Tech by VICE

Queste foto incredibili mostrano il futuro del volo umano

Nel prossimo decennio impareremo a volare? Richard Browning, inventore inglese, si sta impegnando per riuscirci con la sua tuta alimentata a motori jet.

di VICE Staff; foto di Reto Sterchi
16 dicembre 2019, 10:36am

Browning mentre atterra.

Richard Browning è determinato a dimostrare che, quando si parla di ingegno umano, neanche il cielo è più un limite insuperabile. La sua invenzione più recente, una jet suit chiamata Daedalus Mark 1, spedisce una persona in volo a quasi 50 chilometri orari ad altitudini di tre chilometri. “La mia ipotesi di partenza era che la mente e il corpo umani sono costruiti in modo incredibile—persino un atto banale come camminare è in realtà una cosa straordinaria, che richiede equilibrio e controllo,” ha detto. “Così ho iniziato a immaginare cosa succederebbe se aumentassimo questa macchina meravigliosa con tecnologie di ultimissima generazione—cosa potremmo fare e dove andremmo?”

Quando ha iniziato a promuovere l’idea di una jet suit intorno al 2016, la maggior parte degli esperti di aviazione gli hanno detto che non avrebbe mai funzionato. Sarebbe stata troppo calda, dicevano, o gli avrebbe strappato le braccia. Ma anziché mollare, Browning ha rintracciato e arruolato persone che lavorano nelle frontiere vere del settore e che hanno creduto alla sua visione, come l’ingegnere Alex Wilson, e il designer della tuta, Sam Rogers. Hanno lavorato nel piccolo laboratorio dietro la casa di Browning a Salisbury, nel Regno Unito, e hanno sviluppato una tuta con 1.050 cavalli di potenza, completa di due mini jet attaccati per braccio, oltre a uno incorporato nello zaino.

Ora la jet suit è pronta per il volo e le persone possono fare visita all’hangar di Browning per farsi un volo o comprare una tuta tutta per loro—per circa 500.000 dollari. Guardarlo volare non è tanto come vedere un essere umano che pilota una macchina futuristica, ma più come assistere al volo di un nuovo uomo-cyborg. Browning vola con l’intuito umano, muovendo le braccia e spostando il peso del suo corpo; non sta pilotando una macchina ma è tutt’uno con essa. “Ti senti libero in un modo difficile da spiegare,” ha raccontato a VICE. Browning dice di voler far sì che ci sia sempre una buona dose di divertimento nel volare. Quando fa provare a qualcuno la tuta, in genere quella persona non riesce più a smettere di parlare dell’estasi del volo. “Io ho urlato fortissimo, più del rumore dei motori,” ha detto Browning, “perché ero così libero che sentivo solo euforia pura.”

Il fotografo Reto Sterchi ha fatto visita a Browning a Salisbury lo scorso autunno, per assistere di persona a un volo. “Quando inizia ad alzarsi da terra, fa molto rumore, e senti la pressione in tutto il corpo,” ha detto Sterchi. “Una specie di miracolo si compie davanti ai tuoi occhi.”

1573169455856-GRAVITY-9207_300
Richard Browning dimostra come indossare una jet suit al quartier generale di Gravity.
1573169553451-GRAVITY-9250_300
Il render di una turbina che alimenta la tuta.
1573169598036-GRAVITY-9522_300-copy
Le turbine dopo l’accensione.
1573169636176-GRAVITY-9508_300
Browning si avvicina alla pista di lancio.
1573169667244-GRAVITY-9376_300
Browning valuta la direzione del vento.
1573169709843-GRAVITY-9423_300
L’ingegnere Alex Wilson controlla che ogni turbina della tuta sia funzionante.
1573169766956-GRAVITY-9865_300-copy
Browning in volo.
1573169809316-GRAVITY-9756_300-copy
Browning vola sopra a Solent, mentre l’ex soldato Martin Mawhood lo segue via mare come protocollo di sicurezza in caso precipiti in acqua.

Questo articolo è comparso nel Profiles Issue 2019 del magazine di VICE.

Tagged:
PROFILES
VICE Magazine
Reto Sterchi
volare
v26n4
Richard Browning
volo umano