo della Mitsubishi per sfruttarne il successo. Il mio amico mi ha raccontato che nei primi anni gliene bastava un terzo per farsi una serata intera. La prima volta non aveva idea di quanto fosse potente, e quando gli era salita si era dovuto fermare un paio d'ore prima di poter tornare a ballare.

IL "RAZZO"

pasticche ecstasy razzo

Questa pasticca con il disegno di un razzo è comparsa per la prima volta all'inizio degli anni Novanta, si è diffusa in fretta tra i membri della sottocultura gabber olandese e ha continuato a essere venduta alle feste gabber fino ai Duemila. Il nome e il logo erano indicativi della quantità di speed che conteneva, molto più alta rispetto a quella media dell'epoca.

IL "DELFINO"

pasticch ecstasy delfino

Prodotta nei primi anni Duemila, questa pasticca conteneva circa 140mg di MDMA. È nota per essere stata al centro di una grande operazione di marketing: nel 2003 o nel 2004, gli organizzatori di una famosa festa olandese (che si teneva su una barca) l'hanno distribuita gratis a tutti i partecipanti per sponsorizzarne gli effetti.

IL "PICCIONE"

pasticche ecstasy piccione

Questa è una pasticca dei primi Duemila. È rimasta sul mercato per diversi anni e a ogni partita il colore cambiava—mentre il logo con il piccione rimaneva uguale. Secondo il mio amico collezionista, bastava prenderne metà per farsi una serata. Dato che sono vecchie di almeno un decennio, queste hanno cominciato a deteriorarsi—ma a suo dire sono ancora buone: prova ne è il fatto che qualche anno fa ne ha vendute un po' a una festa in casa a tema anni Novanta, e nessuno si è lamentato.

LA "STARBUCKS"

pasticche ecstasy starbucks

Questa pasticca con il logo di Starbucks è sul mercato olandese dal 2015, anche se in altri posti si poteva trovare già prima. Contiene circa 120mg di MDMA.

LA "FLÜGEL"

pasticch ecstasy flugel

La "Flügel"—così chiamata dal nome di un cocktail a base di vodka ed energy drink molto popolare in Olanda—è comparsa sul mercato nel 2016. Il mio amico mi ha detto di averla provata durante una serata e di non ricordare nulla di quello che è successo dopo. (La mattina dopo, quando si è svegliato e ha acceso il telefono, si è trovato davanti un selfie di lui con Lil' Kleine, un famoso rapper olandese.)

LA "DONALD TRUMP"
pasticche ecstasy donald trump

La "Donald Trump" è il pezzo più recente della sua collezione. Se l'è procurata qualche mese fa: arriva dal Regno Unito, dove è già stata oggetto di articoli di tabloid come Metro, Mail Online e The Sun. Mi ha detto che probabilmente è stata prodotta dagli stessi autori della celebre "Sim card" e che contiene una valanga di MDMA.

Questo articolo fa parte della Guida di VICE ai festival.