momenti storia della droga
Cultura

Le storie sulla droga più stupide degli ultimi 100 anni

Lo sapevi che un gruppo di hippie negli anni Sessanta ha cercato di far levitare il Pentagono? E che il governo irlandese ha legalizzato per sbaglio tutte le droghe per 24 ore?
illustrazioni di Pamela Guest
Giacomo Stefanini
traduzione di Giacomo Stefanini
19 marzo 2020, 9:42am

Questo articolo è tratto dallo Stupid Issue_, il numero di VICE Magazine dedicato a tutto ciò che è ridicolo, goffo e semplicemente stupido. Contiene le storie delle idee, i trend e i prodotti più improbabili; saggi su quanto l'idiozia, se vissuta con sfacciataggine, possa essere una parte fondamentalmente liberatoria della vita._

La droga e la stupidità sono amiche da tanto tempo. Nel secolo passato, mentre nuove droghe venivano continuamente create, vendute, consumate e messe fuorilegge in tutto il mondo, la stupidità ha sempre seguito il loro percorso da vicino.

Ma non sto affermando che assumere droghe sia una cosa stupida di per sé—ci sono fior fior di studi che dimostrano che un uso di droga responsabile può alleviare lo stress e che l'MDMA, per esempio, è un utile strumento per affrontare disturbi psichici come il PTSD. E non dimentichiamo che la ragione principale per cui molte persone si fanno non è sfuggire al dolore o migliorare se stessi, ma lasciarsi andare e non pensare ai propri problemi, fare gli stupidi soltanto per un po'. (O per diverse ore se la droga in questione è l'acido.)

No, sto dicendo piuttosto che la fetta più grande di idiozia è arrivata, nel corso della storia moderna, da persone che non sapevano nulla di droga, teste vuote o interi apparati statali. Alcune loro risposte e decisioni sono ridicole, altre scioccanti, altre ancora semplicemente stupide. Questa è la mia selezione dei momenti più stupidi nella storia della droga.

1936 - Reefer Madness
Distribuito nei cinema statunitensi un anno prima che le nuove leggi anti-cannabis fossero introdotte dal commissario antidroga Harry J. Anslinger—di cui si ricorda la famosa frase "Se l'orrendo mostro di Frankenstein si trovasse faccia a faccia con il mostro della marihuana [sic], morirebbe di paura"—questo film di propaganda inizia con un dottore che mette in guardia i pazienti dalla malvagia trappola dell'erba. Ma cinque giovani non lo ascoltano e, alla fine del film, Jimmy ha mandato all'ospedale un pedone investendolo con l'auto, Jack sparato a Mary, Blanche si è suicidata e Ralph è impazzito e pestato a morte Jack. Tutto perché hanno fumato una canna.

1953 - I bordelli all'LSD della CIA
Nella cosiddetta “Operazione Orgasmo di Mezzanotte,” la CIA ha attrezzato le case chiuse di New York e San Francisco con degli specchi semiriflettenti e pagato le prostitute per somministrare ai clienti cocktail all'LSD in modo che gli agenti potessero osservare l'effetto della droga su persone ignare. Questa operazione illegale in cui si stima che siano stati drogati senza consenso moltissimi americani innocenti è durata 13 anni ed è stata resa pubblica da un ispettore della CIA nel 1963, tre anni prima che si concludesse del tutto nel 1966.

1966 - Scientology lancia la sua ala antidroga
Narconon: “Una rete globale che aiuta le persone a superare la devastazione della dipendenza dalla droga." Suona come un Narcotici Anonimi aziendalista. Ma una veloce ricerca su Google rivela qualcosa di... interessante. Narconon, che gestisce centri di riabilitazione e fornisce corsi educativi sulle droghe per le scuole, è promossa e gestita dalla Chiesa di Scientology. In altre parole, le ultime persone al mondo da cui farsi aiutare per uscire dalla droga. Non sorprende, infatti, che uno studio dei metodi usati da Scientology e Narconon per trattare la dipendenza abbia trovato ben poche dimostrazioni del loro funzionamento. I pamphlet deliranti pubblicati da un gruppo collegato alla Chiesa di Scientology, la Fondazione per un Mondo Senza Droga, includono una serie di ridicoli proclama. Ovviamente, le istituzioni di riabilitazione serie e le autorità di tutto il mondo hanno fatto la coda per screditarli.

