Il dissing di Eminem a Machine Gun Kelly è ancora più cattivo

Abbiamo tradotto e spiegato il testo di "KILLSHOT", in cui Eminem usa "Stan" per distruggere MGK e tira in mezzo addirittura l'omicidio di Tupac.
L'artwork di "KILLSHOT" di Eminem. 

Benvenuti a un nuovo episodio della saga di Kamikaze di Eminem, album di cui stiamo parlando da quando è uscito perché è 1) il progetto più convincente di Slim Shady da anni a questa parte; 2) un album che ha generato un'accesa conversazione negli Stati Uniti sull'invecchiamento della poetica di Eminem e sul ruolo del linguaggio in un mondo più attento all'uso delle parole e alla loro percezione; 3) era pieno di insulti a tutti i rapper che non andavano a genio al suo autore.

Pubblicità

Uno di questi rapper, Machine Gun Kelly, ha colto l'occasione per rispondere a Eminem con un lungo dissing intitolato "Rap Devil", che avevo tradotto e spiegato. Ora che è arrivata la risposta, "Killshot", non posso non riservarle lo stesso trattamento.

Rihanna mi ha appena scritto
Ieri sera le ho lasciato dei succhiotti sul collo
Aspetta, mi hai dissato? Sono perplesso
In un verso mi insulti, in quello dopo mi fai i complimenti
Cazzo, speri mi venga un colpo? Mi dispiace!
Stavo guardando 8 Mile sul mio NordicTrack
E mi sono reso conto che mi sono dimenticato di richiamarti.

La risposta di Eminem si basa sull'ambivalenza dei sentimenti che MGK prova nei suoi confronti. Nonostante gli insulti e le dichiarazioni altisonanti, il rapper di Houston ha sempre espresso una genuina passione per la musica di Em - anche in "Rap Devil", in cui riconosce che Em è "il più grande di tutti i tempi". Quindi Eminem si dichiara "perplesso" e risponde con precisione chirurgica alle insinuazioni del suo rivale. Lui avrebbe "paura di chiedere il numero a Rihanna"? Ma va, si sentono e si mordono i colli. Em ormai guarderebbe 8 Mile solo "a casa, su un tapis roulant"? Certo, ma su un tapis roulant da migliaia di dollari.

Uno screenshot dal video di "Stan" di Eminem.

Ecco quell'autografo che mi avevi chiesto per tua figlia,
L'ho fatto su un cappellino della Starter.
Stan, Stan, figlio mio
Ascolta amico, papà non è pazzo,
Ma come fai a chiamarti come un'arma
E avere quel codino in testa?

Pubblicità

Negli Stati Uniti la parola

"Stan" è diventata un sinonimo di "fan ossessionato"

, a metà tra "stalker" e "fan", e viene usata sia come sostantivo che come verbo. Il merito è proprio del classico di Eminem, che racconta la storia di un suo fan così fissato con la sua figura che si suicida. "Ecco quell'autografo che mi avevi chiesto per tuo fratello", diceva il suo testo; Em lo riprende inserendoci un "tua figlia", dato che l'origine del cattivo sangue tra i due era stata proprio un commento di MGK su sua figlia Hailie. E poi prende per il culo il suo rivale per il suo "man-bun", rispondendo per le righe ai commenti che aveva fatto sulla sua barba.

Stai mangiando cereali o fiocchi d'avena?
Che cazzo c'è in quella tazza, latte? Roba integrale, Cheerios?
Perché ci ho cagato dentro, Kelly! Ho bisogno di qualcosa da leggere…
Un dizionario? Dopo una sezione in cui Eminem nega di aver agito per rovinare la vita e la carriera di MGK ecco arrivare un sano momento dedicato agli insulti creativi. Nel video di "Rap Devil", Kelly mangia qualcosa da una scodella sebbene il gesto non abbia alcun collegamento con il video o il testo del pezzo. Dato che MGK lo aveva descritto come uno sfigato che passava le giornate chiuso in casa a leggere il dizionario, Eminem gli rivela che lo legge eccome - sulla tazza del cesso, mentre produce gli escrementi che lui mangia.

Eminem procede prendendo per il culo per un errore: in "Rap Devil" gli aveva detto che i suoi ultimi quattro album fanno schifo e di tornare quello di Recovery, ma Recovery è uno dei suoi ultimi quattro album. Poi si dichiara felice di essere più vecchio di MGK, lo accusa di essersi scavato la tomba da solo, e poi affonda un colpo violento.

Pubblicità

Non ti hanno mai messo in una lista assieme a Biggie, a Jay.
Ti mettono insieme a Taylor Swift e a quella puttana di Iggy!

