FYI.

This story is over 5 years old.

News

Come sarà l'intervento occidentale in Siria

L'Inghilterra si è chiamata fuori dai giochi, ma le portaerei di Francia e Stati Uniti sono sempre più vicine alle coste siriane. Assisteremo all'effettiva distruzione delle testate chimiche, o la guerra diventerà solo più lunga e distruttiva?
5.9.13

Foto macchiate di rosso sangue di Bashar al-Assad. (foto di Sunil Patel)

La guerra in Siria sta giungendo a un punto cruciale. Nel corso delle ultime 48 ore, il numero dei rifugiati in fuga dal conflitto più brutale del momento ha raggiunto e superato i due milioni, la portaerei della US Navy USS Nimitz ha fatto rotta verso nord attraverso il Mar Rosso. Nonostante una votazione recente abbia escluso il coinvolgimento britannico nella crisi, le forze statunitensi e francesi saranno probabilmente in campo da settimana prossima. Entrambe sono in attesa del via libera da loro capi politici.

Pubblicità

Come sapete, quest'ultima fase dell’incubo siriano è iniziata due settimane fa, quando una raffica di presunte armi chimiche ha colpito Ghouta, una zona in mano ai ribelli a est della capitale siriana Damasco. Centinaia sono rimasti uccisi nell'attacco, nel quale—almeno secondo i governi americani e francesi—quasi certamente sono state utilizzate armi chimiche vietate. Poiché l'uso di armi chimiche costituisce una violazione del diritto internazionale, il loro utilizzo è anche una comoda scusa per l'Occidente per tirare fuori i jet e puntarli ancora verso est.

Durante la scorsa settimana, il Pentagono ha ordinato ai cacciatorpedinieri della US Navy USS Ramage, USS Barry, USS Gravely e USS Mahan della sesta flotta di stanza in Europa di spostarsi a pochi chilometri dalla costa siriana. La fregata anti-aria francese  Chevalier Paul non era molto distante, e la portaerei Charles De Gaulle è in standby. Ogni nave è carica di missili Tomahawk, appositamente progettati per distruggere obiettivi a terra.

La Nimitz è solo l'ultima arrivata nella regione, e la sua dislocazione può essere interpretata come un segno della sempre maggiore serietà di Obama riguardo alla distruzione della macchina da guerra di Assad. Il presidente americano sta solo aspettando l’approvazione da parte del Congresso, anche a causa della sconfitta di Cameron a Londra la scorsa settimana sulla stessa questione. Obama otterrà probabilmente il "permesso" di intervenire che si è lasciato soffiare il suo amico premier inglese, e sarà probabilmente dopo il fine settimana. Ha pure guadagnato il sostegno di importanti repubblicani al Congresso, il che è molto insolito—di norma, il puro spirito di vendetta politica impedisce ai partiti degli Stati Uniti di concordare su una qualsiasi cosa importante.

Pubblicità

Così adesso, a breve distanza dalla costa siriana, le forze occidentali scalpitano. Le portaerei statunitensi e francesi hanno centinaia di aerei da combattimento e altri aerei pronti a partire se fosse necessaria più potenza di fuoco (cosa che sarà probabilmente decisa dopo l'attacco iniziale). Forse sorprendentemente, i siriani dispongono di qualche arnese piuttosto pericoloso, non ultimo il P-800 Yakhont, missile antinave supersonico, e una gamma di lanciamissili russi terra-aria. Ma anche se utilizzassero le migliori armi che hanno, c’è poco fare contro le contromisure difensive della marina militare americana e francese.

Un missile supersonico P-800 Yakhont in azione.

Mentre alcuni hanno ipotizzato che i missili degli occidentali siano stati programmati per colpire direttamente le scorte chimiche di Assad, gli esperti non sono d'accordo. Secondo Karl Dewey di IHS Janes's, l'unico vero modo per distruggere gli stock chimici sarebbero le munizioniAgent Defeat—un'arma simile al napalm progettata per bruciare a una temperatura abbastanza alta da distruggere completamente le armi chimiche.

Il problema, dice Karl, è che non c'è alcuna garanzia che funzionino correttamente: "Le testate Agent Defeat non sono mai state utilizzate se non durante test di prova, quindi c'è il rischio che i bunker con le armi possano non essere completamente distrutti. Se ciò accadesse, gli agenti chimici fuoriuscirebbero nell’atmosfera e diffonderebbero le tossine. Anche se fosse una fuoriuscita di poco conto, potrebbe causare enormi problemi alle persone nelle vicinanze."

