Stuff

Il testosterone e la droga del sesso

Sono passati più di dieci anni da quando ho provato per la prima volta ad assumere testosterone in gel. Non c'erano motivi particolari, nessuna ragione medica che lo giustificasse, ma è capitato.

Drogoteca

Drogoteca


Sono passati più di dieci anni da quando ho provato per la prima volta il testosterone esogeno. Non c'erano motivi particolari, nessuna ragione medica che lo giustificasse. Come per molte altre sostanze di cui ho fatto esperienza, ero semplicemente curioso di provare e mi era capitata la possibilità di farlo. Una persona che aveva accesso a grandi dosi di medicinali—deviate dal mercato legale—mi aveva regalato tre scatole di un preparato a base di testosterone in gel. Mi disse enigmaticamente: "Te le do, se vuoi: sono nella forma più semplice, in gel, senza bisogno di iniezioni. Anche se i cultori della droga non la apprezzano più di tanto, ho clienti che la usano per scopare come bestie."

Per "scopare come bestie"? L'dea non mi dispiaceva. Il sesso tira sempre, ma per riuscire davvero a stimolare il sesso bestiale quel gel doveva avere un forte effetto psicoattivo. Come regolarsi allora con quel "come bestie?" Con il passare degli anni ti rendi conto che quello che per una persona è l'eccesso, per un'altra può essere del tutto normale. Descrivere gli effetti delle droghe è molto difficile, specialmente quando si tratta dell'intensità delle sensazioni che stimolano.

Come per qualsiasi altra sostanza che ho provato, ho cominciato con un periodo di letture e studi sul tema, derivanti da varie fonti e da esperienze dirette di altre persone. Però c'era un qualcosa di frustrante: la maggior parte delle esperienze che avevo raccolto derivava dalla comunità transessuale, da persone che avevano bisogno del testosterone durante il processo di "mascolinizzazione" degli ormoni.

Non era il mio caso: ero un ragazzo etero, già dotato di testosterone proprio, e né la mia mente né il mio corpo avrebbero processato l'esperienza nello stesso modo in cui lo facevano persone prive di testosterone o appartenenti ad altri orientamenti sessuali. Così mi misi d'accordo con la mia ragazza dell'epoca: non c'era modo migliore che provarlo in coppia, per poter avere un occhio esterno in grado di valutare i cambiamenti.

Ripensandoci, la mia paura più grande era quella di trasformami in una specie di pazzo iperaggressivo che avrebbe continuato a traspirare testosterone finché un altro pazzo più aggressivo non gli avesse spaccato la testa. Nel mio caso, l'aggressività non ne ha risentito: non sono un tipo che va in giro a fare il gorilla, e non è successo nemmeno con il testosterone.

In questo senso è un po' come l'alcol: ci sono quelli che dopo un paio di bicchieri si trasformano in criminali, quelli a cui concilia il sonno, e quelli che semplicemente si rilassano. Il testosterone evoca immediatamente l'aggressività maschile, ma non c'è una correlazione così diretta per cui a più testosterone corrisponde maggiore aggressività. Negli animali, il maschio con un basso livello di testosterone è meno sensibile agli stimoli che destano l'aggressività. Quando gli viene somministrato del testosterone, recupera la reattività aggressiva a certi stimoli, ma l'ormone non aumenta direttamente l'aggressività. Questo effetto è abbastanza riscontrabile negli uomini, poiché c'è un aumento di reattività: possiamo dire che non succede niente di nuovo, ma che quello che succede avviene più rapidamente. Allo stesso modo, siamo più reattivi a stimoli sessuali che in altri momenti si limiterebbero a pensieri passeggeri.

Dopo la ricerca delle informazioni, era tempo di affrontare la mia prima esperienza col testosterone esogeno. Sapevo che il testosterone non è la classica droga che prendi e che fa effetto nel giro di qualche minuto o ora. Ho iniziato con una bustina di Testogel ogni 24 ore, e non avendo riscontrato particolari cambiamenti dopo qualche giorno sono passato a 2 bustine. Non era ancora trascorsa una settimana dall'aumento delle dosi quando—la mia compagna un po' prima, io dopo—abbiamo notato che le tipiche erezioni della mattina erano diventate un po' più di un mero atto fisiologico. Non svanivano così facilmente come prima (e la cosa mi disturbava non poco quando dovevo urinare), così abbiamo aggiunto alla nostra routine una dose extra di sesso mattutino. A me non creava nessun problema, e lei era soddisfatta: svegliarsi per fare sesso è sempre meglio che svegliarsi con la sveglia e il lavoro che chiama.

