Pubblicità
Tech by VICE

La vera storia di Edward Teller, l'inventore della bomba H

Edward Teller è un personaggio controverso della scienza del Novecento, e ha ispirato il Dottor Stranamore di Kubrick.

di Caroline Haskins
03 ottobre 2017, 9:09am

Secondo il ministro degli esteri della Corea del Nord, Kim Jong-un sta considerando l'ipotesi di testare la sua bomba all'idrogeno nell'Oceano Pacifico in risposta alle crescenti tensioni con il Presidente Trump. Ma per capire a fondo la bomba all'idrogeno, bisogna capire colui che l'ha creata.

In un documentario del 2013, Motherboard esplorava la vita di Edward Teller: padre della bomba all'idrogeno, e persona che ha ispirato il personaggio del Dr. Stranamore.

Secondo Ralph Moir, studente e collega di Teller, questi credeva che gli scienziati non avessero responsabilità per gli usi delle loro creazioni. "Voleva fare un regalo all'umanità, ma era anche molto interessato alla scienza e a qualsiasi novità," ha detto Moir a Motherboard. "Era molto patriottico per quanto riguarda la difesa dello stato, e allo stesso tempo interessante dal punto di vista scientifico."

Comunque non tutti erano d'accordo con Teller. Negli anni Quaranta, c'era stato un dibattito etico che ha diviso il mondo in due gruppi: quelli che stavano con Robert Oppenheimer, il creatore della bomba atomica, credevano che un successore più distruttivo fosse pericoloso e non necessario. Quelli dalla parte di Teller invece credevano nel beneficio di creare un'arma così distruttiva non-atomica.

La comunità scientifica era quasi interamente dalla parte di Oppenheimer, ma il presidente Truman era invece dalla parte di Teller. Nel 1952, gli USA hanno detonato la prima bomba all'idrogeno.

Nel corso della sua vita,Teller ha aiutato a lanciare Plowshare, un esperimento USA per le armi nucleari usato per costruire. Credeva che gli Stati Uniti avrebbero investito in geoingegneria, motori a energia nucleare per l'esplorazione dello spazio e reattori al torio piuttosto che all'uranio. Nessuna di queste idee è andata in porto.

Sono passati più di dieci anni dalla sua morte, ma il suo nome resta controverso.