Pubblicità
Tech by VICE

I draghi di 'Game of Thrones' sono l'equivalente fantasy del nucleare?

Dopo l'ultima puntata della serie, gli esperti di nucleare hanno riacceso il dibattito.

di Matthew Gault
09 agosto 2017, 10:16am

Tutto l'opposto di una strategia ponderata. Immagine: HBO

Dopo anni di attesa, lunedì sera i fan di Game of Thrones hanno finalmente potuto vedere i draghi di Daenerys Targaryen andare in guerra — ed è stato incredibile. La Madre dei Draghi è scesa in picchiata sull'esercito dei Lannister e l'ha dato alle fiamme. Ha carbonizzato le riserve di cibo dei suoi nemici, bruciamo le truppe in armatura e posto fine al record di vittorie della regina Cersei. Una sequenza fantastica, ma che ha anche dimostrato i limiti strategici dei draghi in guerra.

Avevamo già visto i draghi di Dany combattere, ma mai in una vera e propria campagna militare. Certo, hanno piegato l'assedio di Meereen e arrostito gli schiavisti per mezza Essos, ma portare le bestie titaniche sulla prima linea di uno scontro militare importante è tutta un'altra faccenda.

Per anni, gli esperti di nucleare come Timothy Westmyer, rettore della George Washington University, hanno elaborato speculazioni sul fatto che i mostri sputafuoco fossero l'equivalente fantasy delle armi nucleari. "I draghi sono un deterrente nucleare, di cui solo Dany dispone e che, in un certo senso, la rendono la persona più potente al mondo," ha spiegato a Volture nel 2011 George RR Martin, creatore della serie.

Persino il Bulletin of Atomic Scientists — una no-profit fondata dagli ex scienziati del Progetto Manhattan — concorda nel dire che i draghi siano una metafora calzante per il nucleare. "La storia ci insegna molto sui pericoli intrinseci che derivano dalla gestione di questi agenti rivoluzionari, la loro propensione alle fatalità e i benefici relativi che offrono a chi li detiene, oltre alla pressione che queste armi impongono su chi le custodisce," ha scritto il Bulletin nel 2014.

L'episodio di questa settimana, intitolato "The Spoils of War" [in italiano: "Bottino di Guerra," ndt], ci offre la possibilità di interpretare i draghi di Dany in modo differente. I draghi di Game of Thrones sono come l'aviazione militare, non come un'arma nucleare. Tutt'al più, le armi segrete di Dany sono l'equivalente militare di un A-10 Warthog — un caccia pesantemente attrezzato. È l'unica persona in questo mondo fantasy che dispone di una forza aerea, cosa che le conferisce sicuramente una posizione di vantaggio, ma nessuno ha mai vinto una guerra solo con l'aviazione.

La bomba atomica è stata la tecnologia militare di distruzione definitiva. Quando gli Stati Uniti hanno sganciato le bombe sul Giappone nell'estate del 1945, il mondo è cambiato per sempre. Nel giro di una notte, un paese aveva il potere di distruggere città intere. Nel momento in cui questa tecnologia si è diffusa e altri paesi sono diventati potenze nucleari, le armi si sono trasformate in un deterrente. Nei decenni successivi alla Seconda Guerra Mondiale, le superpotenze non attaccavano direttamente i rivali geopolici per paura di creare una guerra nucleare che avrebbe distrutto la civiltà umana così come la conosciamo.

I draghi di Dany rappresentano un bel vantaggio militare, ma non sono un deterrente assoluto. Uno dei vantaggi delle bombe atomiche è che i nemici non si permettono di scherzare. È molto difficile colpire con successo un missile intercontinentale mentre è in volo, ma i nemici di Dany sono riusciti — per lo meno — a ficcare una lancia nella spalla del suo drago, l'altra sera. E i draghi non hanno mai dissuaso i nemici di Dany dall'assediare Meereen o dal distruggere la sua flotta navale.