1967 - Quando degli hippie in trip hanno cercato di far levitare il Pentagono
Nell'ottobre 1967, circa 50 mila pacifisti hanno marciato fino agli scalini del Pentagono per protestare contro il coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra del Vietnam. Ma non si è trattato della solita manifestazione: un gruppo di fattoni di Haight-Ashbury ha tentato di esorcizzare e "sollevare il Pentagono in aria di 90 metri." L'edificio non si è mai alzato da terra, ma il corteo, ritratto in The Armies of the Night di Norman Mailer, è diventato uno dei momenti chiave della controcultura.

1967 - I filetti delle banane
Lo sapevi che se fai seccare i filetti delle banane puoi estrarne una sostanza chiamata "bananadina" che se la fumi ti fa un casino? Non è vero, ma quello che è partito come uno scherzo da parte di una rivista underground californiana chiamata Berkeley Barb è diventata una vera leggenda metropolitana. È stata riportata anche dal famoso Anarchist’s Cookbook, un manuale per persone solitarie che insegnava a consumare droghe e produrre bombe, e ha addirittura dato vita a un'indagine da parte della Food and Drug Administration degli USA per scoprire "i possibili effetti allucinogeni delle bucce di banana".

1980 - Il tatuaggio della stella blu
Una delle prime psicosi collettive da droga è stata il mito del "tatuaggio della stella blu", per cui pareva che gli spacciatori vendessero trasferelli imbevuti di LSD a bambini ignari. Si pensa che il tutto sia partito da un volantino sbagliato distribuito da una parrocchia avventista del settimo giorno in New Jersey, e che da lì la leggenda si sia propagata di chiesa in scuola, di scuola in commissariato, fino ad arrivare agli ospedali di tutta l'America e addirittura in UK. Di questa diceria sono figlie tutte quelle storie assurde, come quella del Quik alla fragola, della metanfetamina al sapore di fragola venduta ai bambini come se fossero caramelle frizzanti, una voce che ha addirittura portato il senato statunitense a concepire una proposta di legge, mai promulgata, che inasprisse le pene per gli spacciatori colti a vendere droghe che potevano essere scambiate per dolciumi.

1582926423119-StupidDrunkMomentsInHistory_Spot1_PG

1987 - "**This Is Your Brain on Drugs"** Forse una delle peggiori metafore per la droga di tutti i tempi. Questa pubblicità antidroga del governo USA ritraeva un uomo con in mano un uovo ("Questo è il tuo cervello", diceva allo spettatore) che puntava il dito verso una padella ("Questa è la droga"), prima di rompere l'uovo sulla padella calda. Mentre l'uovo sfrigola, alza la padella verso l'obiettivo e dice: "Questo è il tuo cervello con la droga. Domande?" Al che gran parte dell'America ha risposto: "Ma che cazzo stai dicendo?"

1992 - “E’s are good”
All'inizio, né la BBC né nessuno sopra i 30 anni aveva prestato attenzione al fatto che una canzone intitolata “Ebeneezer Goode” avesse raggiunto il primo posto nelle classifiche musicali britanniche. Ma evidentemente non avevano ascoltato molto bene. In un momento in cui l'MDMA (conosciuto anche come E o ecstasy in UK) era il nemico pubblico numero uno, il ritornello "Eezer Goode, Eezer Goode" (che si legge come "E's are good", "l'E è buono") era un vero scherzone: il testo era una vera e propria ode alla droga. A un certo punto la canzone è stata bandita dalla BBC. The Shamen, che erano riusciti a cantarla dal vivo su Top of the Pops, sono stati definiti "una disgrazia" per aver diffuso un messaggio pro-droga.

1997 - Fregati dalla “cake”
Vista la risposta immediata dei media a ogni nuova droga che compare sul mercato, il programma satirico inglese Brass Eye ha convinto un deputato e varie celebrità a far parte di una campagna contro una droga inesistente di nome "cake". Completamente ignoranti, questi personaggi pubblici ci sono cascati in pieno e hanno pubblicamente sostenuto gruppi antidroga completamente falsi come B.O.M.B.D. e F.U.K.D. parlando commossi agli spettatori di un giovane utilizzatore di cake che "ha pianto tutti i liquidi del suo corpo" e di un'altra che "ha vomitato il suo stesso osso pelvico".

1998 - “Un mondo senza droga—Si può fare”
Questo è stato lo slogan di una dichiarazione emanata dall'ONU nel 1998 sul controllo globale della droga, che si proponeva di eliminare tutta la droga dal mondo entro il 2008. Più di 20 anni dopo, le droghe sono più numerose e varie che mai.

