Munchies School: come fare una Cacio e Pepe da vero chef

Spaghetti, Pecorino Romano e pepe macinato fresco: per fare una buona Cacio e Pepe bastano questi tre ingredienti e un po' di tecnica.
8.9.21
Ricetta Cacio e Pepe

“Cosa ci vuole a fare una buona Cacio e Pepe?”. Forse ve lo siete chiesti anche voi alle due di notte, con un po’ di persone a casa, intente a improvvisare una spaghettata notturna, e forse il risultato, benché annebbiato da qualche bicchiere di vino e l’ora tarda, non vi è sembrato poi così male. Ma quella Cacio e Pepe, sinonimo di piatto facile, veloce e soddisfacente, nasconde molte insidie.

In questo nuovo episodio di Munchies School - la nostra "scuola" virtuale, dove cerchiamo di imparare a fare alcune delle ricette base, italiane e non solo - parliamo proprio di Cacio e Pepe. In nostro aiuto arriva Matteo Fronduti, lo chef di Manna a Milano, che ci spiega come un piatto di pasta così facile possa diventare ancora più buono.

Come fare una buona cacio e pepe

Ecco i piccoli accorgimenti per una buona cacio e pepe secondo lo chef Fronduti:

  1. Salare la pasta: non si deve pensare che il pecorino romano - ingrediente fondamentale del piatto - ci esoneri dal salare la pasta. La pasta deve avere una sua sapidità.
  2. Si può “tagliare” il Pecorino Romano con il Parmigiano o il Grana: se si ha paura della sapidità del piatto meglio creare una salsa meno carica.
  3. Usare il pepe nero in grani: il pepe nero già macinato equivale secondo lo chef Fronduti alla “sabbietta del gatto” quindi vale la pena tostare il pepe in grani, farlo raffreddare, e poi macinare fresco. Questo darà un altro sapore al piatto.

Pubblicità

Per tutto il resto del procedimento vi rimandiamo al video.
Potete guardarlo su Facebook o su Instagram.

Guardate anche gli altri episodi: magari vi interessano come si fa un ragù veloce o un riso allo zafferano senza brodo?