Pubblicità
londra

Il numero di attacchi contro musulmani nel Regno Unito è triplicato dopo Parigi

VICE News ha seguito una veglia fuori dalla moschea londinese di Finsbury Park, presa di mira venerdì scorso da un tentativo di attacco incendiario.

di Sally Hayden
07 dicembre 2015, 6:15am

Foto di Sally Hayden/VICE News

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato

Centinaia di persone, durante il fine settimana, hanno partecipato a una veglia fuori da una moschea di Londra. Quella stessa moschea, circa una settimana fa, ha subito un tentativo di attacco incendiario. 

Il giorno della manifestazione, la polizia britannica ha annunciato che il numero dei crimini contro i musulmani nel Regno Unito è triplicato dopo gli attacchi di Parigi.

Il tentato attacco incendiario contro la moschea di Finsbury Park è accaduto il 27 novembre, alle 20:25 ora locale. L'attentatore è stato descritto come "un uomo bianco che indossava un cappuccio bianco." Si ritiene che "sia fuggito dalla scena su un motorino." I filmati delle telecamere a circuito chiuso mostrano l'uomo che salta mentre lancia un oggetto.

Mohammed Kozbar, il Segretario Generale della moschea di Finsbury Park, ha definito l'attacco "parte del crescente odio anti-islamico a Londra dopo gli attacchi di Parigi del mese scorso."

"I membri della nostra comunità, donne e uomini che frequentano la moschea, hanno subito attacchi fisici," ha detto a VICE News. "Alcune donne che fanno parte della congregazione dicono di aver paura di camminare per strada da sole, di andare a fare la spesa o di prendere i mezzi pubblici. È una cosa seria: questi fatti stanno aumentando, non stanno diminuendo."

Venerdì la polizia ha annunciato che il numero dei crimini anti-islamici denunciati nel Regno Unito è cresciuto dai 24 nella settimana del 13 novembre ai 76 di due settimane dopo. Ma i dati erano già preoccupanti prima degli attentati di Parigi: a settembre, la polizia aveva annunciato un aumento del 70,7 per cento dei reati islamofobi nei 12 mesi fino a luglio 2015 rispetto all'anno precedente. 

"Quello che è successo dopo gli attacchi di Parigi non è accettabile — attaccare e dare la colpa alla comunità musulmana," ha detto Kozbar. "Diciamo sempre che non siamo responsabili dell'attacco, né lo è la nostra religione. IS ha rivendicato [gli attentati], e loro dovrebbero essere ritenuti responsabili... Noi siamo vittime, come chiunque altro. Abbiamo tutti la responsabilità di condannare l'attacco, non solo le comunità musulmane. Chiunque abbia pianificato un attacco del genere è un terrorista, e questo è orribile." 

Il filmato delle telecamere a circuito chiuso che hanno ripreso l'attentatore. (Screenshot via Metropolitan Police)

Jeremy Corbyn, leader del partito Laburista ed eletto nella zona in cui si trova la moschea, ha ricevuto un lungo applauso quando è salito sul palco fuori dal luogo di culto. "Siamo molto fieri della nostra comunità multiculturale, qui a Finsbury Park," ha detto.

"Non può esserci spazio per l'antisemitismo, per l'islamofobia e per il razzismo di qualsiasi tipo," ha detto Corbyn. "Vogliamo vivere in un mondo dove esiste diversità culturale, dove c'è diversità religiosa, in cui tutti i giovani hanno le stesse opportunità di migliorarsi e in cui nessuno subisce attacchi razzisti o islamofobi."

"La nostra comunità, non solo qui a Finsbury Park, ma in tutta la Gran Bretagna, deve capire che siamo una società multiculturale, che siamo una società multi-religiosa, che ci sosterremo a vicenda, gli uni per gli altri," ha proseguito Corbyn. "Ma se ci lasciamo dividere, se fomentiamo una 'cultura della colpa', se permettiamo di farci dividere in gruppi di persone che si danno la colpa a vicenda per qualsiasi cosa succeda nel mondo, saremo tutti più deboli."

Facendo riferimento al voto di mercoledì scorso che ha approvato i bombardamenti britannici contro IS in Siria, Corbyn ha detto: "Voglio vivere in un mondo che non sia teatro di guerra, che non risolve i problemi mandando la RAF e i bombardieri... Qui stasera a Finsbury Park stiamo dando un esempio." 

Il leader dell'opposizione Jeremy Corbyn parla alla folla durante la veglia. (Foto di Sally Hayden/VICE News)

La moschea di Finsbury Park ha una storia di luci e ombre. Il predicatore d'odio Abu Hamza, condannato all'ergastolo per terrorismo negli Stati Uniti, è stato imam della moschea dal 1997 al 2003. 

In quegli anni la moschea è stata frequentata da Zacaria Moussaoui, uno degli organizzatori degli attentati dell'11 settembre, e da Mohammed Sidique Khan, uno dei quattro kamikaze che si è fatto esplodere durante gli attentati di Londra del 7 luglio 2005. La moschea è stata perquisita e chiusa nel 2003; un anno dopo Hamza è stato arrestato.

Tuttavia, i partecipanti alla veglia e altri membri della comunità hanno detto che ora le cose sono molto cambiate, soprattutto grazie all'influenza di Kozbar.

Julie Hunt, 49 anni, che vive ad Angel, ha detto a VICE News che la moschea ora è "molto inclusiva," ma "è inevitabile che - quando avviene un attacco come quello di Parigi - questa moschea venga presa di mira. Credo si sia trattato di un caso isolato, ma sono sicura che si scoprirà che ha dei legami con gruppi di estrema destra."

