Salvatore Aranzulla è il nuovo testimonial di 'Black Mirror'

Ed è pronto a rispondere a tutte le nostre domande sul futuro, credo.

|
03 novembre 2016, 10:29am

Immagine: Netflix

Qui su Motherboard mi sono tolto diverse soddisfazioni personali—La più grande probabilmente, però, è stata quella di aver inaugurato una dirompente inchiesta che ha fatto luce sulla diatriba tra nientepopodimeno che Salvatore Aranzulla, oracolo e Mago Othelma dell'informatica italiana, e la community di Wikipedia in italiano.

La notte dormo sereno con la consapevolezza che è merito mio, e solo mio, se Salvatore è finito su tutte le principali testate italiane e addirittura sulla carta stampata. Oggi, non posso fare a meno che gioire al pensiero che, grazie a quella singola inchiesta, Salvatore Aranzulla sia diventato il nuovo testimonial di Black Mirror.

Netflix ha appena pubblicato sulla sua pagina Facebook un nuovo promo per la terza stagione della serie TV antologica di Charlie Brooker a tema distopie tecnologiche, "Abbiamo molte domande sul futuro," si legge a schermo. "I videogiochi saranno reali? I ricordi avranno più valore del denaro? Potremo viaggiare nel tempo? Potremo cancellare i brutti ricordi? I social network scompariranno mai?"

Mentre queste domande scorrono davanti ai nostri occhi, intravediamo una figura anonima armeggiare con delle schede elettroniche, immersa in un laboratorio polveroso, "C'è una sola persona che ha sempre una risposta, qualcuno che ha sempre le idee chiare," tuona il promo. "Quella persona è Salvatore Aranzulla."

Purtroppo, però, la risposta di Salvatore è laconica.

Grazie, Netflix.