Qua Eminem, in classico stile Eminem, riesce a insultare il destinatario del suo dissing insultando un'altra persona. L'idea è "Io sono uno dei rapper migliori di sempre, tu sei una popstar o al massimo un rapper fallito". Non è la prima volta che Em insulta pesantemente Iggy Azalea, artista che

aveva ricevuto diverse critiche

quando aveva provato ad affermarsi come rapper. Nel 2014 aveva letteralmente

minacciato di stuprarla

: "Iggy, che fai? Succhi il fischietto anti-stupro che ti tieni in tasca o lo succhi a me?" Lei aveva

risposto

dicendo di essere "stanca di questa moda dei vecchi che minacciano ragazze più giovani come forma d'intrattenimento" e che

era buffo

che suo fratellino, grande fan di Eminem, ora sapesse che il suo rapper preferito aveva minacciato di stupro sua sorella. Iggy ha

risposto

anche a questo "puttana" gratuito: "I dissing non dovrebbero essere pieni di nomi di celebrità messi lì solo per riempire barre non ispirate".

Una vecchia foto di Hailie ed Eminem.

Stai per scoppiare, Kelly! Metteranno il tuo nome
Assieme a quelli di Ja e di Benzino—muori, figlio di puttana!
Proprio come è morto l'ultimo che ha pronunciato il nome di Hailie in vano.

Non è la prima volta che Eminem si arrabbia perché un rapper parla di sua figlia. Benzino è un rapper ed ex-editor della rivista hip-hop

The Source

Pubblicità

che aveva recensito male il suo

Marshall Mathers LP

. In

un pezzo

aveva detto a Eminem di "guardarsi le spalle" perché lui e i suoi avrebbero fatto fatto finire Hailie come

JonBenét Ramsey

, reginetta di bellezza uccisa a sei anni da ignoti. Ja Rule aveva invece dissato Eminem in

un pezzo

rivolto a 50 Cent, dicendo "Em, dici che tua mamma si fa di crack / E che tutti sanno che Kim è una puttana / E allora cosa diventerà Hailie da grande?" Eminem mette MGK nella loro stessa categoria: quella di rapper finiti e demoliti che hanno provato a far parlare di sé parlando male di lui e minacciando sua figlia.

Mi insulta perché sono ricco, 'sto coglione che usa il mio nome per fare clickbait!
Guarda come gode perché ho detto il suo cazzo di nome! Durante "Rap Devil" MGK insulta Eminem dicendogli che, essendo così ricco, non può essere così arrabbiato. Eminem ribatte con un "Sei a secco, stronzo? Nel 2002 avevo già così tanti soldi che te li avrei potuti bruciare davanti". MGK è rappresentato proprio come uno Stan che sogna di essere il suo idolo; Em gli dice che potrebbe scoparsi Kim solo se lui gli prestasse i suoi vestiti. I colpi finali arrivano al termine di un'altra serie di insulti. MGK aveva insinuato che Eminem non avrebbe mai avuto la carriera che ha avuto senza l'aiuto di Dr. Dre. Bé, ecco la risposta:

Vado a colpo sicuro, non ti mancherò, sto ancora con il Dottore,
Ma il boss di 'sto idiota si fa e gli dice che ha skill al microfono!
Kell, il giorno in cui butterai fuori una hit sarà il giorno in cui Diddy ammetterà
Che è stato lui a volere morto 2Pac e a farlo ammazzare, ah!

Machine Gun Kelly è sotto contratto con Bad Boy Records, etichetta gestita da Puff Daddy. Eminem pensa bene di calmare i toni andando a citare quella teoria per cui sia stato proprio lui a volere morto 2Pac. C'è però ancora spazio per il finale:

Sono stanco di quanto fai schifo,
Di tutto l'autotune del cazzo che continui a usare!
E allora parliamone un attimo.
Sono stanco della tua bocca da mumble rapper!
Parliamone, ok, ma prima
Tira fuori il cazzo che c'è dentro!
Sono stanco dei tuoi capelli biondi, dei tuoi orecchini!
Solo perché ti guardi allo specchio e pensi
Di essere Marshall Mathers
Non significa che tu lo sia, e non ci stai dentro,
E allora lascia il mio cazzo nella tua bocca e tieni mia figlia fuori da tutto questo.

Insomma, un compendio di tutto quello che i dissing vecchio stile sono sempre stati: fai schifo, hai dei peni in bocca, vuoi essere me e non lo sarai mai. Il colpo di genio arriva però alla fine del pezzo: come in "Kill You", pezzo pieno di minacce di morte che terminava con un "ragazze, scherzo, vi voglio bene!", così "Killshot" termina con un "Sto solo scherzando, Diddy, sai che ti voglio bene".

Segui Noisey su Instagram e su Facebook.