FYI.

This story is over 5 years old.

crisi dei migranti

Il numero di sfollati nel mondo non è mai stato così alto

Secondo un rapporto dell'UNHCR, la crisi mondiale degli sfollati sta peggiorando sotto ogni punto di vista. Le possibilità che un rifugiato faccia ritorno a casa non sono così basse da almeno tre decenni.
21.12.15
Foto via EPA

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato

Per la prima volta nella storia, il numero di sfollati avrebbe "abbondantemente superato" quota 60 milioni a livello globale. A rivelarlo è un rapporto dell'UNHCR, pubblicato a dicembre.

Tra questi, 20.2 milioni sono profughi: una cifra cresciuta in modo "significativo e costante" negli ultimi quattro anni, di pari passo con il peggioramento della guerra civile siriana.

Pubblicità

"Questi processi di displacement stanno avendo un grande impatto sulla nostra epoca," ha dichiarato Antonio Guterres, l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati. "Colpiscono le vite di milioni di persone — sia di quelle che sono costrette a fuggire, sia di coloro che gli forniscono protezione e riparo."

"Mai come oggi, abbiamo un grande bisogno di tolleranza, compassione e solidarietà verso chi ha perso tutto," ha aggiunto Guterres.

Leggi anche: Cosa succede ai profughi siriani quando arrivano in Germania

Intanto, la crisi degli sfollati sta peggiorando sotto ogni punto di vista. Secondo l'ONU, le probabilità che un rifugiato faccia ritorno a casa non sono così basse da almeno tre decenni.

È successo a solo 84.000 persone nella prima metà di quest'anno; in calo, se paragonate alle 107.000 che hanno fatto ritorno a casa nello stesso periodo del 2014.

I dati dell'ONU calcolano circa 839.000 nuovi profughi nei primi sei mesi del 2015. Le persone costrette ad abbandonare le proprie abitazioni in questo lasso di tempo sono state, in media, 4.635 al giorno.

"L'aumento del numero di rifugiati fa crescere anche della pressione sui paesi ospitanti. Se questa pressione non venisse gestita in modo corretto, potrebbero aumentare l'odio e la politicizzazione della questione-profughi," ha dichiarato l'ufficio di Guterres in un comunicato.

In effetti, un'ondata di risentimento - sia da parte di politici americani, sia europei - c'è già stata. Ma nonostante la retorica si sia diffusa soprattutto nelle nazioni più ricche al mondo, sono stati i paesi a reddito medio-basso a subire maggiormente le conseguenze della crisi negli ultimi anni.

Pubblicità

Dei 4,2 milioni di rifugiati siriani che hanno lasciato il paese dal 2011, la grande maggioranza si trova in soli tre paesi — Turchia, Giordania e Libano. Se non ci fosse stata la guerra civile in Siria, il numero di rifugiati dal 2011 sarebbe aumentato molto meno, di circa 500.000 unità (rispetto ai 4.7 milioni attuali).

Leggi anche: I migranti afghani si preparano ad affrontare l'inverno sulle strade di Parigi

Alcuni dei paesi confinanti con la Siria hanno iniziato a rafforzare i controlli sugli spostamenti degli sfollati. All'inizio del mese, l'ONU ha riferito che 12.000 siriani si trovavano bloccati in un'area desertica vicino al confine con la Giordania orientale, impossibilitati a raggiungere il paese attraverso le normali vie d'accesso.

I conflitti scoppiati in Afghanistan, Burundi, Congo e Ucraina hanno portato a una netta crescita del numero di sfollati e rifugiati in diversi continenti. A detta dell'ONU, le nazioni sub-sahariane ospitano circa 4,1 milioni di profughi, più di qualsiasi altra regione al mondo. Allo stesso tempo, il numero di rifugiati afghani che vivono all'estero ammonta a 2,6 milioni, il secondo valore più alto dietro quello fatto registrare dai siriani.


Segui VICE News Italia su Twitter e su Facebook Segui Samuel Oakford su Twitter: @samueloakford