Pubblicità
Egitto

La polizia egiziana sta investigando Reuters per l'articolo sulla sparizione di Giulio Regeni

Cinque giorni dopo l'esclusiva pubblicata da Reuters, che sarebbe riuscita a ottenere la conferma del fermo di Giulio Regeni da parte della polizia egiziana la sera della sua sparizione, l'Egitto ha deciso di passare al contrattacco.

di Avi Asher-Schapiro
26 aprile 2016, 8:25am

Uno striscione con la scritta “Verità per Giulio”, a Roma. [Foto di Angelo Carconi/EPA]

Cinque giorni dopo l'esclusiva pubblicata da Reuters, che attraverso sei fonti anonime sarebbe riuscita a ottenere la conferma del fermo di Giulio Regeni da parte della polizia egiziana la sera della sua sparizione - circostanza sempre negata dai governanti del paese -, l'Egitto ha deciso di passare al contrattacco.

Lo scorso 21 aprile, infatti, il parlamentare Mostafa Bakry ha sporto denuncia contro le rivelazioni dell'agenzia di stampa, chiedendo al governo di investigare i possibili collegamenti tra Reuters e i Fratelli Musulmani — considerati dal paese come un'organizzazione terroristica, al punto che quotidianamente i suoi membri vengono arrestati e imprigionati.

Il 22 aprile, poi, il capo della polizia della stazione di Azbakeya, dove secondo l'articolo di Reuters Regeni è stato trasportato dopo il fermo - ha avviato una lamentela formale contro Michael Georgy, il caporedattore dell'agenzia di stanza al Cairo.

Gli investigatori hanno confermato che le indagini sono state avviate, anche se non è chiaro se qualche dipendente di Reuters sia stato contattato direttamente per accertamenti.

"Sono sicuro, il gruppo di lavoro di Reuters è in pericolo" ha detto Sherif Mansour, coordinatore del programma su Nord Africa e Medio Oriente presso il Comitato per la Protezione dei Giornalisti. "Sono state lanciate accuse pesanti nei loro confronti da persone che stanno molto in alto."

Il giorno in cui l'articolo di Reuters è stato pubblicato, il Ministero dell'Interno egiziano aveva pubblicato un comunicato in cui spiegava di "riservarsi la possibilità di intraprendere le necessarie azioni legali contro chi promuove voce infondate e notizie false."

In Egitto, è illegale contraddire la versione degli eventi fornita dalla polizia; chi lo fa, può finire in prigione per un anno.

Tutti gli articoli di VICE News e gli aggiornamenti sul delitto di Giulio Regeni.

Reuters ha spiegato a VICE News che Michael Gregory, il caporedattore, si trova "al momento in viaggio d'affari," ma non ha né confermato né smentito che il suo allontanamento rappresenti una misura cautelare per consentirgli di evitare possibili guai giudiziari.

L'organizzazione, dal canto suo, si è detta convinta della veridicità delle rivelazioni pubblicat. "Difendiamo quell'articolo," ha detto David Crundwell, vice presidente di Reuters per gli affari aziendali.

"Nel pezzo non abbiamo accusato nessuno in particolare per l'omicidio di Regeni, e il nostro lavoro è perfettamente in linea con l'indipendenza e la solidità giornalistica tipica della tradizione di Reuters."

Regeni, studente e ricercatore a Cambridge, si trovava in Egitto per studiare il funzionamento dei sindacati nel paese. Il 28enne è scomparso lo scorso 25 gennaio; il suo corpo è stato ritrovato alcuni giorni dopo, straziato dai segni di una tortura "inumana e animalesca," al lato di una strada del Cairo.


Segui VICE News Italia su Twitter, su Telegram e su Facebook

Tagged:
VICE News
Italia
reuters
libertà di stampa
Giulio Regeni
il cairo
regeni