FYI.

This story is over 5 years old.

Attualità

Dottor Morte: la storia vera del chirurgo che massacrava i suoi pazienti

'Dr. Death' ripercorre la storia assurda del chirurgo di Dallas che ha ucciso due pazienti e ne ha lasciati paralizzati altri.
Foto via Unsplash

Viti di metallo conficcate nel canale vertebrale. Un esofago sezionato. Fori nelle vertebre. Fasci di nervi recisi e molte altre cose orribili. Questi sono solo alcuni dei danni che Christopher Duntsch ha inflitto ai suoi pazienti nei 18 mesi in cui ha esercitato la professione di chirurgo spinale. Durante questo lasso di tempo, il chirurgo di Dallas ha operato e danneggiato in alcuni casi irrimediabilmente circa 30 pazienti, lasciandone alcuni paralizzati e facendo due vittime. Un suo collega l'ha definita "un'atrocità senza attenuanti."

Pubblicità

La storia di Duntsch, che ora sta scontando l'ergastolo, è al centro di Dr. Death, un nuovo podcast di Wondery in cui l'host e giornalista Laura Beil racconta la terrificante storia di Duntsch nel corso di sei puntate, analizzandone la psiche e cercando di capire com'è possibile che un medico faccia intenzionalmente del male ai suoi pazienti, e che il sistema sanitario glielo permetta.

"Una delle cose più sconcertanti, dal mio punto di vista, è che c'erano davvero tante persone che avrebbero potuto e dovuto controllare quello che succedeva. Lungo il suo percorso, in tanti avrebbero potuto fermarlo—a partire dall'università in cui ha studiato medicina," spiega Beil a un evento di presentazione del podcast, a New York. "In ogni fase della sua formazione e carriera, non è mai successo quello che sarebbe dovuto succedere: nessuno l'ha fermato. E non so quanto sia strano, purtroppo."

Dr. Death, dal soprannome che è stato dato a Duntsch, ripercorre la storia del chirurgo da quando era all'Università del Tennessee, e ricostruisce i suoi rapporti con medici, infermieri, amici e diversi pazienti che lo hanno incontrato lungo il proprio cammino. E che secondo Beil avrebbero cercato disperatamente online e tramite il passaparola di verificare l'affidabilità del chirurgo.

"I pazienti erano convinti di aver letto tutto quello che c'era da sapere su di lui, e di aver trovato una persona competente e affidabile. La cosa peggiore è che, come pazienti, è molto difficile reperire informazioni sui medici a cui ci affidiamo, quindi queste persone erano all'oscuro di tutto. E anche i medici che l'avevano raccomandato non sapevano niente."

Pubblicità

Il podcast esplora il comportamento sconsiderato e potenzialmente dettato dall'uso di droghe del chirurgo, che ha continuato ad agire indisturbato per mesi, operando in diversi ospedali nella zona di Dallas prima che la licenza gli fosse revocata definitivamente nel 2013. Beil ha raccolto una serie di e-mail deliranti che Duntsch avrebbe mandato alla sua assistente, Kimberly Morgan, definendo se stesso "qualcosa tra dio, Einstein e l'anticristo," e anche "un omicida a sangue freddo." Beil ha intervistato Jerry Summers, un amico d'infanzia del Dottor Morte che è stato operato da lui e dopo l'intervento è rimasto paraplegico, probabilmente dopo che il chirurgo aveva fatto abbondante uso di cocaina nel corso della sera precedente. Ha incontrato anche Philip Mayfield, paziente che dopo un'operazione di Duntsch convive con "difficoltà motorie e terribili problemi al sistema nervoso. Ha un disturbo della pelle, che gli brucia da morire, si arrossa e poi si stacca," spiega Beil. "Ha sofferto molto, e anche la sua famiglia ha avuto gravi difficoltà economiche legate a questo problema. Non può lavorare, e nemmeno sua moglie perché non può lasciarlo mai solo—a volte perde i sensi improvvisamente."

Per quanto sia terribile ascoltare le testimonianze delle vittime e le conseguenze che le azioni di Duntsch hanno avuto sulla vita di tante persone innocenti, la cosa ancora più sconvolgente è scoprire quante persone si fossero accorte del problema ma non siano riuscite a fare nulla per fermarlo. Sebbene Beil definisca Duntsch "un'eccezione," allo stesso tempo mette in guardia sul sistema sanitario [americano] in generale e sul fatto che i controlli condotti sui professionisti siano ancora insufficienti.

"Forse, e me lo auguro, il mio o il vostro chirurgo non è poi così male, ma dovremmo tutti preoccuparci, perché ci affidiamo tutti allo stesso sistema sanitario. I meccanismi di sicurezza sono gli stessi," ha detto Beil. "Devo dire che dopo questo progetto, la consapevolezza sul tema è cresciuta e in molti ci hanno chiesto 'Cosa possiamo fare?'" aggiunge. "Ma allo stesso tempo, non ho prove che qualcosa sia davvero cambiato."

Dr. Death è disponibile su iTunes e Spotify.

Segui Lauren Messman su Twitter.