Belpietro e Del Debbio: ricordando le trasmissioni più populiste della tv

Ora che 'Dalla vostra parte' e 'Quinta Colonna' di Mediaset non andranno più in onda, è giunto il momento di ricordarle.

|
apr 27 2018, 4:00am

Tra le innumerevoli conseguenze del voto del 4 marzo—compresi l’intricato stallo istituzionale e la probabile crisi di nervi che sta avendo Sergio Mattarella in questi giorni—ce ne sono alcune passate quasi in sordina: come la chiusura anticipata delle trasmissioni Dalla vostra parte condotta da Maurizio Belpietro e (prossimamente, almeno stando alle indiscrezioni) Quinta Colonna, nonché l’“allontanamento” di Mario Giordano da Stasera Italia (il programma “meno urlato e più ragionato,” almeno sulla carta, che ha rimpiazzato Dalla Vostra Parte).

A prima vista, questa triplice decisione di Mediaset non è di così immediata lettura. Ufficialmente la motivazione è puramente commerciale: da un lato gli ascolti non proprio esaltanti, e dall’altro l’esaurimento prematuro del budget a causa degli speciali sulle elezioni. Eppure, stando ad un’elaborazione sui dati Auditel pubblicata sul Corriere della Sera, Quinta Colonna “non è mai andato così bene come negli ultimi tempi.”

In particolare, la trasmissione condotta da Paolo Del Debbio totalizza quasi un milione di spettatori a puntata, con uno share del 5 percento. Il pubblico di Quinta Colonna, sostiene sempre l’articolo del Corriere, ha inoltre “propensioni elettorali molto chiare: è fatto di uomini e donne in grande maggioranza con età superiore ai 65 anni, livelli di istruzione medio-bassi, e una presenza forte al Nord.” Un’audience “fotocopia” di quello di Dalla vostra parte, e per di più “piuttosto contiguo all’elettorato leghista."

Secondo diversi retroscena, è esattamente questo il problema; ed è un problema molto politico. Le trasmissioni, riporta un pezzo del Fatto Quotidiano che parla addirittura di “purghe interne,” non piacerebbero a “molti parlamentari di Forza Italia e all’inner circle berlusconiano” perché “troppo populiste.” In pratica: Belpietro, Del Debbio e Giordano avrebbero “tirato la volata” al MoVimento 5 Stelle e soprattutto alla Lega di Matteo Salvini.

Il direttore generale di Mediaset, Mauro Crippa, ha smentito questi “scenari complottisti” e detto che non c’è nessuna “rivoluzione anti-populista” in atto. C’è però da segnalare che, solo un anno, fa il presidente di Mediaset Fedele Confalonieri—riferendosi implicatamente a quei programmi – aveva dichiarato al Foglio che “i nostri conduttori sono bravi, ma in questa logica dell’urlo adesso stiamo esagerando,” aggiungendo che “c’è un piano inclinato, un eccesso nel racconto, nella costruzione scenica. Questo non mi piace.”

Al di là delle ricostruzioni divergenti, non c’è alcun dubbio sul fatto che sia Quinta Colonna che Dalla vostra parte abbiano occupato un posto ben preciso nel panorama televisivo degli ultimi anni, portando all’estremo un format di lunga data—quello del talk politico, che mescola elementi di politainment con i collegamenti dalle piazze gremite di “gente” incazzata. Ripercorrere la loro parabola permette dunque di vedere in filigrana le tendenze profonde e i cortocircuiti dell’intreccio all’italiana tra media e politica.

In origine, e qui siamo nel 2012, Quinta Colonna non era il programma che conosciamo adesso. Veniva trasmesso su Canale 5, l’ideatore e conduttore era Salvo Sottile, e i temi spaziavano dalla politica allo sport. La prima versione del programma è andata in onda per sole sei puntate, per poi essere cancellata a causa dei bassi ascolti e dei pessimi riscontri.

Nell’agosto dello stesso anno il programma riparte (alla grande, secondo i dati Auditel) concentrandosi solo su politica ed economia, e sotto la conduzione di Paolo Del Debbio. Che non è il primo che passa in convento: laureato in filosofia e teologia, uomo Fininvest dagli anni Ottanta, giornalista (dal 2004 al 2010 ha condotto Secondo voi, guadagnandosi tra le altre cose una parodia di Gene Gnocchi), docente Iulm, “filosofo portatile di Berlusconi” (secondo la definizione di Carlo Freccero), estensore del primo programma di Forza Italia, candidato alle regionali in Toscana nel 1995 e assessore alla sicurezza a Milano dal 1998 al 2001.