Secondo Hunt le manifestazioni come quella di venerdì sono "fondamentali," perché "è quello che stanno cercando di fare [i terroristi], alzare un muro tra di noi."

Leggi anche: Qualcuno ha messo una testa di maiale fuori da un luogo di culto islamico vicino a Napoli

"Siamo contro il razzismo e i crimini d'odio," ha detto a VICE News Mansuur Osman, uno studente di 17 anni. "Credo fermamente che questa comunità non debba lasciarsi dividere da quello che succede nel mondo. Credo che questa moschea sia parte vitale della nostra zona. Porta diversità, e poi siamo una comunità pacifica — i musulmani di Finsbury Park. Non creiamo problemi e non dovremmo essere puniti per delle azioni compiute da persone a migliaia di chilometri di distanza."

'Non si tratta solo di musulmani, si tratta di razzismo. Chiunque può essere razzista.'

Osman ha detto di non aver mai subito bullismo razzista o islamofobo. "Direi che la mia scuola è un ambiente particolarmente vario, ci sono molti ragazzi musulmani," ha detto.

"Non credo che le persone debbano essere giudicate come individui per i peccati commessi da altri," ha aggiunto Osman, facendo notare che secondo lui manifestazioni come la veglia sono "assolutamente vitali per mostrare solidarietà e sostegno all'interno della comunità... Sono davvero colpito dalla presenza di molti non-musulmani. Non si tratta solo di musulmani, si tratta di razzismo. Chiunque può essere razzista."

Il suo amico Jamal, anche lui di 17 anni, si è unito alla conversazione. "Questa è Londra: è molto multiculturale, è una comunità accogliente. Ho amici bianchi, neri, personalmente non ho mai subito attacchi razzisti, anche se occasionalmente ci sono degli episodi," ha detto.

"Ci sono brutte persone ovunque," ha aggiunto. "Non si può penalizzare una religione per [le azioni] di meno dell'1 per cento [dei fedeli]." Ha detto che sarebbe "come giudicare le persone bianche per il Ku Klux Klan."

Salaado, una donna musulmana di 36 anni originaria della Somalia, ma che vive a Finsbury Park da più di 20 anni, ha detto a VICE News: "Non so cosa stia succedendo ultimamente... Sembra che le persone diano sempre [la colpa] all'Islam. Noi vogliamo la pace, ma le persone credono che siamo cattivi."

Salaado ha detto che non ha mai subito attacchi razzisti fisici o verbali, e che ha sentito di problemi simili solo dai telegiornali. "È molto importante tenere una manifestazione come questa," ha detto. "Ha un impatto su tutti, non solo sull'Islam. Quando succede qualcosa tra musulmani e cristiani, tutti puntano il dito contro l'Islam. A volte non fai nulla di male, ma le persone ti credono colpevole solo perché hai coperto gran parte del tuo corpo e segui la tua religione, ma non capisco perché le persone dovrebbero ritenerci cattivi."

Lindsey German, coordinatrice della coalizione Stop The War, ha detto alla folla che l'evento era incentrato sulla solidarietà.

'Alcune donne che fanno parte della congregazione dicono di aver paura di camminare per strada da sole, di andare a fare la spesa o di prendere i mezzi pubblici.'

"Dobbiamo promuovere la solidarietà e dire che siamo al fianco delle nostre sorelle e dei nostri fratelli musulmani," ha detto German. "Siamo in una situazione critica al momento. Il nostro governo ci ha appena trascinati in una nuova guerra, una guerra disastrosa che causerà la morte di altri civili, che porterà a nuovi attacchi contro le libertà civili, e che significherà un più alto livello di razzismo contro i musulmani, e noi siamo qui per dire che non vogliamo nulla di tutto ciò... Dopo gli attacchi di Parigi ci sono stati molti, molti più attacchi contro i musulmani in questo paese, in Francia, e in tutto il mondo."

Musav, 16 anni, ha detto che se la moschea avesse preso fuoco la stampa avrebbe definito l'attentatore come un "vigilante" piuttosto che un "terrorista" perché era bianco.

Leggi anche: I disertori di IS spiegano perché hanno abbandonato lo Stato Islamico

Un altro adolescente che frequenta la moschea, di nome Usama, ha concordato con Musav. "Tutti sanno che quando si parla di terroristi, si fa riferimento ai musulmani," ha detto.

Anche David Rosenberg, che vive vicino alla moschea e che è un membro del Jewish Socialist Group, ha partecipato alla veglia. "Per quel che ci riguarda, un attacco contro una minoranza etnica è un attacco contro tutte le minoranze etniche, e un attacco contro la Londra multiculturale — che è la cosa che i razzisti odiano e temono di più," ha detto.

"Purtroppo oggi nel mondo ci sono persone che vorrebbero che i musulmani e gli ebrei fossero nemici, e noi qui stiamo dimostrando che i musulmani e gli ebrei sono amici, che si sostengono a vicenda e che invece hanno dei nemici in comune: il razzismo e il fascismo."

"Certamente nel clima attuale l'aumento di attacchi contro le comunità musulmane non è una sorpresa," ha aggiunto Rosenberg.

"È un problema molto serio e un fenomeno in crescita, ma direi anche che il razzismo è un fenomeno molto flessibile, in grado di spostare il suo odio da una comunità all'altra."


Segui VICE News Italia su Twitter e su Facebook
Segui Sally Hayden su Twitter: @sallyhayd