2002 - La droga sbagliata
Gli scienziati della Università di Medicina Johns Hopkins di Baltimora hanno pubblicato una ricerca sulla rivista accademica Science in cui si affermava che l'MDMA può provocare il morbo di Parkinson, scatenando un allarme globale. Un anno dopo, il gruppo di ricercatori si è reso conto che alle scimmie sottoposte al test era stata somministrata metanfetamina, non MDMA, ed è stato costretto a pubblicare una ritrattazione prima di beccarsi una denuncia per diffamazione dall'ecstasy.

2003 - Mio figlio, lo spacciatore
Uno degli unici esempi dimostrati della leggenda metropolitana degli spacciatori che distribuiscono stupefacenti ai bambini fuori da scuola non è tardato a comparire. In un articolo pubblicato dal tabloid inglese Sunday People, il giornalista Stewart Fowler ha raccontato di “Rev”, uno spacciatore "vestito in jeans strappati e giubbotto di pelle" colto in flagrante dalle telecamere "mentre prende cinicamente di mira i più giovani con delle pastiglie". Si è poi scoperto che Rev era in realtà il figlio adolescente del fotografo del giornale, appositamente assoldato per questa truffa. La mamma lo ha riconosciuto e ha chiamato il giornale per lamentarsi. Fowler e il fotografo sono stati licenziati.

2005 - “Scoiattoli fatti di crack”
Le storie sugli animali sballati sono come l'erba gatta per gli umani. Ma questa prima pagina del South London Press, un tempo uno dei più famosi giornali di Londra, che racconta di come un branco di scoiattoli a Brixton sarebbe diventato dipendente dal crack, rubato dalle scorte degli spacciatori nascoste negli alberi, era fortunatamente falsa. La notizia era stata presa da una battuta su un forum online in cui si ipotizzava che gli scoiattoli tirassero fuori le rocce di crack dai loro nascondigli.

1583241701226-StupidDrunkMomentsInHistory_Spot2_PG

2011 - Il meme del “10-Guy”
In cui la faccia da stonato di un giovane uomo diventa un meme virale chiamato "10-Guy", dove il 10 indica il livello massimo di fattanza secondo il forum di Reddit. Alla sua foto vengono aggiunti testi confusi e sfattonate tipo "Marilize Legajuana" e "Che cottura preferisci per l'hamburger? Pancetta".

2015 - L'Irlanda legalizza le droghe per sbaglio
Per 24 ore, nel marzo 2015, il governo irlandese ha legalizzato per sbaglio un certo numero di droghe, tra cui ketamina, ecstasy e crystal meth. L'errore, festeggiato nelle discoteche di tutto il paese, ma rettificato in fretta e furia con una legge d'emergenza, è avvenuto quando i giudici hanno proclamato incostituzionale il principale articolo del codice civile nazionale sulla droga.

2018 - I finti sfratti da meth della Nuova Zelanda
Più di 1000 inquilini sono stati sfrattati in tutta la Nuova Zelanda dopo che il governo li ha ingiustamente accusati di produrre o consumare meth. Questo gigantesco scivolone, in cui legittimi occupanti di case popolari sono stati buttati fuori senza nemmeno potersi portare via le proprie cose, finendo letteralmente in mezzo a una strada, è avvenuto a causa di una errata interpretazione di alcuni test.

2018 - Il tizio che si è fatto una riga sulla tomba di Pablo Escobar
Deve essere parsa una buona idea sul momento, ma sniffare una riga di cocaina stesa sulla lapide di Pablo Escobar si è rivelata una grossa stupidaggine. Il turista inglese Steven Semmens ha dichiarato di averlo fatto come "segno di rispetto", ma dopo che il filmato dell'accaduto è diventato virale è stato cacciato dalla Colombia e ha ricevuto minacce di morte su Facebook.

2019 - Quando hanno mandato le squadre in tenuta da guerra chimica per gestire le overdose di fentanyl
L'ultima forma di isteria da droga si è manifestata con le squadre in tenuta da guerra chimica che in tutti gli Stati Uniti sono state mandate a gestire le sospette overdose da fentanyl, nonostante gli scienziati insistano che è altamente improbabile che una persona possa andare in overdose da fentanyl solo toccando la sostanza, trovandosi nella stessa stanza della sostanza, o toccando una persona che ne ha consumato una dose estrema.