Questo perché i draghi funzionano come una convenzionale forza aerea. In "The Spoils of War," Dany conduce in battaglia la sua orda di Dothraki in un assalto contro un convoglio di rifornimenti dei Lannister. La Red Keep ha bisogno di rifornimenti per sopravvivere all'arrivo dell'inverno e, nella puntata precedente, i Lannister si erano assicurati il necessario conquistando il castello di Highgarden. Per portare tutto a casa avevano organizzato una carovana ben protetta.

Dany e le sue truppe hanno assalito il convoglio, mentre il drago garantiva una copertura aerea ravvicinata. Si tratta di una strategia di aviazione militare che risale almeno alla Seconda Guerra Mondiale. Le truppe sul suolo assalgono la prima linea, mentre quelle aeree arrivano in picchiata a distruggere e sterminare il resto.

Ma, in realtà, le campagne strategiche aeree non vincono mai le guerre. Anzi, gli interventi aerei privi di un buon corrispettivo al suolo tendono a prolungare i conflitti. Dopo l'invenzione degli aerei e dei bombardamenti strategici, il pioniere dell'aviazione militare italiano Giulio Douhet teorizzava che si potesse vincere una guerra distruggendo i centri civili e spingendo così la popolazione a insorgere contro il governo, per esigere un'amnistia.

Tanto le forze dell'Asse quanto quelle degli Alleati hanno messo la teoria di Douhet in pratica durante la Seconda Guerra Mondiale. Senza successo.

La Luftwaffe — l'aviazione militare nazista — ha bombardato gli inglesi per più di otto mesi durante il Blitz. Ha distrutto Londra e ucciso decine di migliaia di persone, ma ha anche reso gli inglesi coesi rispetto all'impegno militare ed è stato, in ultima analisi, un fallimento strategico.

Quello del Giappone è l'esempio più estremo. La campagna di bombardamenti fatta dagli Stati Uniti sul suolo giapponese prima ancora di usare l'atomica è stata terrificante. "64 città sono state sottoposte a tattiche di saturazione delle aree urbane, con una media del 43 percento di città rase completamente al suolo," ha spiegato il politologo Robert Pape in Bombing to Win. "Oltre i due terzi della popolazione civile ha subito attacchi aerei; oltre un terzo ha visto bombe cadere nel proprio quartiere residenziale."

Le bombe degli Stati Uniti erano per lo più incendiarie e le città del Giappone erano fatte di legno. La campagna di bombardamenti da sola ha ucciso 900.000 civili. È quasi il triplo delle perdite subite dalla Germania durante le campagne aeree mosse contro i nazisti alla fine della Seconda Guerra Mondiale.

"Eppure, nonostante le terribili sofferenze, il tessuto sociale e politico del Giappone non si è disgregato," ha spiegato Pape. "Non ci sono state dimostrazioni di massa contro il governo o qualsiasi altra forma di attività politica popolare… il tasso di assenteismo dal lavoro tra gennaio e agosto del 1945 è stato circa dell'otto percento, lo stesso stimato per gli Stati Uniti durante un periodo simile."

Gli Stati Uniti hanno cercato di spingere il Giappone alla sottomissione con i bombardamenti, ma non ha funzionato. Almeno finché quelle bombe non sono state abbastanza potenti da distruggere un'intera città in un colpo solo. I draghi di Dany sono potenti, ma non possono spazzare via un'intera città in un battito di ciglia. Sono molto più simili alla potenza aerea dell'aviazione militare, che a una bomba atomica.

L'inefficacia di una campagna di bombardamenti a tappeto è stata dimostrata nuovamente durante la gestione statunitense della guerra al terrorismo. In Siria, come in Iraq e Afghanistan, una campagna aerea senza le truppe sul campo ha creato solo insorgenze. La sfida militare che Dany deve affrontare in Game of Thrones è, in certo senso, parallela a questi fatti. Daenerys è l'unica che dispone di un'aviazione militare a Westeros, ma ha solo cominciato a capire come sfruttarla davvero.

Tagged:
tech
Motherboard
daenerys targaryen
bomba atómica
bulletin of atomic scientists
equivalenza militare draghi di game of thrones
aviazione militare
potenza aerea