Pubblicità
Motherboard

Che cos'è questo coso gigante? Un verme ovviamente

Guardatelo.

di Lisa Cumming
18 aprile 2017, 11:04am

I gusci di una misteriosa specie vermiforme lunga in media quasi un metro sono stati documentati per la prima volta alla fine del 1700, ma la creatura di per sé è rimasta sempre lontana dai riflettori, riuscendo a evitare qualsiasi tipo di studio. Ora, un gruppo di scienziati ha seguito le tracce, sezionato ed esaminato il verme elusivo, che abita da sempre nelle Filippine.

Video: Margo Haygood

"Sappiamo dell'esistenza di queste creature da molto tempo," ha detto per telefono Daniel Distel, professore e direttore esecutivo della Ocean Genome Legacy, un'organizzazione di ricerca marina della Northeastern University di Boston. Distel è co-autore di un nuovo paper che descrive il teredinide uscito sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences. "Sono quasi 20 anni che li cerco. La prima volta che li abbiamo visti è stata un'esperienza assurda."

Il Kuphus Polythalamia che Distel e altri scienziati hanno trovato e studiato passa le sue giornate in una pozza di acqua ristagnante a Mindanao, avvolto nel puzzo di uova marce. Questo perché il fango ricco di composti organici in cui vive produce solfuro di idrogeno, che il teredinide (un tipo di mollusco bivalve d'acqua salata) consuma per sopravvivere — a differenza di altri vermi simili, che si cibano del legno delle imbarcazioni.

Margo Haygood parla dei gusci del teredinide con Rande Dechavez e Julie Albano della Sultan Kudarat State University. Immagine: Marvin Altamia

Distel e i suoi collaboratori hanno iniziato a dare la caccia a questa specie dopo che un documentario che mostrava i gusci del K. polythalamia è andato in onda sulla televisione filippina, fornendo agli scienziati un indizio su dove trovare la strana creatura.

L'autrice Margo Haygood si trovava al laboratorio la prima volta che un esemplare vivente di K. polythalamia in condizioni eccellenti è stato sezionato nel 2011 (È da allora che li studiano.) Ha registrato tutto.

"È stato incredibile vedere la loro potenza e vitalità," ha detto Haygood, professoressa all'Università dello Utah. "Si vede Dan Distel estrarre questa sorta di tubo che sembra non finire mai perché sono animali davvero grandi."

Haygood ha detto che il gruppo è rimasto sconvolto dal modo in cui l'animale si nutre. La parte finale del guscio, che ospita la bocca dell'animale, è chiusa — il che fa pensare che non usino la bocca per mangiare.

La bocca di uno di questi teredinidi giganti. Immagine: Marvin Altamia

"La risposta, dopo anni di lavoro, è che (i K. polythalamia) ospitano batteri al loro interno che producono cibo per loro," ha detto. "Non sappiamo come il solfuro di idrogeno, un gas che si dovrebbe dissolvere nell'acqua del mare, arrivi all'animale."

Il team ha scoperto che questo teredinide segue una dieta a base di solfuro di idrogeno e diossido di carbonio, ha detto Distel. Per poterlo fare, il K. polythalamia ha bisogno di batteri chemioautotrofi (ovvero che ottengono energia da elementi chimici inorganici) che ossidano lo zolfo, nelle sue branchie.

Al momento, i ricercatori conoscono solo questa popolazione di K. polythalamia, ma Haygood ha detto che i gusci sono stati raccolti in molti posti nelle Filippine e in altre zone del Pacifico Indo-occidentale, il che fa pensare che ce ne siano altri da scoprire. Oltre a far crescere il numero di domande in generale, ovviamente.

Uno scienziato solleva il guscio per mostrare il mollusco al suo interno. Immagine: Marvin Altamia

"Vivono nel fango da appena nati o iniziano il loro ciclo vitale nella vegetazione e poi si spostano a vivere nel fango?" ha detto Haygood. "Quanto tempo impiegano per crescere? Quando troviamo un animale del genere che è lungo un metro o più, ha cinque anni, o ne ha 100?"

Questi ricercatori vogliono anche imparare di più sull'habitat del K. polythalamia. La maggior parte degli animali che vivono in habitat simili sono molto piccoli, stando a Distel, niente a che vedere con questo verme insomma, le cui dimensioni medie sono quelle di una mazza da baseball, ma che può diventare anche più grande. "Sono alta 1,60 m e ho visto un esemplare in una collezione privata di conchiglie lungo più di me," ha detto Haygood.

Stando alle sue parole, questa scoperta inaugura una serie di studi scientifici che potrebbero durare decenni.

Per ora, felici nuotate nel mare a tutti!