Alla terza settimana di prova, i cambiamenti a livello sessuale erano ormai evidenti. C'era una maggiore attivazione fisiologica in tutti i sensi, con frequenti erezioni spontanee come non capitava dall'adolescenza. Non mi ricordo esattamente cosa si manifestasse prima, se il desiderio o l'erezione. Per tutta la via avevo creduto che fosse il desiderio a innescare l'erezione, ma quello che stavo vivendo era diverso: era un nuovo tipo di eccitazione, che nasceva dai genitali e saliva al cervello.

Mi spiego. Puoi tranquillamente essere in un bar a prendere il caffè e leggere il giornale, senza che l'ingresso di una donna (una donna che risponde ai tuoi gusti) ti susciti qualche reazione. Ma se questa donna entra in scena quando hai un'erezione piuttosto importante, ecco che con ogni probabilità verrà incorporata nelle tue fantasie sessuali: in quelle immediate, se sei un tipo a cui piace immaginare scene rapide come quella che potrebbe essere in corso nel bagno delle signore, o in quelle più elaborate, se preferisci sviluppi più lenti e voluttuosi.



Col testosterone aumenta la tua propensione al sesso. E anche quella a ficcarti nei guai. Ti apre gli occhi, come un risveglio dopo un lungo letargo in cui ti rendi conto dell'esistenza di molte più partner sessuali di quelle che individuavi prima e sei molto più sensibile agli stimoli—soprattutto a quelli visivi, che si traducono rapidamente in reazioni fisiologiche.

In una situazione del genere non è poi così difficile incontrare altre persone altrettanto propense, e un mese dopo l'inizio della "terapia" facevo sesso con altre due donne alle spalle della mia compagna. Questi rapporti non avevano nulla a che fare con l'amore o l'affetto: non riuscivo a saziare i miei impulsi sessuali, e non facevo in tempo ad avere un orgasmo che già fantasticavo su quello successivo. Non ci è voluto molto perché la mia ragazza se ne accorgesse e iniziasse a controllarmi (tramite il cellulare, come succede spesso), e quando alla fine ne abbiamo discusso, l'esito è stato dei più inaspettati: poteva accettare che ad animarmi fosse esclusivamente un impulso sessuale scisso dall'amore, ma allora voleva provare anche lei.

Anche le donne producono testosterone, ma lo fanno in quantità molto basse. Di conseguenza, anche la dose necessaria a migliorare l'appetito sessuale di una donna è di molto inferiore. E poi andavano tenute in considerazione le controindicazioni; lo stesso bugiardino del Testogel inseriva le reazioni cutanee tra i principali effetti indesiderati. La mia compagna ha iniziato intingendo ogni giorno il dito nella bustina e spalmandosi il gel sul ventre. Gli effetti si sono manifestanti in meno di una settimana: l'appetito sessuale era maggiore, e in generale lei era più recettiva a stimoli che in altri casi avrebbe probabilmente disprezzato.

Se all'inizio era una situazione abbastanza piacevole, col tempo è diventata routine: l'appetito e la fantasia erano troppi perché potessimo saziarli tra noi. Così abbiamo iniziato a discutere di cose a tre e di orge. Avevamo entrambi un'idea piuttosto chiara di ciò che cercavamo e dopo un po' siamo riusciti a trovare una donna disposta a fare sesso con entrambi e che, a sua volta, ci ha presentati un quarto elemento poi aggiuntosi al gruppo. Anche a loro è stato spiegato del testosterone, e di come fosse stato determinante nello spingerci a provare nuove esperienze con altre persone. L'uomo ha deciso di provarlo, mentre la donna si è astenuta per timore di effetti indesiderati.

Ed è allora che abbiamo capito cosa significasse "scopare come bestie" sotto testosterone: scopare come se non ci fosse un domani, come se fosse l'ultima volta, come se dovessi placare una sete implacabile. Scopare con la tua donna, con la sua amica, con degli sconosciuti, solo per il gusto di farlo. E avere sempre più voglia.

Nota: l'autore non intende incoraggiare l'assunzione di testosterone senza adeguata prescrizione medica, e si limita a raccontare la sua esperienza. In mancanza della supervisione di un medico l'uso di ormoni, di qualsiasi tipo essi siano, può avere conseguenze che non devono assolutamente essere sottovalutate.

Altro da VICE
Vice Channels