Affidare a lui quel programma ha impresso una radicale svolta contenutistica e stilistica, che Del Debbio ha spiegato in diverse interviste. A TV Sorrisi e Canzoni, ad esempio, descrive in questo modo i due “segreti del suo successo”: “Il primo è dar voce alla gente sui problemi che affrontiamo di volta in volta. Il secondo è usare un linguaggio semplice.” Al Giornale ha ribadito che l’obiettivo primario di Quinta Colonna era “far parlare i cittadini che non ne possono più di ragionamenti complicati, di sofismi, di giochini parlamentari, ma vogliono risposte semplici a domande semplici.”

A ben vedere, Del Debbio aveva teorizzato questo approccio nel lontano 1991 in un libro chiamato Il mercante e l’inquisitore. Apologia della televisione commerciale. In particolare, il conduttore aveva tracciato un’analogia tra l’antica agorà greca e la “piazza elettronica” delle tv, dove “la dimensione politica, ludica, religiosa, mercantile e culturale” condividerebbero lo stesso spazio, riproducendo “la libertà delle democrazie antiche.” All’epoca, Luciano Canfora criticò fortemente questa tesi parlando di paragone “incosistente” e di “mistificazione,” poiché la “piazza televisiva” è “drenata da un meccanismo fortissimo, esclusivo, controllato” che produce soltanto una “raffigurazione simbolica di un’ingannevole agorà.”

Quella dell’agorà “simbolica” e “ingannevole,” dopotutto, è proprio il cardine della trasmissione. L’insieme assomiglia a un remake del “Santoro prima maniera”—a cui Del Debbio, non a caso, è stato accostato—e il Gianfranco Funari post-Tangentopoli, quello che “imboccava gli onorevoli con la mortadella.” Il risultato, ha scritto Delbecchi sul Fatto Quotidiano, è “un impasto di tv del mattino, la scuola delle casalinghe, emulsionato con la mistica della ‘gente’ e guarnito di vaga ribellione anticasta.”

A livello tematico, la trasmissione è sempre ruotata intorno a determinate ossessioni: l’insicurezza degli italiani "abbandonati dallo Stato," l’immigrazione incontrollata (declinata o nell’“invasione,” oppure nel grande business della “sinistra”), i vitalizi e gli sprechi della Casta, gli inganni delle banche, la legittima difesa (sempre e comunque legittima, beninteso), l’Islam e l’integrazione impossibile, i rom. I famigerati sottopancia esemplificano al meglio il livello di isteria che si respira nella trasmissione: “Italia invasa, nessuno vuole fermare gli sbarchi”; “Emergenza Rom, vivono al campo ma sono milionari”; “Immigrazione senza controllo, salute a rischio?”; e così via.

Un’altra caratteristica fondamentale di Quinta Colonna (e di Dalla vostra parte, ovviamente) è anche la simulazione di pluralismo. In ogni puntata, specialmente quando si dibatte dei “temi caldi,” viene sempre invitata qualche voce “contraria” alla linea. Se si parla di Islam, ci sarà un imprecisato rappresentante di qualche comunità islamica; se si parla di sicurezza, ci sarà qualche politico o opinionista di “sinistra.”

Ma l’obiettivo, naturalmente, non è quello di sentire un esperto o l’altra campana: è l‘utilizzare quella persona come un sacco da boxe, su cui scaricare tutta la tensione in una sorta di sacrificio rituale catodico.

Il 2015, a ogni modo, è l’anno in cui il format acquista la massima visibilità. In primo luogo c’è il gioco di sponda sempre più stretto con la Lega, i cui esponenti—oltre a essere presenze fisse in studio—rilanciano le clip sui propri canali social; lo stesso Del Debbio, inoltre, partecipa alla festa leghista di Ponte di Legno dialogando sul palco con Matteo Salvini. In secondo luogo c’è il lancio dello spin-off di Dalla vostra parte, che duplica il modello di Quinta Colonna e aumenta il carico d’angoscia con servizi che ritraggono le città italiane come una specie di Detroit di Robocop. Infine, ci sono le voci (poi smentite) che parlano di una possibile discesa in campo di Del Debbio e la pubblicazione del libro Populista e me ne vanto (allegato, ça va sans dire, al Giornale).

In esso, il conduttore si difende dalle accuse e rivendica orgogliosamente il suo metodo. Già dalla sinossi, infatti, si legge che “se populista vuol dire prendere per buono tutto quello che dice il popolo in piazza, populista sarà qualcun altro. Se populista vuol dire ritenere che il popolo in piazza abbia diritto a dire la sua, allora populista non è più un’offesa o una colpa, ma è un elogio e un merito.” A parte qualche sporadico riferimento ai “piccoli e medi imprenditori” o al “pensionato che prende 400 euro al mese,” Del Debbio si guarda bene dallo specificare chi sia questo “popolo”—e d’altronde, è impossibile farlo: il soggetto preso a riferimento è talmente vasto e indefinito che può essere modellato a piacimento. Dentro un perimetro così artificiale, quindi, può essere fatto confluire qualsiasi cosa; e sopratutto, può essere utilizzato qualsiasi mezzo.