Pubblicità

Ha continuato, "Un altro pericolo è che le testate possano uccidere le guardie che custodiscono le armi o costringerle a fuggire, lasciando una struttura aperta al saccheggio degli agenti chimici di cui gli alleati vogliono sbarazzarsi.”

L'opzione più probabile, quindi, è che le navi americane e francesi mirino alle infrastrutture siriane adibite al "comando e controllo"—edifici, tende, aeroporti e altri luoghi utilizzati dal governo siriano per organizzare la guerra contro il suo stesso popolo. Basi aeree militari sarebbero gli obiettivi migliori, dal momento che Assad non può nasconderli. Jeremy Binnie, editor per la sezione Medio Oriente del Jane’s Defence Weekly, mi ha detto che l'attacco della coalizione avrà probabilmente le sembianze di un "attacco lampo punitivo", progettato per mostrare ad Assad che l'uso di armi chimiche è inaccettabile.

Gli obiettivi potrebbero anche includere il palazzo del Ministero della Difesa di Damasco, dicono alcuni, ma Jeremy non è preoccupato che gli stati occidentali si facciano trascinare troppo: "Gli inglesi e gli americani sono in grado di effettuare questo tipo di attacco", ha detto, "in modo sicuro e con il minimo rischio. Manderanno un messaggio chiaro senza impegnarsi in una lotta a tempo indeterminato."

Un edificio bombardato in Siria. (Foto di Rick Findler)

Ha respinto il suggerimento che i Tomahawk possano essere usati per colpire le forze jihadiste come bonus—una voce che è corsa su varie bacheche estremiste nei giorni scorsi. "Tali obiettivi non sono sostanziali," Jeremy ha spiegato, "e i Tomahawk sono costosi. Qualcuno avanza anche l'ipotesi che un'aggressione con Tomahawk alla contraerea, abbastanza solida, siriana potrebbe essere seguita da attacchi aerei.

Pubblicità

La Russia non ne è contenta. Mosca è stata la più grande, più importante e (soprattutto) impenitente alleata della Siria dall'inizio della guerra due anni fa, fornendo ad Assad la maggior parte delle armi e sostegno. Putin ha definito le accuse che il regime siriano abbia usato armi chimiche "totali sciocchezze". Una nave spia russa è entrata in camponel Mediterraneo orientale, dando a tutta la vicenda un sapore molto Guerra Fredda. Altri fanno rimandi storici ancora più spaventosi, David Davis, conservatore inglese, mi ha detto che "la situazione in Medio Oriente ha connotazioni simil 1913-1914," e ha aggiunto, "Se ci mettiamo in una situazione di crescente aggressività, con noi che attacchiamo Assad e russi, cinesi e iraniani che riforniscono armi, potrebbe finire in un nuovo Vietnam. "

Di recente, Putin ha detto che sosterrà l'intervento se sarà dimostrato "al di là di ogni dubbio" che Assad è stato responsabile di attacchi chimici. Dal momento che non sarà mai provato, (gli ispettori dell'ONU non sono autorizzati a dire chi pensano che ci sia dietro gli attacchi), sta soltanto adducendo false scuse. Quindi, per ora, tutte le parti rimangono ferme in attesa. Il governo francese ha fatto sapere che il voto contrario dell’Inghilterra non influenzerà la loro decisione, e gli Stati Uniti—come sempre—fanno quello che vogliono. La situazione a Damasco è tesa, e Assad ha avvertito che un intervento rischia di scatenare una guerra nella "polveriera" del Medio Oriente. L’avrebbe detto in ogni caso.

Pubblicità

Circa 110.000 persone sono morte in Siria da quando è scoppiata la guerra. Secondo l'Onu, la guerra è la "crisi umanitaria del secolo" e i vicini della Siria sono "soggiogati dall'incredibile sforzo" di gestire i rifugiati. Circa un terzo dei siriani sono sfollati o sono fuggiti dal paese, i prezzi del pane sono triplicati da quando è stato pianificato l'intervento e il conflitto ha alimentato le violenze, dall’Iraq al Libano.

Non ci sono risvolti positivi, ma l'intervento e la distruzione delle forze di Assad potrebbero significare una svolta per coloro che sono stati maltrattati e umiliati da decenni di dittatura. Oppure, potenzialmente, potrebbe trascinare la regione in una guerra ancora più lunga. Resta ancora da vedere se i missili francesi e americani illumineranno i cieli del Mediterraneo la prossima settimana, ma per ora non c'è alcun segno di una rapida fine della guerra peggiore degli ultimi anni.

Segui Alex su Twitter: @alexchitty

Altro sul conflitto siriano:

Siria - Full Lenght

I rifugiati siriani sono bloccati tra due inferni

Sono andato in Siria per imparare a fare il giornalista