Più di una volta, infatti, i programmi sono state accusati di aver letteralmente creato la realtà che mandavano in onda. Nel maggio del 2015 un inviato di Quinta Colonna raccoglie la confessione di un giovane rom, che racconta come rubare auto senza essere beccati. Striscia la Notizia scopre però che lo stesso rom era stato pagato per quel servizio e addirittura per un altro, in cui si fingeva un “islamista radicale” che esultava per il massacro di 147 cristiani in Kenya. L’inviato, che ha sempre contestato la ricostruzione di Striscia, è stato prima licenziato e poi risarcito da Mediaset.

Sempre a maggio, in un collegamento in diretta da Padova, un cittadino di origini marocchine si mette a litigare con pensionati e commercianti della zona, criticando anche l’allora sindaco leghista Massimo Bitonci. In studio, intanto, il leghista Roberto Marcato (un habitué della trasmissione) gli chiede insistentemente la sua fedina penale; Aziz, questo il nome, risponde di avercela pulita. All’improvviso, il colpo di scena. Dal pubblico un ragazzo passa il suo cellulare all’inviata di Quinta Colonna, che dice subito a Del Debbio: “Quattro arresti Paolo, c’è la sua foto!”

Il video dello spezzone diventa subito virale, e viene rilanciato con vigore dagli esponenti della Lega. Effettivamente, non c’è migliore propaganda di un immigrato che ti critica in diretta tv e nasconde i suoi precedenti penali. Qualche mese dopo, però, Aziz confida al Corriere del Veneto che era tutto organizzato. “Abbiamo parlato un’ora prima e mi hanno chiesto di partecipare all’intervista,” dice, “io ho accettato e ci siamo messi d’accordo per farla. Sapevo che mi avrebbero riconosciuto come ladro, perché ci siamo messi d’accordo su questo.” Al Fatto Quotidiano, l’uomo aggiunge di essere stato pagato. La redazione del programma smentisce subito con forza: “Stiamo parlando della parola di un pregiudicato che getta ombre sul lavoro di professionisti.”

In tempi più recenti, ossia nel gennaio del 2017, Striscia trasmette uno scambio di battute tra la regia di Quinta Colonna e un inviato in collegamento con alcune “vittime del salvabanche.” A un certo punto, l’inviato si rivolge agli obbligazionisti e chiede loro: “Chi è che mi scuoia Zanetti [ l’ex viceministro dell’economia, presente in trasmissione]? Chi si incarica di scuoiarmi Zanetti?”

Nell’ottobre dello stesso anno, per concludere questa carrellata, la trasmissione fa un collegamento da Ravenna per un servizio su presunte infiltrazioni jihadiste nella comunità musulmana del luogo. In “piazza” ci sono alcuni politici locali (uno della Lega) e cittadini che si lamentano dei musulmani con frasi come “ne abbiamo tantissimi,” “siamo praticamente invasi,” e “non siamo razzisti, ma l'amministrazione non è all'altezza della situazione.”

Dopo la messa in onda, tuttavia, il sindaco della città Michele de Pascale ha pubblicato sul proprio profilo Facebook uno screenshot provienente dal gruppo “La sentinella ravennate,” in cui la produzione del programma chiedeva aiuto per trovare “persone che possano intervenire in diretta facendo trasparire la paura e il timore che tra tanti sbarchi si possano annidare persone legate a cellule terroristiche.” Il primo cittadino commentava poi in maniera sarcastica: “tu chiamalo, se vuoi, giornalismo.”

Alla luce di episodi simili, insomma, penso che la riflessione di Canfora dei primi anni Novanta sia ancora estremamente attuale. E in effetti, programmi come Quinta Colonna e Dalla vostra parte—al netto dell’enfasi sul dar voce alla “gente comune”—non fanno altro che raffigurare un simulacro di agorà pubblica condizionato da logiche anzitutto commerciali e politiche.

Al momento non si sa se Del Debbio e Belpietro torneranno a settembre con gli stessi o con nuovi programmi, magari meno “populisti.” E per quanto sia difficile stabilire una correlazione empirica con l’aumento dei voti a Lega e M5S—anche se una recente ricerca afferma che chi guarda i canali Mediaset è più propenso a votare i populisti—il racconto della realtà fatto da questi programmi ha quantomeno contribuito a radicalizzare l’elettorato di destra, che alla fine (per vari motivi, ovviamente, non solo per questo) ha dato più fiducia all’offerta di Salvini rispetto a quella di Berlusconi.

La creatura, insomma, sembra essere sfuggita di mano—ma in fondo, viste le premesse, era destinata a farlo fin dall’inizio.

Segui Leonardo su Twitter

Altro da VICE
Vice Channels